laRegione
Nuovo abbonamento
nel-distretto-si-e-strutturati-e-contenti
(foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore
Mobilità sostenibile e ferroviaria, c'è il master Supsi
Partirà a settembre la seconda edizione del Mas destinato ai dirigenti delle aziende di trasporto
Luganese
9 ore
Viganello, nessuna scemata responsabilità per l'omicida
L'esito della perizia parla chiaro: il 34enne che causò la morte di Matteo Cantoreggi era in grado di valutare il carattere illecito dei propri atti
Locarnese
9 ore
Locarno, il grande schermo per curare anche l'anima
Al via giovedì al Palacinema di Locarno la rassegna 'Torniamo al cinema!', organizzata in collaborazione con il Film Festival Diritti Umani e con l'Otello di Ascona
GALLERY
Mendrisiotto
10 ore
Restaurata la chiesetta in vetta al Monte Generoso
La Ferrovia Monte Generoso ha finanziato i lavori con la vendita virtuale dei 441 pali del vecchio binario del 1890
Mendrisiotto
10 ore
Anteprima di Ferruccio Cainero a LaFilanda a Mendrisio
L'autore e regista prova il suo ultimo spettacolo dedicato a Socrate e al pensiero filosofico occidentale
Ticino
10 ore
Attacchi informatici, come difendersi
Seconda conferenza online del Gruppo Cyber Sicuro del Cantone Ticino. Appuntamento è per il 23 luglio.
Bellinzonese
10 ore
Il Teatro Sociale di Bellinzona si apre ai visitatori
Accesso libero la sera di venerdì 17
Luganese
10 ore
Opere stradali a Lugano e Sorengo
La pavimentazione fonoassorbente sarà posata di notte mentre i lavori preparatori avverranno di giorno dal 20 luglio fino a fine settembre
Gallery e video
Mendrisiotto
10 ore
Françoise Gehring entra in Municipio a Mendrisio
Nella compagine le donne raddoppiano nello spazio di una legislatura e un po'. Prende il testimone da Giorgio Comi
Mendrisiotto
10 ore
'Quel padre violento sconti la pena in Siria'
Il deputato della Lega Boris Bignasca chiede al governo l'espulsione immediata per il 48enne condannato a 8 anni di carcere
Luganese
10 ore
Lugano sale in vetta a difesa dei ghiacciai
In cima al San Salvatore è stata presentata l'iniziativa Recogn.ice che vuole sensibilizzare sui cambiamenti climatici in corso
Ticino
11 ore
Italia, il limite al cash vale anche per gli svizzeri
Dallo scorso primo luglio è stata abbassata a 2mila euro la soglia dei pagamenti in contanti. Un tetto che vale per tutte le transazioni
Mendrisiotto
17.11.2018 - 14:350

Nel Distretto si è… strutturati e contenti

Chiedere più agenti e più compiti come prevede la riorganizzazione cantonale mette a rischio la sopravvivenza delle Polizie locali. I timori di Stabio

Solo qualche mese fa la ‘riforma’ dei Corpi di Polizia sul territorio non sembrava essere dietro l’angolo. Tant’è che, soprattutto nei Comuni polo – Chiasso e Mendrisio –, si era tirato un sospiro di sollievo. La visione della Regione unica – oggi sono due, fra Basso e Alto Mendrisiotto – ventilata dal Dipartimento delle istituzioni (Di) era una spina nel fianco. Che oggi, però, torna ad affliggere la regione a sud del Ticino. E questo a tre anni dal varo della nuova organizzazione. Il direttore del Di Norman Gobbi giusto mercoledì ha fissato, infatti, la sua tabella di marcia: l’intenzione è di approdare a una bozza di messaggio governativo nell’estate del 2019 (cfr. ‘laRegione’ di ieri). Il tempo, quindi, pare stringere. In più, dopo i ritocchi apportati al progetto originario non solo non si è accantonato l’orientamento di immaginare un solo Polo nel Distretto, non si sono neppure aumentate le possibilità per una Polizia strutturata di ‘sopravvivere’. Scendere con gli effettivi da 25 a 15 agenti (più il comandante) continua a mettere in difficoltà una realtà di confine come Stabio, oggi convenzionato con il capoluogo. Eppure la collaborazione si è dimostrata efficace, come ribadito dal Municipio guidato da Simone Castelletti, riuscendo a garantire una copertura 24 ore su 24, proprio come negli auspici cantonali. E squadra che funziona, si sa, non si cambia. Va da sé che a Stabio la revisione normativa prospettata – e che riporterà davanti al Gran Consiglio la Legge sulla collaborazione fra la Polizia cantonale e le polcomunali – non convince. Non solo non piace la scelta di rimpolpare le file dei Corpi strutturati, non va giù neppure l’estensione dei compiti delegati agli enti locali sul versante amministrativo. Si parla, in effetti, di affidare alle Comunali i controlli sulle dimore fittizie, gli incidenti stradali e il commercio ambulante. Un aggravio che andrebbe a “scapito del compito di prossimità e di prevenzione che ci prefiggiamo di raggiungere”: l’esecutivo lo ha messo nero su bianco in una missiva indirizzata al Dipartimento solo il maggio scorso. Un punto di vista che, ci conferma il sindaco Castelletti, oggi non è mutato. «Quale Comune di frontiera – ci spiega – il concetto della prossimità è molto importante. Conosciamo le nostre problematiche e sappiamo come stare vicini alla popolazione». Con le nuove regole, invece, lo scenario, aveva già fatto capire a suo tempo il Municipio rispondendo a una interpellanza del Plr, non sarà più lo stesso: una presenza costante sul territorio non potrà più essere assicurata. Insomma, nessun vantaggio e un maggior carico di lavoro per l’amministrazione, senza trascurare le ricadute di carattere finanziario dopo gli sforzi già profusi e gli investimenti fatti. Come ripete nelle sue osservazioni al Di, Stabio non riesce a comprendere le ragioni della revisione messa in campo a livello cantonale. Ma soprattutto non capisce per quale motivo ci si debba, tutti, far carico di presunti disservizi presenti in una regione. Nella sua lettera di maggio l’autorità comunale aveva richiamato, di fatto, la necessità di risolvere i problemi a livello puntuale.

Un’ingerenza nell’autonomia locale

Stabio, quindi, non sta zitto neanche sull’ingerenza del Cantone nell’autonomia cantonale. Al governo, si ribadisce, spetta fissare un obiettivo, come nel caso di un servizio 24 ore su 24. Ai Comuni sede di una Polizia strutturata tocca, poi, decidere come centrare il risultato. I modi, si suggerisce, non mancano: allearsi fra Corpi strutturati o addirittura fondersi, siglare un’intesa con un Comune polo o aumentare gli effettivi. Senza contare che fra le proposte controverse della riforma vi è pure la possibilità per i Comuni di convenzionarsi con il Cantone. Questo previo via libera dei Poli di riferimento, ha puntualizzato Gobbi. Una convenzione che porterebbe alla creazione di posti misti: Cantonale e Comunale. E qui ci scappa un’annotazione finale: la riorganizzazione ora sul tavolo getta nell’“incertezza”. “Risulta difficile – motiva l’esecutivo – poter attrarre nuovi agenti di Polizia al momento dei concorsi”. Con il rischio di vederli andar via richiamati da altre opportunità lavorative.

© Regiopress, All rights reserved