laRegione
il-colpo-di-monteggio-chieste-massicce-riduzioni-di-pena
TI-PRESS
L'avvocatessa Maria Galliani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 min

Vedeggio-Cassarate, incidente con ferito

Da chiarire le cause del sinistro. Le condizioni dell'uomo non desterebbero preoccupazioni. Permangono disagi al traffico
Ticino
35 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Luganese
29.10.2020 - 17:390
Aggiornamento : 18:15

Il colpo di Monteggio, chieste massicce riduzioni di pena

Gli avvocati Galliani e Bordignon avanzano in via principale l'assoluzione per il 40enne e il 63enne. Domani la sentenza.

Anche due richieste di proscioglimento, in via principale, sono venute nel pomeriggio dal banco dei difensori, in margine alla rapina con sequestro di persona del 5 luglio 2019 avvenuto a Monteggio. Lo hanno richiesto l'avvocatessa Maria Galliani, legale del 40enne di Tradate e l'avvocato Mattia Bordignon, in difesa del 63enne di Viggiù. Le prove sono insufficienti per affermare, a mente dei due avvocati, che i due imputati fossero presenti sul luogo della rapina, e anche le immagini rilevate dalle videocamere di sorveglianza della banca Raiffeisen di Monteggio sarebbero vaghe. Gli avvocati hanno inoltre evidenziato come la scelta di avvalersi della facoltà di non rispondere sia un diritto dei due imputati e questo non deve metterli in cattiva luce.  

'Rapina assai poco organizzata'

No, inoltre, nella denegata ipotesi che la Corte ne ritenga il coinvolgimento, alla qualifica di rapina aggravata, secondo l'avvocatessa Galliani, bensì semplice. Avversata pure la qualifica di sequestro di persona, perché componente già assorbita dalla prima imputazione. Per la legale nell'inchiesta penale manca anche il quantum della rapina: «non ci sono agli atti sufficienti prove per giungere a quantificare in tre milioni il bottino del colpo». Marginale, nell'ipotesi di colpevolezza, il ruolo che avrebbe ricoperto il 63enne, ha affermato l'avvocato Bordignon. Contestata anche l'entità della richiesta di indennità per torto morale di 50 mila a favore della vittima della rapina, perché ritenuta troppo elevata. Contestata inoltre la particolare pericolosità della rapina, ritenuta anzi assai poco organizzata. 

Infine è intervenuto l'avvocato Yasar Ravi, in difesa del 46enne siciliano, l'unico imputato che ha deciso di vuotare il sacco: «Ha così dato una svolta all'inchiesta, ma anche alla propria vita». Il legale ha spiegato che il suo assistito si è associato all'ultimo momento al colpo, dopo che la banda era già formata e ha chiesto il proscioglimento dal reato di sequestro di persona e rapimento, perché già insiti nel reato di rapina. L'avvocato Ravi ha inoltre richiesto il proscioglimento dal reato di atti preparatori di rapina. Il legale ha sostenuto, come già i colleghi che lo hanno preceduto, che l'arma era giocattolo, dunque non si è trattato di una rapina particolarmente pericolosa, ergo deve cadere la sua qualifica aggravante. No, inoltre, alla revoca della sospensione condizionale della precedente condanna per rapina. Il legale, in conclusione, ha chiesto che la pena non sia superiore ai 3 anni e mezzo. 

La sentenza è stata annunciata per domani alle 16.

 

© Regiopress, All rights reserved