laRegione
Nuovo abbonamento
lugano-e-la-foce-del-cassarate-decisione-giusta
Michele Malfanti, ex sindaco di Sonvico durante la festa per l'aggregazione con Lugano nel marzo 2013 (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
35 min

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
45 min

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
1 ora

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
1 ora

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
2 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
2 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
2 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
2 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
3 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
3 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
4 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
4 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Bellinzonese
5 ore

A 160 km/h sull'A2, pirata della strada denunciato

In territorio di Quinto è stato intercettato un 54enne svizzero, domiciliato nel Locarnese, che viaggiava a 160 chilometri orari dove il limite è di 80
Luganese
5 ore

Tesserete, annullata la festa multietnica 'Km 0'

Quella che sarebbe dovuta essere la quarta edizione è stata rinviata a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19
Locarnese
5 ore

La Locarno-Venezia salpa a Ferragosto

Trekking di 700 chilometri verso la Serenissima. La quindicesima edizione si carica di simboli
Grigioni
6 ore

Al Lucomagno sarà migliorata la protezione dalla caduta massi

L'intervento di protezione costerà 720'000 franchi: un progetto si trova al portale sud della galleria di Caschlatsch, l'altro su un'area del comune di Medel
Luganese
13.07.2020 - 06:200
Aggiornamento : 09:57

Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'

Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni

«Purtroppo, non c’erano molte altre scelte: la chiusura era nell’aria e ed è conseguente al rispetto delle indicazioni sanitarie dettate dal Covid-19. La desolazione della situazione che si è creata in zona Foce, dovuta ad alcuni, peserà su tutti. Ma a mio modo di vedere è una decisione, date le condizioni, dovuta. Piuttosto la tensione che si vive sull’argomento, segnala quanto si sia lontani da un generalizzato libero accesso alle rive lago. Anche solo puntualmente vi sono troppo pochi sfoghi a lago e questo dovrebbe far riflettere sugli indirizzi futuri a tal proposito». Questa è l'opinione di Michele Malfanti, primo cittadino di Lugano entrato in carica nella seduta di martedì scorso, in merito alla decisione del Municipio di chiudere l’accesso alla Foce la sera del fine settimana appena trascorso e di riaprire l’area pubblica dalla prossima con un numero limitato a 200 persone e su prenotazione. Una decisione che giovedì ha spaccato l'esecutivo (contrari il sindaco Marco Borradori e il municipale Roberto Badaracco) e ha fatto parecchio discutere suscitando pareri contrastanti.

Aggregazioni, tempi lunghi per i progetti

Malfanti (Ppd) classe 1972, guiderà il Consiglio comunale in questa legislatura allungata a causa dell'annullamento delle elezioni comunali previste lo scorso aprile prendendo il posto di Giovanna Viscardi (Plr). Nel suo intervento, pacato e rivolto al futuro, ha sottolineato i passi avanti compiuti dalla Città. Il suo passato nella politica locale (un quadriennio nel Consiglio comunale e dal 2008, l'ultimo sindaco della storia di Sonvico dopo aver vinto il ballottaggio) ne fa l'uomo 'giusto per parlare di aggregazioni. Tra l'altro, anche quella legislatura durerà cinque anni come quella che venne prolungata per via della votazione sull’aggregazione dei Comuni di Sonvico, Cadro, Carona e della Valcolla, con Lugano. Quasi fosse un anno 'bisestile' della politica. Tornando al tema aggregazione, Malfanti traccia un bilancio in chiaroscuro: «Sono passati sette anni e solo ora a Sonvico si comincia a capire che si sta muovendo qualcosa. La Città avrebbe dovuto cominciare ben prima i lavori per edificare l'asilo (il cantiere dovrebbe partire in autunno) ma la catastrofica situazione finanziaria del 2013-2014 ha causato ritardi importanti. Gli ex Comuni considerati poveri, a giochi fatti, hanno scoperto una Lugano in serie difficoltà finanziaria. Nessuno se lo aspettava e forse troppo tempo è trascorso per evitare che qualcuno non abbia fatto qualche pensiero negativo sull'aggregazione. Questa situazione ha nuociuto allo spirito di integrazione».

'Pare di essere nella fase pre-aggregativa'

Quali altre opere sono rimaste nel cassetto? «Solo adesso stanno presentando i lavori di risanamento di tutte le condotte dell'acqua e delle canalizzazioni che verranno eseguiti nel nucleo del paese di Sonvico, con la sistemazione di vicoli e delle piazze. Per la scuola di Cadro siamo ancora allo stadio di progettazione». Perciò, è difficile che un residente a Sonvico si senta parte della Città. Oltre alla crisi finanziaria, quali sono stati gli ostacoli e come si potrebbe migliorare? «Sin dall'inizio ho notato una fatica nel trovare la maniera giusta per comunicare con le Commissioni di quartiere. Commissioni che vengono interpellate solo quando ci sono progetti che riguardano il quartiere, in parte sono state adattate alla nuova realtà e sono ancora per la metà in mano ai partiti, le cui sezioni hanno grosse difficoltà a coinvolgere la popolazione - risponde Malfanti -. Mancano quella capillarità e vicinanza della politica che prima dell'aggregazione c'era anche grazie ai bollettini di paese. Questo tipo di relazione col territorio dovrebbe essere più intensa. La Città potrebbe essere più presente e trovare modalità più spontanee di comunicazione, forse con rapporti diretti e senza filtri fra l’amministrazione e i cittadini. E pensare che per i Comuni più piccoli, l'aggregazione era stata dettata anche dalla carenza di persone che si mettevano a disposizione della politica. Pare di essere di nuovo nella stessa fase pre-aggregativa».

'Pianificazione condivisa a Brè da allargare'

Non solo. «Un altro aspetto è il Piano regolatore unitario che ha accumulato ritardi, qualcosa si muove solo ora ma la pianificazione è un argomento che interessa la popolazione. A Brè è in corso un esperimento di pianificazione condivisa apprezzabile, bisogna capire se c'è la volontà di allargarlo anche agli altri quartieri. Aspetti questi che servono per far sentire luganesi anche i cittadini degli ex comuni». Quali sono gli altri temi prioritari per Lugano? «Il tema della mobilità pubblica, con l’attivazione della linea del tram-treno, ha tutte le caratteristiche per assumere il ruolo “di progetto identitario e di sviluppo” della città del futuro. Bene faremmo quindi a non considerare secondario il compimento della tratta tra Cornaredo e il Pian Scairolo. Come detto, è ora si fare uno scatto avanti a livello pianificatorio, integrazione dei piani regolatori non è soltanto un aspetto tecnico, contribuisce a sviluppare una visione di città, con una strategia per tutti gli spazi pubblici. La possibilità di unire il territorio, di organizzarlo meglio dal punto di vista urbanistico e funzionale, di produrre un’amministrazione più semplice, trasparente ed efficiente, di assicurare un medesimo standard qualitativo dei servizi e non da ultimo, di migliorare la sicurezza, non deve far passare in secondo piano un aspetto strategico per l’Ente comunale: quello del rapporto con propri i cittadini».

© Regiopress, All rights reserved