laRegione
aerei-troppo-vicini-nel-cielo-sopra-mezzovico
Coinvolto pure il Pilatus del Para-centro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 ore

Capanna Gorda verso l'ampliamento

Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
23 ore

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
1 gior

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
1 gior

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
1 gior

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
1 gior

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
1 gior

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
1 gior

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
1 gior

Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'

Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Luganese
17.10.2020 - 06:000

Aerei troppo vicini nel cielo sopra Mezzovico

Lo scorso 22 agosto: il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza aerea (Sisi) ha aperto un'inchiesta

Non è una novità, nelle strette vallate ticinesi, ma un incontro ravvicinato tra aerei resta una situazione potenzialmente pericolosa, e in quanto tale meritevole di una inchiesta.

È quanto successo lo scorso 22 agosto nel cielo sopra Mezzovico. Erano le 10.05 quanto nello stesso spazio, troppo ridotto stando alle prime risultanze, si trovarono a transitare due aerei privati. Il rapporto preliminare del Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza aerea 'Sisi' ha portato ad annunciare l'apertura di una vera e propria inchiesta. Il rapporto contiene un riassunto provvisorio di quello che viene definito un "inconveniente grave".

In termini tecnici si parla di "Airprox", ovvero la prossimità fra aerei. Che erano un Cessna T207A, di proprietà della Fih facilities Holding di Berlino,, e un Pilatus Pc6/B2/H4 della società Para-centro Sa di Locarno.

Qualche zona d'ombra

Il Cessna, un velivolo capace di trasportare 7/8 passeggeri, proveniva dall'aeroporto tedesco di Leutkirk-Unterzeil ed era diretto a quello di Lugano-Agno, dunque trovandosi  sopra Mezzovico era già in vista della pista malcantonese. Il Pilatus del Para-centro, aereo da una decina di posti per i passeggeri, condotto da un 40enne ticinese, era invece proveniente dall'aeroporto di Magadino, dove poi sarebbe dovuto rientrare . L'avvicinamento tra i due velivoli è avvenuto in uno spazio aereo denominato E (Echo), utilizzato sia per i voli Vfr, sia per quelli Ifr (in pratica sia navigazione a vista, sia strumentale). Da nostre informazioni, in questi settori il pilota, che si muove con una certa libertà di manovra, è tenuto a mantenere una certa distanza di sicurezza dall'altro aeromobile nelle vicinanze; uno spazio che però non è quantificato in metri precisi. Valgono quindi  buon senso e prudenza. Particolare curioso, quello del pilota dell'aereo da 6 posti tedesco, di proprietà di una holding diretto a Lugano. Non figura alcun nome sul rapporto intermedio del Sisi ("ancora sconosciuto") e questo è strano, dal momento che per un volo con destinazione un Paese estero come quello in questione, gli occupanti devono passare le pratiche del servizio doganale. A meno che ai comandi non ci sia stato un qualche VIP per il quale è richiesta la massima segretezza. 

Un'infrazione comune

Questo tipo d'irregolarità (se verrà confermata), vale a dire la distanza ridotta tra aerei, è in realtà piuttosto comune; nel passato in Ticino ha coinvolto pure velivoli di linea. Nel 2019 al Sisi sono pervenute complessivamente da tutta la Svizzera 1566 notifiche relative a eventi imprevisti in campo aereo, un record. Ciò ha condotto all’apertura di 64 inchieste  nel campo dell’aviazione, mentre le indagini portate a termine 94 indagini relative a incidenti e inconvenienti gravi, tra i quali 72 eventi imprevisti il cui potenziale di prevenzione ha giustificato l’avvio di un’inchiesta sommaria. Inchieste che hanno portato il l Sisi a emanare complessivamente 20 raccomandazioni di sicurezza e 10 avvisi di sicurezza.

© Regiopress, All rights reserved