Tema dibattuto (Ti-Press)
Mendrisiotto
22.02.2020 - 14:450

Terza corsia autostradale, il Cantone sta con i Comuni

In una lettera all’Ustra si sostiene l’opzione che mette l’A2 in galleria. La Confederazione propende per la variabile meno costosa

L’interrogativo è di quelli amletici: potenziare o no il tratto autostradale fra Lugano Sud e Mendrisio? Al di là delle etichette di partito, il dossier fra i candidati alle prossime Comunali è controverso. Comuni e Commissione regionale dei trasporti da queste parti non hanno dubbi: se c’è da creare una terza corsia dinamica (quindi da aprire all’occorrenza) lungo l’A2, allora si scelga la variante più efficace quanto a effetti per traffico, ambiente e paesaggio (come riferito da ‘laRegione’ del 15 gennaio). L’opzione 2 (anzi la 4/2, così è stata ribattezzata), certo, è anche la più costosa: si parla di un miliardo e 355 milioni di franchi (contro il miliardo e 140 milioni della prima possibilità). Tant’è che la Confederazione appare orientata verso l’altra soluzione (la 4/1).

'La variante 2 è la migliore'

Un mese fa, però, come ci era stato confermato, erano ancora in corso trattative riservate con il Consiglio di Stato. Governo che, a inizio febbraio, in una missiva indirizzata all’Ufficio federale delle strade (Ustra), ha sciolto le sue riserve: a Palazzo delle Orsoline si schierano dalla parte delle istituzioni locali. Da subito, del resto, le ‘simpatie’ del Cantone erano andate alla variante due, per potenzialità e pregi. Gli approfondimenti e, soprattutto, la comparazione delle proposte non hanno fatto altro che suffragare la prima idea. Il lessico cantonale è chiaro: “Il confronto mostra in modo inequivocabile come la variante 4/2 sia decisamente la migliore”. La richiesta nitida: imboccare questa direzione e avviare l’iter per dare via libera al progetto generale da parte del Consiglio federale. Il CdS, quindi, non si è lasciato convincere dalle ragioni con cui l’Ustra perora la causa della prima variabile. “Non concordiamo – scrive il governo per mano del presidente Christian Vitta – sul fatto che la variante 4/1 soddisfi pienamente gli obiettivi richiesti al progetto: dal profilo paesaggistico e ambientale tale soluzione non risolve le problematiche del comparto”. Con il risultato, si rincara, “di perdere un’occasione privilegiata per rimediare a errori del passato da tutti riconosciuti”.

In gioco anche l'aggiramento di Bissone

Ma c’è di più: a fronte di benefici che si ritengono “limitati” e comunque “nettamente inferiori” rispetto all’alternativa messa sul tavolo, in gioco c’è anche l’aggiramento di Bissone. E mantenere anche solo una corsia dell’A2 sul tracciato odierno, non darebbe modo di restituire qualità di vita a uno dei villaggi lacustri verso il quale la Confederazione, sottolinea il CdS, ha delle “chiare responsabilità” in linea con le sue politiche di valorizzazione dei beni patrimoniali e paesaggistici. E ambiente e paesaggio sono, agli occhi del Cantone, criteri ineludibili. Come non è “assolutamente accettabile” l’orizzonte temporale, il 2060, ventilato, subordinando la soluzione auspicata ad altri interventi. Non solo: spetta all’autorità federale farsi carico per intero dell’operazione. Dunque il CdS non è disposto (come da proposta di partecipazione) a mettere mano alla cassa.

© Regiopress, All rights reserved