laRegione
oltre-670-motociclisti-controllati-a-lugano-in-10-giorni
Oltre 670 i centauri controllati dalla Polizia della Città di Lugano (Foto Ti-Press/Archivio)
Luganese
25.09.2020 - 16:410

Oltre 670 motociclisti controllati a Lugano in 10 giorni

La Polizia comunale ha presentato i risultati della campagna 'Ok biker', volta a promuovere una guida in totale sicurezza per ridurre gli incidenti

Lo stato generale dei motoveicoli è migliorato, l'equipaggiamento rimane è un tasto dolente. Sono questi in estrema sintesi i risultati di 'Ok biker', campagna di sensibilizzazione effettuata dalla Polizia della Città di Lugano in collaborazione con l'Ufficio prevenzione infortuni (Upi) dal 9 al 19 settembre. Scopo dell'azione, rivolta ai centauri, è stato quello di promuovere una guida in totale sicurezza allo scopo di ridurre il numero di incidenti stradali. "I conducenti 'fermati' – si legge in una nota – sono quindi stati resi attenti dei pericoli stradali in cui si può incorrere guidando un veicolo a due ruote nel traffico cittadino e sono inoltre stati sensibilizzati sull'importanza di disporre di un mezzo meccanico conforme alle norme e dell'importanza che riveste l'equipaggiamento di protezione personale".

Ventidue posti di controllo

La campagna è stata quindi principalmente di sensibilizzazione e solo in sporadici casi si è provveduto a sanzionare. La Polcom ha inoltre diffuso alcuni numeri dell'azione. Durante i 22 posti di controllo eseguiti sul territorio, sono stati controllati 673 motoveicoli. Solo 2 i fermi di persona per guida senza patente, mentre 6 le procedure ordinarie per equipaggiamento difettoso o mancante. Poi: 25 contravvenzioni di cui 9 per pneumatici difettosi o privi di rilievi antiscivolanti, 26 citazioni per aver messo in circolazione un veicolo a motore in stato difettoso (in particolare: rumore eccessivo e molesto e fanali non conformi), 3 proposte di collaudo, 4 persone colte col casco di protezione non conforme.

'Diversi in infradito e ciabatte'

A proposito dell'equipaggiamento, la Polcom sottolinea: "Non essendoci una norma specifica è risultato essere ancora un punto dolente. Infatti sono stati diversi i conducenti colti alla guida con indumenti non idonei quali ad esempio infradito e ciabatte".

© Regiopress, All rights reserved