laRegione
Nuovo abbonamento
linee-d-aria-e-un-ristorante-per-la-hall-del-lac
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
22 min

Coronavirus, il weekend porta 4 nuovi casi in Ticino

Il totale dei contati a sud delle Alpi passa a quota 3'453. Doppio zero nelle ultime 24 ore nei Grigioni
Locarnese
1 ora

Ascona, volano i sassi dei confederati

Sul lungolago sabato la nona edizione del Campionato ticinese. Alto il livello dei partecipanti, caduto il record in campo maschile
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio traccia il suo Bilancio di genere

Concluso lo studio all’interno dell’amministrazione comunale. Sarà presentato in settembre. La Città è ‘equa’? ‘C’è un margine di miglioramento’
Ticino
4 ore

Davide Robbiani e il futuro dell’Istituto di biomedicina

In arrivo da New York, il nuovo direttore dell’Irb illustra le prospettive di crescita in comune con Università, Istituto oncologico ed Ente ospedaliero
Bellinzonese
4 ore

A Gorda è nata una camera d’hotel sotto le stelle

Si tratta di uno dei progetti di Svizzera Turismo per promuovere il territorio. I guardiani della capanna Alan e Nadia Ochsner raccontano i primi riscontri
Bellinzonese
13 ore

Biasca è stata oggi la località più calda della Svizzera

In Ticino ampiamente superati i 33 gradi, con un picco di 34,7 nel cuore delle Tre Valli
Luganese
15 ore

Assunzione di nuovi apprendisti, Collina d'Oro fa sul serio

Stanziato un fondo di 50 mila franchi a beneficio delle aziende che assumeranno giovani garantendo loro la formazione
Mendrisiotto
15 ore

Pompieri del Mendrisiotto, si votano i conti

Convocato il Consiglio consortile per il 16 settembre. Si sceglieranno anche presidente e vice
Luganese
15 ore

Gatta nera attende il proprietario

Trovata e salvata dalla Società protezione animali in via Trevano a Lugano
Luganese
16 ore

Capriasca, nuovo veicolo per l'azienda acqua potabile

Il veicolo sarà attrezzato per la posa e la manutenzione di acquedotti, a prova di guasti
Luganese
16 ore

Cinema al lago di Lugano, conto alla rovescia

Pronta l'open air, in programma dal 21 agosto al 17 settembre. Saranno adottate le misure sanitarie e le distanze sociali
Luganese
01.08.2020 - 14:200

Linee d’aria (e un ristorante) per la Hall del Lac

Presentata l’installazione ‘Luftlinie’ di Christine Streuli nel rinnovato foyer del Museo d'arte della Svizzera italiana. Attendendo le novità di settembre

Gigantesche tracce di pennello percorrono, in complicati tracciati, il foyer del Museo d’arte della Svizzera italiana al Lac, passando dalle pareti alle vetrate: una vivace nota di colore – immediato il richiamo alla pop-art – per quello che finora era uno spazio un po’ anonimo, più una zona di transito verso i vari spazi espositivi che un luogo d’incontro come il centro culturale di Lugano ha sempre voluto essere.
‘Luftlinie’ è il titolo di questa installazione di Christine Streuli, artista bernese conosciuta a livello internazionale – citiamo qui il progetto al padiglione svizzero della 52ª Biennale di Venezia e nel 2008 la partecipazione ad Art Unlimited, sezione di Art Basel dedicata alle opere di grande formato – che ha vinto il concorso su invito per “ridisegnare artisticamente” il foyer e bistrot del museo. Nell’incontro con la stampa, avvenuto poco prima di un incontro con il pubblico nel ciclo Lac en plein air, Streuli ha sottolineato l’importanza dell’incontro tra arte e architettura nel dare un’identità a un luogo: in questo caso, l’entrata di un museo, un luogo di accoglienza, dove ritrovarsi insieme magari per bere un caffè (ma su questo torneremo dopo). Un intervento interessante, nel suo dare allo spazio un’identità chiara ma al contempo discreta: l’installazione non si impone come elemento dominante ma dialoga con i vari elementi; un’attenzione che si vede da particolari come lo spazio lasciato vuoto – un «cartellone ma fatto di assenza», come lo ha definito l’artista – lasciato nella parete di fronte all’entrata, pronto a ospitare le descrizioni delle esposizioni in corso.
Il titolo, ‘Luftlinie’, in tedesco significa “linea d’aria”: il collegamento più breve, più veloce tra due punti, «la linea diretta per andare dal punto A al punto B». L’esatto contrario di quel che fanno le colorate impronte di pennello realizzate nel foyer, perché «l’arte non ha a che fare con l’efficienza e la velocità: l’arte ha a che fare con deviazioni, cambi di destinazione, incroci» ha spiegato l’artista.

Accoglienza e ristorazione

L’opera di Christine Streuli, come detto, è stata scelta nell’ambito di un concorso voluto da museo e centro culturale per “completare l’accoglienza” del Lac che, ha spiegato il direttore Michel Gagnon, è stata una priorità fin dall’inaugurazione del centro culturale ma che ha richiesto qualche anno di esperienza per la messa a punto. Il punto forte di questa accoglienza è ovviamente la grande Hall che in questi anni si è dimostrata spazio importante, ospitando numerosi eventi – concerti, conferenze e incontri con autori e artisti – oltre al bookshop e alla biglietteria. I punti deboli, invece, sono finora stati l’entrata del museo e soprattutto la ristorazione. Era prevista la presenza del ristorante, all’ultimo piano del centro culturale; poi lo spazio si è deciso di dedicarlo a sale per conferenze: una scelta giusta, visto il buon livello di utilizzo di quegli spazi in questi anni, ma che ha lasciato il Lac con solo due caffè. «È essenziale – ha affermato Gagnon in conferenza stampa – avere un ristorante con un’offerta di qualità, semplice ma di qualità, e che sia aperto quando è aperto il museo e la sera prima degli spettacoli».
Il foyer del museo con l’installazione di Christine Streuli si inserisce in questo rinnovamento degli spazi; l’obiettivo era presentare tutto insieme, ma la pandemia ha imposto i suoi tempi, così adesso abbiamo ‘Luftlinie’ mentre dovremo aspettare metà settembre per scoprire la nuova Hall con una nuova biglietteria, un bookshop rinnovato e valorizzato e, soprattutto, il tanto atteso ristorante.

Guarda tutte le 5 immagini
© Regiopress, All rights reserved