andavo-a-102-all-ora-perche-c-era-un-ferito
TI-PRESS
L'agente pizzicato dal radar
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
5 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
5 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
5 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
5 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
6 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
6 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
6 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
7 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
7 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
8 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
09.10.2020 - 12:13
Aggiornamento: 17:50

'Andavo a 102 all'ora perché c'era un ferito'

L'agente di polizia cantonale in aula alle Correzionali è accusato di infrazione grave della circolazione. Chiesto un anno di detenzione sospeso

«Ho deciso di accelerare a 102 all'ora sul limite del 50 all'ora lungo il rettilineo di Gentilino, perché la mia missione era quella di giungere sul posto dell'incidente, a terra c'era un ferito». Così stamane in aula davanti alla Corte delle assise correzionali di Lugano ha spiegato le circostanze del suo intervento l'agente di polizia della cantonale che la sera del 1. giugno 2019, in servizio quale capo pattuglia alla guida del veicolo 2201, ha ricevuto alle 21.53, dalla centrale, via radio, la chiamata che lo informava di un incidente a Mezzovico sulla strada cantonale di uno scooterista che si trovava a terra. L'appuntato, 28 anni, passato esemplare - è stato evidenziato - ha spiegato di aver azionato i fari blu e sirene e di essere partito d'urgenza. Poco dopo la partenza d'urgenza l'agente è incappato in un radar. «Ho visto il flash, da quel momento in poi ho adattato la velocità». Era autorizzato a superare di quel tenore la velocità? L'intervento d'urgenza era giustificato? Sono le domande al centro del processo. 

Il dibattimento - che in queste settimane di bufera in cui è avvolta la giustizia ticinese, vede per la prima volta faccia a faccia in aula il giudice Mauro Ermani, presidente della Corte e il pg Andrea Pagani, destinatario dei famosi sms - si presenta come un braccio di ferro tra pubblica accusa e difesa, rappresentata dall'avvocatessa, Maria Galliani. Mentre il magistrato ha chiesto nei confronti dell'agente di polizia cantonale una pena di 12 mesi di detenzione sospesi per due anni, la difesa si è battuta invece per la piena assoluzione dell'imputato. La sentenza è attesa nel pomeriggio. 

Le norme prevedono che, in caso di chiamata d'urgenza, la velocità su un limite di 50 all'ora - come nel caso in esame - possa essere superata al massimo fino agli 80 chilometri orari. In questo caso è stata ampiamente superata. Secondo il Pg Pagani, l'appuntato avrebbe dovuto chiamare la centrale per avere maggiori informazioni sulle reali condizioni del ferito nell'incidente e a quel punto si sarebbe reso conto che lo scooterista non era in pericolo di vita e che inoltre nel frattempo sul posto era già giunta l'ambulanza e una pattuglia della polizia comunale del Vedeggio. Avrebbe dovuto compiere una chiamatain centrale per chiedere di essere autorizzato a una corsa di urgenza. Insomma, per il magistrato la velocità con cui ha deciso di spingersi il poliziotto ha posto in un potenziale pericolo altri utenti della strada, anche perché in quel punto c'era pure una passaggio pedonale.

Di avviso contrario, invece, l'avvocatessa Maria Galliani, che ha evidenziato come il suo assistito non possa essere giudicato alla stregua di un pirata della strada, bensì come un agente di polizia che ha operato nell'esercizio della sua funzione, in una chiamata urgente: siamo di fronte a un tutore dell'ordine che cercava di svolgere il suo lavoro. La velocità è stata superata, è stato ammesso - ha evidenziato la legale. Che ha posto il focus della sua arringa  Secondo la legale l'agente ha rispettato i principi della proporzionalità. L'appuntato era legittimato a pensare che si fosse di fronte a un caso grave: salvare una vita umana. Ergo, date queste circostanze, la legale ha chiesto in via principale l'assoluzione dell'agente.

L'imputato, al termine degli interventi delle parti, ha informato la Corte come l'ordine del servizio interno sulle corse d'urgenza sia stato modificato in febbraio, per cui è il capo pattuglia a stabilire se un intervento sia da ritenersi o meno impellente. Un'informazione che potrebbe avere una certa influenza sul giudizio finale della Corte, che ha annunciato per le 16.30 la lettura della sentenza.

 

 

 

 

Leggi anche:

Ermani al pg: 'Trattala bene, sennò riparlo male della procura'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved