candidatura-unesco-in-vista-per-le-processioni-di-mendrisio
Ti-Press/F. Agosta
Julien Vuilleumier, dell’Ufficio federale della cultura, e Nadia Lupi, direttrice MendrisiottoTurismo
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
58 min

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
1 ora

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
1 ora

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
1 ora

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
1 ora

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
2 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
2 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
2 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza di ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
26.02.2018 - 08:00
di Daniela Carugati

Candidatura Unesco in vista per le Processioni di Mendrisio

Visita del collaboratore dell'Ufficio federale della cultura nel giorno della distribuzione dei ruoli ai figuranti della sfilata del Giovedì santo

Domenica mattina ai bambini riuniti al Vecchio ginnasio di Mendrisio premeva, innanzitutto, assicurarsi un posto (oltre a tunica e sandali) alla prossima processione del Giovedì santo. La sala come sempre, era gremita, la fila impaziente, la confusione gioiosa. Distribuiti i ruoli (Cristo incluso) per la più storica delle due rappresentazioni che precedono la Pasqua, il 29 e 30 marzo, a questo punto per la Città e le sue tradizioni (che rimandano al 1600) c’è ben altro in vista. Si avvicina, infatti, la consegna ufficiale della candidatura delle Processioni storiche quale bene da iscrivere nel patrimonio culturale immateriale dell’Unesco. A testimoniarlo c'era, del resto, la presenza a Mendrisio di Julien Vuilleumier, collaboratore scientifico dell’Ufficio federale della cultura della Confederazione, accompagnato per l’occasione dalla direttrice dell’Organizzazione turistica regionale (Otr) del Mendrisiotto e Basso Ceresio Nadia Lupi. Per lui, Vuilleumier, al Vecchio ginnasio è stata una immersione totale nei preparativi del Giovedì santo. Ci teneva, ad esserci, ci fa sapere Nadia Lupi, che sta seguendo la candidatura per il Comune e la Fondazione Processioni storiche. «È importante che la popolazione capisca che il futuro di queste tradizioni è anche nelle sue mani oltre che in quelle delle istituzioni», ribadisce la direttrice dell'Otr.

Quella di promuovere le Processioni della Settimana santa è stata una decisione di Berna, che nell’ottobre del 2014 le ha iscritte, con altre sette tradizioni viventi, nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale in Svizzera. Questo dopo aver interpellato degli esperti. Un’opportunità che, è il caso di dirlo, accende i riflettori su una peculiarità delle rappresentazioni, i Trasparenti, i grandi quadri luminosi che impreziosiscono le vie del Borgo e il percorso delle Processioni. “Nel loro insieme – scriveva nel suo documento l’Ufficio federale della cultura – queste particolari tele costituiscono un patrimonio di grande interesse storico-teologico”. Adesso si è giunti quasi al dunque. «Il dossier è alle sue fasi finali – ci conferma ancora Nadia Lupi –. Il grande lavoro messo in campo è quasi ultimato». Dopo l'iscrizione della Festa dei vignaioli e del Carnevale di Basilea, alla lente dei consulenti Unesco in questo momento c'è la Gestione del rischio di valanghe, poi il quarto incarto sarà quello delle Processioni mendrisiensi. Un incarto nel quale sono custoditi il formulario descrittivo, un filmato di dieci minuti – proiettato domenica – , dieci immagini e una serie di lettere di sostegno. «In tutto – ci dice la direttrice – sono una sessantina. Si annoverano quella del Cantone, delle città ticinesi, del Comune di Mendrisio, della Fondazione ma anche di tanti privati cittadini che hanno voluto esprimere il loro supporto personale». È questo il risultato di due anni di lavoro.

© Regiopress, All rights reserved