laRegione
Nuovo abbonamento
assalto-al-portavalori-a-molinazzo-due-persone-arrestate
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

‘Prima i nostri’ non sfonda a Bellinzona: no del Cc

Bocciata di misura la mozione Lega/Udc/Ind. che chiedeva l'applicazione del principio nell'assunzione dei dipendenti comunali
Bellinzonese
4 ore

Casa Marta incassa l'ulteriore aiuto di Bellinzona

Struttura per senzatetto: sì del Cc al nuovo credito di 450mila franchi che si aggiunge al precedente di 200mila e al diritto di superficie
Mendrisiotto
5 ore

Treni InterCity: per il Mendrisiotto se ne riparla nel 2023

Nessuna soluzione a breve per il Distretto, faccia a faccia con le Ffs. Che assicurano: 'Per noi non è una regione di serie B'
Locarnese
5 ore

Cittadinanza a mamma Tomic, Losone dice ‘no’ per la terza volta

Bocciata dal Consiglio comunale (con voto segreto) la richiesta di attinenza
Locarnese
5 ore

Iva sul Palacinema, un tarlo da 1,3 milioni di franchi

Dall'Amministrazione federale delle contribuzioni una pre-decisione sull'entità dell'imposta sull'investimento. Cda e Città valutano come reagire
Bellinzonese
5 ore

Ex Petrolchimica di Preonzo, primo milione per lo sgombero

Luce verde del Cc di Bellinzona al credito chiesto dal Municipio per eliminare le strutture ancora presenti
Ticino
7 ore

L'Ocst: ‘Più Contratti collettivi di obbligatorietà generale’

Il sindacato cristiano-sociale scrive alla Seco chiedendo più diffusione per questo ‘strumento fondamentale per regolare il mercato del lavoro ticinese’
Ticino
7 ore

Abusi sul posto di lavoro, la ricetta del Ps

Una mozione di Ivo Durisch chiede di 'prevenire, gestire e sanzionare atti contro l'integrità della persona' in ambito lavorativo
Luganese
13.08.2020 - 09:440
Aggiornamento : 14:48

Assalto al portavalori a Molinazzo: due persone arrestate

Identificati gli autori della rapina al furgone del 5 luglio 2019: fermati un 46enne e un 63enne italiani; sotto inchiesta in totale cinque uomini e una donna.

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che sono giunti a conclusione gli accertamenti riguardanti la rapina ai danni del furgone di una ditta di trasporto valori avvenuta il 5 luglio 2019 a Molinazzo di Monteggio. 

Durata svariati mesi, la complessa indagine (coordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier) è stata portata avanti dagli inquirenti della Polizia cantonale in collaborazione con le autorità italiane, e in particolare dei carabinieri del Reparto Operativo - Nucleo investigativo di Varese, coordinato dalla Procura della Repubblica di Varese, e delle Procure di Roma e Latina. Si è così arrivati a identificare coloro che sono ritenuti i principali autori dell'assalto al portavalori, portando in luce in un secondo momento ulteriori azioni criminose in fase di pianificazione sul nostro territorio, con il coinvolgimento di altri.

Due le persone arrestate: un 46enne cittadino italiano residente in Italia, attualmente in detenzione in Ticino, e un 63enne cittadino italiano, fermato in Polonia a seguito di un mandato di cattura internazionale spiccato dalla Magistratura ticinese. Complessivamente cinque uomini e una donna, tra i 24 e i 67 anni, tutti cittadini italiani residenti all'estero, risultano invece sotto inchiesta poiché coinvolti con ruoli diversi nei fatti. Nei loro confronti sono già state avviate le relative procedure di assistenza giudiziaria internazionale.

Gli accertamenti - scrive la Polizia cantonale - si sono sviluppati in momenti distinti e lungo due filoni di indagine, che in parte sono venuti a convergere nel corso del tempo. Le verifiche si sono dapprima concentrate su una serie di sospetti relativi all'incursione di Molinazzo di Monteggio, dando vita a una collaborazione investigativa con le autorità italiane. Nell'ambito dei successivi rilievi e approfondimenti è emerso che alcune delle persone oggetto delle verifiche stava pianificando nuovi atti criminali in territorio ticinese. Ne è nato un ulteriore dispositivo di polizia che, lo scorso ottobre a Chiasso, ha visto le manette scattare ai polsi del 46enne. Risale per contro al mese di febbraio l'arresto in Polonia del 63enne che è stato recentemente estradato e si trova ora in detenzione in Ticino.

Parallelamente, grazie anche all'acquisizione dei risultati delle indagini italiane, è stato infine possibile ricostruire le responsabilità dei singoli imputati (procedendo all'emissione dei relativi mandati di cattura) sia per quanto riguarda la rapina del 5 luglio 2019 sia con riferimento all'ulteriore progetto criminale.

Le principali ipotesi di reato, promosse a vario titolo e a seconda dei gradi di responsabilità, sono quelle di rapina aggravata, sequestro di persona e rapimento, infrazione alla Legge sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni, atti preparatori punibili alla rapina.

 assalto 
 autori 
 portavalori 
 rapina 
© Regiopress, All rights reserved