laRegione
Nuovo abbonamento
il-procuratore-generale-ai-furbetti-del-covid-ci-pensiamo-noi
Il procuratore generale Andrea Pagani Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
9 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
10 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
10 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
10 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
11 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
11 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
11 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
12 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
12 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
12 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
13 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Bellinzonese
13 ore

A 160 km/h sull'A2, pirata della strada denunciato

In territorio di Quinto è stato intercettato un 54enne svizzero, domiciliato nel Locarnese, che viaggiava a 160 chilometri orari dove il limite è di 80
Luganese
14 ore

Tesserete, annullata la festa multietnica 'Km 0'

Quella che sarebbe dovuta essere la quarta edizione è stata rinviata a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19
Luganese
01.08.2020 - 19:220
Aggiornamento : 19:48

Il procuratore generale: 'Ai furbetti del Covid ci pensiamo noi!'

Andrea Pagani ospite del Primo Agosto a Massagno traccia il successo elvetico nei tempi del coronavirus, dalla sanità alla scuola alla giustizia.

Parte dal 18 aprile del 1999, quando gli svizzeri si dotarono della nuova Costituzione, il discorso del Primo Agosto del procuratore generale Andrea Pagani, "consci – ha esordito il magistrato intervenuto nel Comune di Massagno – della loro responsabilità di fronte al creato, risoluti a rinnovare l’alleanza confederale e a consolidarne la coesione interna, al fine di rafforzare la libertà e la democrazia, l’indipendenza e la pace, in uno spirito di solidarietà e di apertura al mondo".

Pagani ha espresso parole quali libertà, unità, rispetto: "Princìpi – ha detto – che in questi ultimi mesi, in questi duri ultimi mesi, il popolo svizzero ha fatto propri e ha applicato giorno dopo giorno senza sbavature di particolare rilievo. Dobbiamo essere fieri di essere svizzeri, poiché lo Stato, in tutte le sue emanazioni pubbliche e para-pubbliche, ha dato prova di efficienza sin dall’inizio della decretata pandemia del Covid-19".

Durante il lockdown 800 nuovi procedimenti penali

Da qui il chiaro riferimento a tutti quei servizi essenziali che hanno continuato a funzionare: la sanità, "i cui attori, d’ogni grado e mansione, non possiamo che ringraziare e virtualmente abbracciare"; la Polizia "che, sotto lo Stato di maggiore cantonale di condotta, ha saputo tenere alta la sicurezza del nostro Cantone, facendo rispettare le norme, in costante evoluzione, dell’ordinanza Covid del Consiglio federale"; la Giustizia, "in particolare quella della catena penale, che non poteva fermarsi, che ha gestito nei due mesi di chiusura e mi riferisco in particolare al Ministero pubblico, comunque circa 800 nuovi procedimenti penali, che non si sentono e non si vedono, ma che necessitano di impegno, spesso gravoso". Un impegno portato avanti anche con il telelavoro "che, prima delle chiusure, da molti, il sottoscritto compreso, veniva visto con diffidenza in particolare poiché pareva annientare il controllo sociale a cui il lavoratore, anche inconsciamente, è sottoposto in ufficio. Telelavoro invece che, se ben regolamentato e monitorato – e se svolto parzialmente – può produrre ottimi risultati a 360 gradi".

Una Svizzera, secondo il pg, che, pur nell'emergenza, ha saputo funzionare: "Ha funzionato alla grande, rispetto al resto del mondo, il sistema messo in alto dalle nostre autorità esecutive federali e cantonali di aiuto all’economia, alle attività commerciali e anche ideali di ogni genere. Sistema pensato e messo in atto con una velocità sorprendente, annientando, quasi, la burocrazia". Pagani ha così indicato il successo di questa positiva reazione della Confederazione nel lavoro ridotto, "che ha salvato imprese e, di riflesso, molti posti di lavoro", nell’erogazione di prestiti da parte delle banche, "a loro volta tutelate da garanzie fidejussorie della Confederazione. Facilitazioni, queste, che hanno permesso a tutti i beneficiari di sopravvivere". Anche se qualche "furbetto" – Pagani non ha mancato di ricordarlo – c'è stato: "Certo, qualche furbetto c’è stato, ma ai furbetti che hanno approfittato del sistema svizzero, ci pensiamo noi! Non preoccupatevi" ha tranquillizzato il procuratore generale.

Dalla scuola al volontariato

Poi lo sguardo è andato alla scuola "con tutte le difficoltà dell’assenza di lezioni in presenza, l’educazione a distanza per tutti i nostri giovani studenti. I docenti, che come tutti noi, hanno dovuto inventare qualcosa di nuovo, hanno saputo garantire l’essenziale, permettendo agli allievi di mantenere un certo ritmo della giornata, sentendosi, così comunque ancora allacciati alla realtà". E ancora, "ha funzionato la catena della distribuzione di ogni genere di viveri. Non me ne intendo, ma non deve essere stato facile. Grazie a tutte e a tutti coloro che non ci hanno fatto mancare niente". Così i Comuni, "che sono la base, solida e di prossimità, della nostra invidiata democrazia. Hanno funzionato i Comuni anche per le numerose iniziative a favore della cittadinanza, segnatamente per chi necessitava – e ancora oggi necessita – d’aiuto. Gli anziani, in primis, a cui dobbiamo il nostro attuale benessere e che meritano tutta la nostra attenzione, costi quel che costi!".

Un'allocuzione che si è conclusa con la solidarietà intergenerazionale: "Quante persone della mia età, ma anche più giovani, hanno aiutato in ogni modo i meno giovani, gli over 65, portando loro a casa la spesa, accompagnandoli dal dottore o anche solo chiamandoli al telefono più spesso per farli sentire parte integrante della nostra società" ha chiosato Pagani senza non prima citare Spinoza, filosofo olandese del 1600, secondo il quale, chi detiene il potere ha bisogno che la gente sia affetta da tristezza o paura: "Io, invece, vi invito a non essere tristi, a non avere paura, ad essere ottimisti. Domani è un altro giorno e arriverà! Piano piano e con testa, torneremo a fare festa".

© Regiopress, All rights reserved