laRegione
Nuovo abbonamento
traffico-non-e-colpa-dei-sindaci
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
1 ora

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
1 ora

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
11 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
12 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
12 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
13 ore

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
13 ore

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Ticino
14 ore

Tutti i controlli radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
14 ore

Balneabili le acque di Porto Ceresio

Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
Bellinzonese
14 ore

Corbaro ritrova la libertà all'ombra del Castello di Cima

Il gufo, trovato dalla Spab con un'ala spezzata e curato dallo studio medico Keller e Pedretti, è tornato a volare nel bosco sovrastante la Turrita
Bellinzonese
15 ore

Abusò di una minorenne, pena confermata in Appello

Nessuno sconto per il 30enne ricorrente: per la Carp è colpevole di violenza carnale e dovrà scontare quattro anni di carcere
Locarnese
15 ore

Locarno, poveri pianeti dell'Astrovia

Interrogazione al Municipio sul pessimo stato di conservazione di questa proposta didattica voluta dalla Società astronomica ticinese, inaugurata nel 2001
Mendrisiotto
06.12.2019 - 22:430

Traffico, 'Non è colpa dei sindaci'

Il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali invita Mendrisiotto e Luganese a evitare una ‘guerra fra poveri’

Di chi è la colpa del traffico che invade il Mendrisiotto (ma non solo)? Vista da fuori (dall’alto di Palazzo delle Orsoline) la diatriba tra Mendrisiotto e Luganese rischia di trasformarsi in una «guerra fra poveri». Il direttore del Dipartimento del territorio (Dt) Claudio Zali, che con le colonne di lamiera ha dovuto farci i conti da subito, la vede un po’ così. Come dire, che puntarsi l’indice a vicenda non serve. Semmai, rilancia, il punto è un altro: «In un territorio come quello ticinese, limitato e sottoposto a grandi pressioni – dice a ‘laRegione’ –, vi sono troppi spostamenti. La situazione è difficile». E non da ora.
Nel Distretto, in effetti, lo sanno, e da tempo. E con la lettera aperta dei cinque sindaci di Comuni di frontiera indirizzata ai colleghi al di sopra del ponte diga di Melide (di cui abbiamo riferito oggi) ci si è voluto togliere un sassolino dalla scarpa. E senza buttarla in polemica. Anche se le reazioni non sono mancate. «Capisco benissimo la frustrazione e l’esasperazione provocata da un traffico che non riusciamo a mettere sotto controllo – riconosce il Consigliere Zali –. D’altro canto, Lugano è un datore di lavoro importante». Quindi un attrattore di lavoratori, pure da oltrefrontiera. Ecco perché a sud ci si aspetta di più. «Quelli mossi nella missiva mi sono parsi, però, rimproveri un po’ generici. Il traffico è sempre un problema e tutti possiamo fare di più. Da parte di Lugano non vedo vi siano state inadempienze particolari. Non dimentichiamo – ricorda il direttore del Dt – che in questo periodo dell’anno, con l’arrivo dell’inverno, gli scooteristi tornano a prendere l’auto, eppoi il numero dei frontalieri è aumentato, si parla di 70mila lavoratori che tutte le mattine varcano la frontiera e si aggiungono ai residenti. E sappiamo che la rete delle strade cantonali è quella che è». In altre parole è come vuotare il mare con il cucchiaino. «Un mare che viene alimentato di continuo però – precisa –. In una delle nostre teorie si è evidenziato che quando si è già al limite, basta poco per collassare». Zali ci richiama alla mente un’immagine: mettendo in fila i veicoli che attraversano il Sottoceneri si formerebbe una colonna di 250 chilometri («arriveremmo a Bologna»).

Il ‘gesto simbolico’ di Lugano

Il Mendrisiotto è consapevole dello scenario in cui ci si muove, ma crede, comunque, che gli enti locali abbiano un margine di manovra, facendo leva sulla politica dei posteggi e sulla mobilità aziendale. «Non tocca a me fare l’avvocato difensore di Lugano – tiene a precisare il Consigliere –, ma con un gesto simbolico, dalla sera alla mattina, in Città sono stati eliminati 400 posteggi nella zona dello stadio e sono stati regolamentati i parcheggi (che si sono tinti di blu, ndr)». Poi c’è il capitolo della responsabilità delle aziende. E qui Zali lascia un interrogativo aperto: sono tutte virtuose? Cosa si risponde? «Ci sono imprenditori che lo sono e altri che fanno un discorso finanziario».

Tassa di collegamento: ‘Sono 3 anni’

E a questo punto è il capo del Dipartimento a togliersi il proverbiale sassolino. «C’è il rammarico – ammette – per la tassa di collegamento, ferma al Tribunale federale da ormai 3 anni e mezzo. Da tanto aspetto una decisione sullo strumento più importante per incidere sul traffico. Tanto più che, caduta la retroattività, è come se il popolo non avesse votato (il 5 giugno del 2016, ndr), non ci sono stati effetti». In altre parole si è disinnescato quello che poteva essere un reale deterrente, in primo luogo per la realtà aziendale. Come mai tempi così lunghi? «E insoliti anche per l’Alta Corte di Losanna – aggiunge –. Paura delle ripercussioni: penso a Migros e a Coop, per citare due dei ricorrenti».
Aspettando sviluppi, in Cantone, in ogni caso, si guarda avanti. «Il prossimo passo coincide con l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri e il potenziamento del trasporto pubblico su gomma a livello locale e regionale». Zali, però, smorza gli entusiasmi di chi sogna di ribaltare le proporzioni fra traffico privato e pendolari su rotaia: i collegamenti Tilo non potrebbero reggere, ad esempio, un raddoppio di passeggeri. «Bisogna – chiosa il direttore del Dt – guardare la realtà in faccia».

© Regiopress, All rights reserved