laRegione
Nuovo abbonamento
lugano-foce-vittima-della-sua-bellezza
La segnaletica apparsa venerdì sera all'altezza del ponte pedonale per il parco Ciani (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Quartiere Rusca-Saleggi, 'via il piede dal gas!'

In arrivo il limite dei 30 km/h in tutto il perimetro. Una misura voluta per tutelare al meglio gli utenti deboli della strada
Ticino
2 ore

Dopo una tregua, torna la canicola

Allerta di grado tre in Ticino da domani pomeriggio fino a mercoledì sera. Previste temperatura fino 34 gradi e alti tassi di umidità.
Locarnese
3 ore

'Villaggio svizzero dell'anno', due finalisti sono ticinesi

Gambarogno e Losone figurano tra le 12 località prescelte dal concorso, che quest'anno premia solidarietà e creatività in ambito Covid-19
Mendrisiotto
3 ore

Mercato dell’usato a favore dell’Uganda, si rinvia

La prudenza dettata dalla situazione sanitaria ha convinto gli organizzatori a rimandare al marzo del 2021 a Mendrisio
Locarnese
4 ore

Fulmine al Porto, diamo a Cesare ciò che è di Cesare

In relazione all'articolo
Luganese
4 ore

La sfida del maratoneta luganese tocca il mare

Soccorso Cresta e il figlio Gabriele al seguito in bici raggiungono Rimini. Ora li attendono 300 chilometri lungo la costa
Ticino
5 ore

Tre nuovi casi di coronavirus in Ticino, una persona dimessa

In totale sale a 3'449 il numero di persone testate positive nel cantone dall'inizio della pandemia, 923 i malati che hanno lasciato gli ospedali
Locarnese
5 ore

Palagnedra, pranzo della classe 1950

Coetanei della regione a tavola nelle alte Centovalli il prossimo 20 di agosto
Locarnese
6 ore

Pedemonte, gli Amici delle Tre Terre in assemblea

Giovedì 27 agosto, a Intragna, è prevista la seduta.Tra i temi sul tavolo la relazione presidenziale e i bilanci dei vari capi sezione
Grigioni
6 ore

Nei Grigioni tutti a scuola e senza obbligo di mascherina

L'anno 2020/21 inizierà con lezioni in presenza e classi intere; quarantena per chi torna da zone a rischio
Mendrisiotto
9 ore

Carnevali, ipotesi (anche estive) al vaglio

In attesa delle decisioni di Berna (e del Cantone), i 5 grandi Carnevali hanno già cominciato a riunirsi. Sul tavolo, tra le opzioni, anche qualcosa di 'estivo'
Gallery
Locarnese
9 ore

Pozzo di Tegna, difficile convivenza tra residenti e turisti

Al problema del littering si aggiunge quello della sicurezza; pochi posteggi e la sosta si fa selvaggia, creando situazioni di pericolo per pedoni e ciclisti
Bellinzonese
9 ore

La golena e i suoi problemi: 'E temo per il parco fluviale'

A colloquio con Edgardo Malè, presidente del Consorzio correzione fiume Ticino proprietario dell'ampia zona svago e relax criticata dai Verdi
Mendrisiotto
16 ore

Il capolinea degli InterCity? Chiasso

Il Cantone si schiera con il Mendrisiotto nella battaglia per i treni a lunga percorrenza e lo dice in una lettera alle Ffs
Luganese
14.07.2020 - 06:100

Lugano, Foce 'vittima' della sua bellezza

La genesi dell'area pubblica, dal referendum bocciato alla recente chiusura. Zanini Barzaghi: 'Non è stata pensata come luogo per eventi'

La controversa gestione del Municipio di Lugano della Foce del Cassarate (chiusa lo scorso fine settimana dalle 20 e riaperta da oggi su prenotazione tramite la piattaforma Prenota Lugano, con accesso limitato a duecento persone) ha generato tanto 'rumore' soprattutto nei social. La situazione nell'area pubblica, che la scorsa estate ha ospitato Lugano Marittima (evento non riproposto a causa dell'emergenza Covid-19), negli ultimi weekend è degenerata e sono stati registrati vandalismi, episodi di inciviltà di ogni genere. Tanto da indurre, appunto, l'esecutivo ha prendere una decisione molto discussa e anche criticata. Una decisione, ci spiega la municipale socialista Cristina Zanini Barzaghi, «voluta per privilegiare la fruibilità di questo luogo a favore di tutta la popolazione durante la giornata. La chiusura nelle ore notturne è una disposizione adottata per mantenere intatto il fascino della zona e garantire una fruizione libera di giorno come avviene da sempre per il parco Ciani».

La storia aiuta fare un po' di chiarezza

Per quali ragioni e quando nasce la valorizzazione della Foce del Cassarate? Come era stata pensata inizialmente? «Fare un passo indietro nella storia recente dell'area può aiutare a comprendere quanto capitato negli ultimi fine settimana», osserva Zanini Barzaghi. Il concorso pubblico è del 2004, mentre risale a dieci anni fa il messaggio dell'allora Municipio per la riqualifica naturalistica. Il progetto è stato votato per una manciata di voti prima del Natale 2010 e il credito di sei milioni di franchi è stato suffragato l'anno successivo dal volto popolare che ha bocciato, con uno scarto di un centinaio di schede, il referendum promosso da un gruppo spontaneo con massiccia presenza liberale (a parte qualche consigliere comunale fuori dal coro come Roberto Ritter). I referendisti contestavano l'abbattimento del muro di argine (considerato un bene meritevole di tutela) per far posto a una riva naturale lungo la sponda destra, l'eccessivo costo, e sollevavano dubbi sulla sicurezza idrica. I lavori sono stati poi affidati a un Team guidato dall'architetta paesaggista Sophie Agata Ambroise, la quale all'inaugurazione ha parlato della Foce del Cassarate come il vero cuore verde della città, luogo di scambio e di vita pubblica per eccellenza, dove si incontrano gli assi del fiume e del lungolago: il cardo e il decumano della nuova Lugano.

Dubbi idrici spazzati via dalla prima piena

L'allargamento dell'alveo e la creazione di un'ampia gradinata sulla sponda sinistra hanno mutato l'aspetto dell'ultimo tratto di fiume e ricorda la municipale socialista, «la prima piena avvenuta a lavori in corso nel 2013 ha dimostrato l'efficacia idraulica del progetto. Dal profilo tecnico, le successive piene hanno confermato la bontà dell'intervento. Ma il maggiore beneficio del progetto è stato l'accesso pubblico alla riva del fiume e del lago, un tabù fino a qualche anno prima». Dall'inaugurazione avvenuta nel 2014 in poi la Foce è diventata un'area apprezzata e sempre più frequentata non soltanto da residenti. Però, sottolinea Zanini Barzaghi, «sin dall'inizio è emersa la problematica legata al Littering e al decoro della zona. La Foce non è né un lido né un bar; è una parte del Parco Ciani, un'area naturale e delicata e come tale dovrebbe essere considerata, altrimenti perde un po' della sua magia. Perciò per alcuni anni dopo il cantiere, il Municipio è stato molto prudente nel proporre eventi, ciò anche per consentire la convivenza con l'adiacente Circolo velico di Lugano».

Un evento dopo l'altro fino a Lugano Marittima

Tuttavia «col passare degli anni sono stati permessi sempre più eventi nel parco Ciani e alla Foce. Al Boschetto e alla Darsena si tengono spesso conferenze, proiezioni e concerti, che compromettono parzialmente la quiete dell'oasi verde. E infine nel 2019 l'oramai famosa Lugano Marittima ha sdoganato la Foce come un grande bar all'aperto. Da allora il posto è preso d'assalto nelle sere d'estate da una folla di giovani e quest'anno la situazione è degenerata con la postpandemia». La chiusura ha messo sotto gli occhi di tutti almeno due questioni principali: da un lato l'accessibilità  
pubblica (carente) alle rive del lago, dall'altra la questione giovanile. Temi che abbiamo sottovalutato negli scorsi anni, nonostante avessimo creato nel 2013 due gruppi di lavoro, uno per sviluppare spazi pubblici di qualità, un altro per contrastare vandalismi e littering».

Questioni sottovalutate dall'esecutivo

A questi argomenti, secondo Zanini Barzaghi «dovremmo dare come Municipio più attenzione e maggiori risorse. Ma non sono presenti nelle Linee strategiche del 2017. Con l'emergenza Covid-19 non ancora scomparsa, ora è più che mai necessario affrontare queste questioni e non improvvisare  settimana dopo settimana, altrimenti il problema si sposta solo altrove».

© Regiopress, All rights reserved