Mendrisiotto
14.10.2019 - 09:540
Aggiornamento : 12:19

Barlòtt diventa caccia al tesoro

Pronta la seconda edizione del gioco da tavolo ideato da Alessandro Bianchi. Miti e leggende ticinesi sono pronti a impegnare i giocatori.

Mostri, briganti e spiriti maligni hanno rubato le provviste e i tesori del villaggio. È questo lo scenario alla base di ‘Barlòtt: caccia al tesoro’, la seconda edizione del gioco ideato da Alessandro Bianchi di Riva San Vitale, e pubblicato da ‘La fucina di Efesto’, dedicato ai personaggi delle storie e delle leggende ticinesi. La prima edizione, stampata in 500 copie, è esaurita. «È andata oltre le mie aspettative – spiega Alessandro Bianchi –. I giocatori esperti non hanno incontrato difficoltà, mentre quelli meno abituati ai giochi da tavolo hanno avuto qualche problema». Da qui la decisione, tradotta in un anno di lavoro, di rinnovare completamente il gioco che si presenta oggi più accessibile anche a bambini e ragazzi. Da uno a quattro giocatori (dagli 8 anni) collaboreranno in una caccia al tesoro dove dovranno affrontare alcuni terribili avversari. Ogni giocatore ha a disposizione una plancia e alcuni dischetti, e solo centrando il bersaglio con i simboli corrispondenti a quello del mostro si riuscirà a vincere. «Per la buona riuscita del gioco – spiega ancora l’ideatore – servono spirito di collaborazione, una buona mira e un pizzico di fortuna». Oltre alla versione collaborativa, la caccia al tesoro è disponibile in versione competitiva – a sfidarsi saranno due (uno contro uno), tre (due contro uno) o quattro giocatori (due contro due) – o come avventura di gioco che accompagnerà i partecipanti in varie partite con nuovi personaggi aggiuntivi. Sul sito internet www.barlott.ch è da subito disponibile ‘I briganti del Mendrisiotto’. Una seconda avventura sarà presentata il 31 ottobre, dalle 14 alle 18 alla Filanda di Mendrisio in occasione di Halloween. «Una delle caratteristiche che non mi ha convinto fino in fondo della prima edizione è stata la mancanza di estensibilità – aggiunge Bianchi –. Le storie legate a miti e leggende ticinesi sono tante: con la prima versione era difficile pensare ad aggiunte». Tra i personaggi che sono andati ad arricchire questa edizione ci sono i folletti Crescitt, le streghe di Fescoggia e il terribile conte Ruggero.

‘La passione sta rinascendo’

Titolare di uno studio di grafica a Mendrisio, Alessandro Bianchi non ha mai nascosto la sua passione per i giochi da tavolo e il sogno di poterne fare il suo lavoro. «Dopo Barlòtt – ci racconta – ho curato la progettazione di altri due giochi da tavolo. Uno, dedicato ai diritti dei bambini, sarà presentato da Infogiovani il prossimo 20 novembre in occasione del loro trentesimo anniversario». Nel cassetto di Bianchi di progetti non ne mancano. «Se riuscirò a creare un altro mio gioco, l’ambiente sarà legato al Ticino. Non mi dispiacerebbe affrontare il tema dei grotti». Quella per i giochi da tavolo «è una passione che sta rinascendo – continua Bianchi –. Sia i bambini che gli adulti hanno sempre più bisogno di ritrovarsi attorno a un tavolo e condividere questi momenti». La sfida principale è far passare il messaggio che «i giochi da tavolo non sono più solo il gioco dell’oca o il Monopoli. Oggi le proposte sono molto più interessanti e dinamiche e possono essere legate anche alla tecnologia». La conferma di questo interesse crescente la si trova ogni domenica (dalle 16) alla Filanda di Mendrisio grazie all’associazione MomoLudica. Un appuntamento fisso che «durante le serate estive ha radunato a giocare ai tavoli, alla scoperta di proposte per tutte le età, tra cui anche Barlòtt, più di trenta persone», conclude Alessandro Bianchi.

Potrebbe interessarti anche
Tags
giocatori
alessandro bianchi
gioco
tavolo
bianchi
edizione
tesoro
caccia
alessandro
ticinesi
© Regiopress, All rights reserved