laRegione
aggregazione-val-mara-tre-si-e-il-rebus-di-arogno
Ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
18 ore

Capanna Gorda verso l'ampliamento

Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
22 ore

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
1 gior

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
1 gior

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
1 gior

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
1 gior

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
1 gior

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
1 gior

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
1 gior

Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'

Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Ticino
1 gior

Radar un po' per tutti, ma soprattutto per il Luganese

Ecco i controlli di velocità previsti in Ticino tra il 26 ottobre e il 1° novembre 2020
Luganese
1 gior

Quarantena di classe alla scuola media di Viganello

La disposizione è stata decisa oggi dall'Ufficio del medico cantonale, mentre la scuola ha informato genitori e allievi interessati
Luganese
1 gior

Ex consulente Raiffeisen di Lugano, 15 milioni andata e ritorno

L'11 novembre il processo alle Assise criminali per truffa per mestiere, riciclaggio e carente diligenza in operazioni finanziarie
Locarnese
1 gior

Locarno, il Plr rinvia l'incontro sugli eventi

Slitta a data da definire la conferenza sul turismo e le manifestazioni in programma sabato a Losone
Luganese
18.10.2020 - 18:460
Aggiornamento : 19:02

Aggregazione Val Mara, tre sì e il rebus di Arogno

Ipotizzabile una soluzione ridotta, ma non è detta l'ultima. Gobbi: faremo delle verifiche con la popolazione

Un sì netto a Maroggia, Melano a Rovio, un no abbastanza risicato da Arogno. Dopo la tornata della votazione consultiva, il progetto del nuovo Comune del Basso Ceresio - a proposito, si è votato pure sul nome, si chiamerà 'Val Mara' - presenta un rebus. Proseguire per una aggregazione a 3? Il Dipartimento delle Istituzioni valuta comunque di prolungare la legislatura nei tre comuni favorevoli. E tentare di recuperare Arogno in extremis, magari attraverso una petizione popolare, come successo recentemente per Sessa, comune 'riammesso' nell'aggregazione di Tresa malgrado un primo no nella votazione consultiva? Il Dipartimento del territorio non intende lasciare nulla d'intentato. Il suo direttore, il consigliere di Stato Norman Gobbi, così ci risponde: "Per Val Mara è un po' sorprendente che sia rimasto Arogno a dire di no, ci si aspettava maggiori criticità altrove. È una aggregazione di opportunità e non di necessità, volute dai singoli COmuni. Quello che faremo come Dipartimento è quello che abbiamo fatto anche con Sessa, cioè coinvolgere anzitutto  la Commissione che ha progettato l'aggregazione, e con la popolazione, per esempio con serate, incontri con la popolazione".

Sicuramente se ne discuterà, intanto il risultato dice che nei 3 comuni favorevoli i sì hanno raggiunto in modo quasi identico il 63%, mentre ad Arogno si sono fermati al 46,74% contro un 53,26% di contrai, una differenza di esattamente 34 schede. Nel complesso dei 4 comuni, i sì totalizzano il 59,26% con una percentuale di votanti del 66,19%. Il nome Val Mara è preferito da 1030 votanti contro 472 che preferirebbero Basso Ceresio. 

Parola ai sindaci (e all'ex sindaco...)

Umori contrastanti a Maroggia, veve si sono trovati i sindaci dei quattro comuni, tutti personalmente favorevoli. Riccardo Costantini, (Rovio), presidente della commissione aggregazione. "Non posso sbilanciarmi più di tanto, purtroppo per una manciata di voti ad Arogno la popolazione si è detta contraria. Se potrebbe stare in piedi una aggregazione a tre? Bisognerà rivedere lo studio, certo Arogno è il comune che ha fatto più opere negli ultimi anni, ma è anche quello con il moltiplicatore più alto. Potrebbe anche essere che loro hanno comunque lavorato così bene che i cittadini preferiscono restare da soli".  Jean Claude Binaghi (Maroggia): "Sono contentissimo, la popolazione ha risposto, sono anche contento che sia passato il nome Val Mara. Peccato per Arogno, va rispettatala volontà popolare. Dal mio punto di vista penso che sia corretto che nasca un nuovo comune, a 3, perché sta in piedi, ma mi rimetto alla deicsione del Gran consiglio". Daniele Maffei (Melano):  "L'aggregazione è passata in modo abbastanza chiaro, sono contento sono stato molto favorevolmente sorpreso di Rovio, e per Maroggia dove il mio stesso partito, il Plr era contro, cosa che mi ha deluso".

Ecco infine Arogno, il Comune che dice no. Il sindaco Corrado Sartori: "La decisione finale spetta al Gran consiglio, vista l'esiguità della differenza c'è la possibilità di raccogliere le firme come è stato fatto a sessa., A livello politico domani abbiamo riunione del Municipio, faremo una riflessione polita: noi eravamo 5 su 5 favorevoli, 21 su 25 in Consiglio comunale. la popolazione ha ovesciato tutto, ma la democrazia ha anche queste armi. Io comunque dopo 21 anni lascerò  spazio ai giovani, ma  l'avrei dato al nuovo comune, perché il Comune di Arogno non solo economicamente, non è messo così bene".

Dall'altra Celso Tantardini, ex sindaco di Arogno, e tra i contrari. "Mi aspettavo sicuramente un voto tirato, perché in queste votazioni giocano molti fattori non valutabili. Il partito più votato qui da noi, ma penso in tutto il Ticino, è il partito dei... senza partito. Arogno è sempre sopravvissuto da solo, chiaro, si riceve un aiuto dal fondo di livellamento, ma questo è sancito da una legge che stabilisce una certa solidarietà verso i comuni che sono in una condizione geografia svantaggiata. SOno molto contento del risultato, perché questo dimostra che la popolazione di Arogno è ancora attaccata al suo paese. Gli altri 3 Comuni hanno tutto il diritto di scegliere il loro destino non credo che adesso ci possano dire che la nostra opinione non c'entra niente, anche poiché non era una aggregazione di necessità. E poi credo che una aggregazione dovrebbe sorgere dal basso e non essere imposta dall'alto, e gestita da nuovi municipi. Io comunque ho fiducia nel Consiglio di Stato".

© Regiopress, All rights reserved