laRegione
Nuovo abbonamento
Il fronte a difesa dell'Obv si allarga (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
45 min
Soffia il vento e cade un albero in centrocittà a Lugano
La grossa pianta ha ostruito completamente via Pioda per alcune ore. Necessario l'intervento dei pompieri.
gallery
Luganese
1 ora
Un uomo scomparso fra le acque di Morcote
L'allarme è stato lanciato verso le due, subito avviate le ricerche guidate dalla Polizia cantonale con l'ausilio della Sezione lacuale e della Rega.
Bellinzonese
3 ore
Parco eolico del Gottardo: spuntano le prime torri
Da fine luglio verranno assemblate le turbine. L'entrata in servizio dell'impianto, il primo in Ticino, è prevista entro fine novembre
Luganese
9 ore
Lugano, tre ore per approvare il consuntivo 2019
Il Consiglio comunale dopo lunghe discussioni dà luce verde ai conti della Città che hanno chiuso con un utile d'esercizio di 6,7 milioni.
Mendrisiotto
9 ore
Mendrisio: La Città odierna? In futuro potrebbe essere un lusso
Nel presente l''operazione risparmio' premia i consuntivi 2019, in rosso ma meno del previsto. Al lavoro per rivedere Piano finanziario e priorità
Bellinzonese
13 ore
Grande affluenza alla Piumogna, ma nessuna irregolarità
L'area svago di Faido presa d'assalto nel weeekend: la polizia ha appioppato diverse multe per posteggio ma non per questioni legate al Covid
Gallery
Locarnese
14 ore
Intragna, frontaliere si scontra con un camion
Ferite leggere per l'uomo, che nell'affrontare una curva ha centrato il grosso automezzo che procedeva in direzione opposta
Ticino
14 ore
Escursioni in montagna, ma senza sopravvalutarsi
Studio e raccomandazioni dell'Ufficio prevenzione infortuni. Un sito online per testare la propria preparazione
Mendrisiotto
26.05.2020 - 22:080

Il futuro dell'ostetricia al tavolo dei Comuni del Mendrisiotto

Il Municipio di Coldrerio sottoporrà il dossier al Gruppo di lavoro. Politici e istituzioni locali non lasciano la presa: si teme lo smantellamento

Il Distretto non intende lasciare la presa. Non finché le istituzioni non si saranno pronunciate sul destino del reparto di ostetricia e neonatologia (e con esso il pronto soccorso pediatrico) dell'Obv di Mendrisio. E anche a quel punto tutto dipenderà dalla decisione di rinnovare (o meno) alla struttura sanitaria regionale il mandato che, da pianificazione ospedaliera cantonale garantisce alla popolazione locale la possibilità di contare su un Dipartimento donna-bambino, che in Ticino ha rappresentato un unicum. Le voci, insistenti, di un trasferimento definitivo del servizio a Lugano - dopo la riorganizzazione dettata dall'emergenza sanitaria da Covid-19 - ha fatto mobilitare la politica a livello locale e cantonale. Sin qui neanche l'aver 'bollato', da parte dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc), l'ipotesi come una 'speculazione' ha smorzato le preoccupazioni che adesso interrogano il governo - come riferito oggi da 'laRegione' - e il Municipio della Città. A reclamare chiarezza, d'altro canto, sono tutte le forze politiche, senza distinzione di sorta.

Coldrerio porterà la discussione nel Gruppo intercomunale

Adesso poi a unirsi al coro delle rivendicazioni a difesa del Mendrisiotto e del suo ospedale c'è anche un esecutivo, quello di Coldrerio. Martedì sera a portare il dossier al tavolo dell'autorità del Comune è stato Matteo Muschietti, che per primo nei giorni scorsi ha lanciato l'allarme da queste pagine. Così, dopo una discussione attenta si è deciso di coinvolgere il Gruppo intercomunale di lavoro, rafforzando quindi il fronte che reclama una struttura ospedaliera a tutto tondo a vantaggio della regione e di una popolazione di 50mila abitanti.

"Il Comune di Coldrerio - ci spiega lo stesso municipale, nonché ex presidente dell’assemblea dei delegati comunali per l’Obv, già sulle barricate negli anni Ottanta - sarà chiamato a organizzare il giugno prossimo la riunione di tutti i rappresentanti dei Comuni del Distretto in casa propria. Di conseguenza si è ritenuto necesario mettere quale trattanda principale proprio il mantenimento di tali serviziall'Obv". Non ci si fermerà lì, però. C'è l'intenzione, infatti, di contattare direttamente un rappresentante dell'Ente per poter aprire un dibattito e di tastare il polso a chi lavora in reparto. La faccenda, insomma, è tutt'altro che chiusa.

© Regiopress, All rights reserved