Lorenz Brügger (Ti-Press/D. Agosta)
Mendrisiotto
02.01.2019 - 11:560
Aggiornamento : 14:37

'Per la Vetta cerchiamo altre competenze e conoscenze'

Il direttore della Ferrovia Monte Generoso Lorenz Brügger conferma i 9 licenziamenti. Dopo l'apertura del Fiore di pietra 'serve una nuova cultura'

Il Fiore di pietra, sul Monte Generoso, ha segnato la ripartenza. Per questo nuovo capitolo turistico e dell’azienda, la Ferrovia Monte Generoso ha «bisogno di una nuova organizzazione per l’infrastruttura». In questo ambito rientrano i licenziamenti comunicati lo scorso mese di ottobre a 9 dipendenti. A seguito delle polemiche sorte la scorsa settimana dopo i provvedimenti (cfr l’edizione cartacea de ‘laRegione’ del 28 dicembre), il direttore della Fmg Lorenz Brügger ha voluto chiarire i motivi che hanno portato alla decisione. «Abbiamo dovuto fare dei licenziamenti, ma siamo alla ricerca di altre persone con altre competenze e conoscenze e anche con una cultura diversa – spiega il direttore –. Non parlo del passato ma guardo avanti, e questo significa decidere anche delle cose brutte». Brügger ha assunto la direzione della Fmg lo scorso mese di agosto. Da subito ha comunicato ai dipendenti che si sarebbe preso tre mesi di tempo «per capire come funziona l’azienda». Dopo avere effettuato tre sondaggi e raccolto informazioni direttamente in Vetta, è arrivato alla decisione. «Abbiamo anche offerto, all'interno dell'aziende, dei corsi di tedesco, ma dopo pochi mesi ho deciso di interromperli perché si è capito che non servivano e alcune persone non li seguivano con piacere e volontà».

La Fmg, che il prossimo finesettimana terminerà la stagione, è alla ricerca di 9 figure professionali. «La chiusura invernale ci permetterà di sistemare questa situazione e trovare le persone», assicura Brügger. Quali i profili richiesti? «Devono avere una formazione di base nella ristorazione, capire e riuscire a esprimersi in almeno tre lingue ed essere aperti a una nuova cultura, cioè essere pronti a mettersi in gioco e ad assumersi le loro responsabilità», spiega ancora il direttore. «Di base – aggiunge – cerchiamo persone residenti, ma le valutazioni saranno fatte in base alla conoscenza e all'esperienza dei candidati».

Brügger guarda al futuro con ottimismo. «La situazione è bella, il potenziale è enorme e vogliamo crescere – conclude –. Il futuro ci riserverà parecchie sfide : l’obiettivo è quello di tornare a 110-120mila visitatori». Per l’anno appena concluso, sono state circa 75mila le persone che hanno raggiunto la Vetta.

Potrebbe interessarti anche
Tags
brugger
vetta
direttore
cultura
competenze
monte
licenziamenti
generoso
conoscenze
monte generoso
© Regiopress, All rights reserved