laRegione
Nuovo abbonamento
lugano-se-l-aeroporto-fallisce-la-citta-potrebbe-pagare
Aeroporto al tramonto? (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
54 min

Mascherine, niente obbligo al chiuso. Garzoni: 'Indossatela'

Il presidente dell'Esecutivo Gobbi: 'Decisione proporzionata'. Ma il direttore sanitario della Clinica Moncucco: 'Spero che il governo riveda la decisione'
Mendrisiotto
57 min

Il nuovo Ufficio tecnico di Chiasso sarà 'Carapace'

Ad aggiudicarsi il concorso di progettazione è stato l'architetto Roberto Briccola di Giubiasco
Luganese
1 ora

La maratona a sud del Luganese 'Soc' supera i primi 7 giorni

Vicini a Rimini Gabriele e suo padre. Ecco la cronaca della nuova tappa, in prossimità del mare Adriatico
Grigioni
1 ora

Teleferica Arvigo-Braggio ferma dal 17 al 21 agosto

Il provvedimento è dovuto ai lavori di revisione riguardanti la fune portante. Braggio sarà comunque raggiungibile con un pulmino.
Locarnese
2 ore

Porto di Ascona, una quindicina i natanti danneggiati

Il fulmine che lunedì ha colpito un'imbarcazione avrebbe potuto portare conseguenze ben peggiori. Un solo natante è stato distrutto dalle fiamme
Bellinzonese
3 ore

Cadenazzo investe nelle rete Bike sharing

Licenziato il messaggio municipale che prevede la realizzazione di due nuove postazioni. Per il futuro si ipotizza un ulteriore ampliamento.
Ticino
3 ore

Mascherine raccomandate nei negozi, nessun obbligo

Il Consiglio di Stato ha prorogato le misure attualmente in vigore fino al 24 agosto. Gobbi: decisione proporzionata alla situazione
Locarnese
3 ore

Losone, corso di baby sitting con la Croce Rossa

Pensato per ragazze dai 13 ai 17 anni si terrà a fine mese nella sala della Parrocchia di San Giorgio
Mendrisiotto
4 ore

L'Hc Chiasso in assemblea

Ci si troverà il 28 agosto allo stadio del ghiaccio. Verranno, tra le altre cose, esposti gli obiettivi per la prossima stagione sportiva
Bellinzonese
5 ore

Inaugurazione in forma ridotta per la galleria del Ceneri

I festeggiamenti, alla presenza della presidente Simonetta Sommaruga, si terranno il 4 settembre. In dicembre è prevista la parziale entrata in servizio
Luganese
6 ore

Travolto dalla cocaina: 'grazie che mi avete arrestato'

Una vicenda di riscatto personale alle Assise criminali di Lugano. Invalido spacciò chili di cocaina e marijuana, pena sospesa
Locarnese
6 ore

Ronco s/Ascona, 'spenti' altri occhi elettronici

Il Consiglio comunale ha suggerito di ridurre ulteriormente il numero delle telecamere della videosorveglianza. Ritirato il messaggio, l'esecutivo dovrà ripresentarlo.
Bellinzonese
7 ore

Riconoscimento alla neonatologia del San Giovanni

Il Servizio con sede a Bellinzona, destinato ai piccoli che necessitano cure specialistiche, ha ottenuto il certificato di livello IIb
Mendrisiotto
7 ore

Una messa in memoria di Renata Camponovo

Sarà celebrata domenica alle 9.30 all'Oratorio di Pedrinate
Mendrisiotto
7 ore

Ai Cuntitt 'Ul Giardin di taroch'

I Matiröö andranno in scena sabato alle 20.30 con lo spettacolo scritto e diretto da Gianni Delorenzi
Luganese
13.02.2020 - 23:340

Lugano, se l'Aeroporto fallisce, la Città potrebbe pagare

Vincessero i referendisti, le ditte attive allo scalo potrebbero fare causa alla detentrice della concessione

Come ha fatto Lugano Airport Sa (Lasa) presentando una causa di risarcimento danni alla Swiss che aveva delegato ad Adria la concessione federale per il volo di linea su Zurigo, così potrebbero muoversi le varie società attive all’aeroporto di Lugano-Agno nei confronti della Città di Lugano se dalle urne uscisse un esito favorevole ai due referendum. Questa ipotesi non è solo un argomento in mano a chi lo scalo luganese lo vuole salvare. Sì, perché la concessione federale è in mano alla Città che l’ha delegata a Lasa, società pubblica che opera ad Agno, dove sono attive diverse società, fra le quali citiamo solo la francese Dassault Aviation che ha acquisito dalla Confederazione gli stabilimenti Ruag degli aeroporti di Ginevra e Lugano. Anche di fronte all’esito di un voto popolare, la responsabilità è della concessionaria – la Città di Lugano –, che potrebbe ricevere una serie di richieste di risarcimento.

Licenziati anche i manager dell'Aeroporto

Questa ipotesi non vuole commentarla il direttore dell’aeroporto Maurizio Merlo che tiene però a sgombrare il campo dagli equivoci: «Anche io e gli altri membri di direzione, abbiamo ricevuto la disdetta come tutti gli altri dipendenti di Lugano Airport Sa». Il direttore vuole smentire alcune voci che circolano con insistenza secondo cui il management di Lasa sarebbe stato escluso dal provvedimento cautelativo adottato dal Consiglio di amministrazione. L’avvicinarsi della data della votazione sul doppio referendum, indetta a sole tre settimane delle elezioni comunali, sta generando una serie di prese di posizione che alimentano confusione perché la campagna sull’aeroporto si sovrappone a quella elettorale.

Le lettere di disdetta e il referendum

In merito alle lettere di licenziamento, «le disdette sono da considerare nulle, come se non fossero mai state inviate, nel caso in cui i due referendum contro i crediti stanziati dalla Città e dal Cantone venissero bocciati dalla maggioranza della popolazione ticinese e luganese il 26 aprile. Questa è stata la volontà e la decisione del Cda di Lasa che ha inserito la clausola nelle lettere di disdetta», precisa il direttore dello scalo luganese.

Chiaro che, prosegue il direttore dell’aeroporto, «i dipendenti quando leggono gli argomenti dei referendisti si sentono frustrati. Fa davvero male sentire commenti e prese di posizione critiche, spesso senza cognizione di causa. E non stanno vivendo bene questo periodo di avvicinamento al voto. Il dibattito pare centrato unicamente sui costi mentre dovrebbe essere considerato l’indotto generato dallo scalo e i crediti stanziati come un investimento. Eppure, non a torto, si chiedono quante aziende pubbliche o parapubbliche (basti ricordare le polemiche su Rsi, Officine e Navigazione) potrebbero continuare a sopravvivere senza alcun contributo pubblico?». 

Nullità giuridica dei licenziamenti?

Torniamo sulla nullità giuridica della disdetta cautelativa, come scritto su tio.ch ciò che conta, anche nell’eventualità di una contestazione di fronte al pretore, è quello che sta scritto sulle lettere ai dipendenti. In altre parole, ribadisce il sindacalista Ocst Lorenzo Jelmini, «nel caso di esito positivo dei due referendum al voto, questa disdetta è da considerarsi nulla e non avvenuta. Come d’altra parte può capitare in qualsiasi altro contratto di lavoro in cui si possono inserire clausole che indicano l’inizio e la fine del rapporto di lavoro. Anzi, succede abbastanza spesso che un datore per varie ragioni dettate da problemi e difficoltà presenti ai suoi dipendenti lettere di disdetta di questo genere». Nulla di cui scandalizzarsi, come fanno invece i promotori del referendum (vedi qui sotto), da questo punto di vista, agli occhi di Jelmini, «le accuse di ricatto sono da respingere al mittente».

‘La disdetta? Una cinica porcata’

Non usa mezzi termini l’Mps nel presentare l’interpellanza al Consiglio di Stato su quello che considera un licenziamento collettivo a tutti gli effetti in spregio ai relativi obblighi legali. E il movimento parla di un annuncio che ha “logica ricattatoria” nel porre le dieci domande al governo. I tre deputati del movimento (Simona Arigoni, Angelica Lepori, Matteo Pronzini) citano gli articoli 335 e 336 del Codice delle obbligazioni (Co). Dapprima chiedono se corrisponde al vero che la decisione di licenziare tutto il personale Lasa sia stata presa dal Cda con decisione unanime da parte di tutti i rappresentanti dei partiti del governo e dell’esecutivo.  

Poi, chiedono conferme: anzitutto vogliono sapere se i licenziamenti effettuati si configurano come un licenziamento collettivo ai sensi dell’articolo 335d del Co (almeno 10 licenziamenti in stabilimenti che occupano tra 20 e 100 dipendenti entro un termine di 30 giorni). L’interpellanza chiede pure se il datore di lavoro abbia seguito la procedura indicata dalla legge, ossia la consultazione della rappresentanza dei lavoratori per dare loro almeno la possibilità di formulare proposte per evitare o ridurre i licenziamenti nonché attenuarne le conseguenze, e informare l’ufficio cantonale del lavoro di questo previsto licenziamento collettivo.

© Regiopress, All rights reserved