in-250mila-per-sport-inclusione-e-no-alle-dipendenze
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
3 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Mendrisiotto
3 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Ticino
10 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
12 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
12 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
12 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
13 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
13 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
14 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
14 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
17.11.2019 - 15:260

In 250mila per sport, inclusione e no alle dipendenze

Nasce a Pregassona il 21° progetto Midnight e Lugano diventa il primo Comune ad offrire tutti i programmi della fondazione IdéeSport.

«Tanti anni fa, in una cittadina a ridosso di un bellissimo castello, nasceva la fondazione IdéeSport Svizzera italiana». È così che la moderatrice della serata Claudia Michelotti, responsabile regionale, ha aperto il giubileo per i vent’anni della fondazione nella Confederazione, di cui dieci in Ticino. Forte oggi dei suoi numeri IdéeSport collabora con 270 città e comuni di cui 77 ticinesi, ciò che ha permesso di creare nuovi programmi e concetti innovativi. Attualmente, infatti, la missione che porta avanti la fondazione è anche quella di aprirsi ad una nuova forma di organizzazione detta “agile”, cioè a gerarchia orizzontale in cui i vari collaboratori, coordinati in team, possono prendere decisioni in modo autonomo e responsabile.

La novità del Midnight a Pregassona
L’evento, tenutosi volutamente a Lugano, alla scuola media del quartiere di Pregassona, ha tenuto a battesimo anche il 21° progetto MidnightSports ticinese che qui vede la luce. IdéeSport è, infatti, la fondazione che sotto il suo largo e prezioso cappello propone al pubblico, soprattutto quello giovanile, diversi programmi: il citato MidnightSports, dedicato ai giovani compresi tra la seconda media e i 17 anni; MiniMove (dai 2 ai 5 anni); OpenSunday ed EverFresh. L’obiettivo dei quattro programmi proposti – come ha riferito Giorgio Panzera, direttore della fondazione che lascerà a fine febbraio per dedicarsi a un centro di competenza per organizzazioni no profit, gli succederà Reto Mayer, attuale vicedirettore – è apportare «un approccio nuovo allo sport, permettendo alla palestra di diventare luogo d’incontro oltre che di movimento: per IdéeSport lo sport è un veicolo per l’integrazione sociale, l’inclusione e la prevenzione». Salvaguardia che è stata uno dei punti cardine anche dell’intervento video del consigliere di stato Raffaele De Rosa, che ha voluto ringraziare quanto la fondazione sta facendo attraverso i vari programmi, soprattutto EverFresh che si occupa della prevenzione del tabagismo e ora, ampliandosi, anche della promozione della salute e delle tematiche riguardanti il consumo di alcol. Un progetto, come ha sottolineato il capo del Dipartimento sanità e socialità, nato proprio in Ticino e preso da modello in Svizzera.

Sensibilizzazione contro la violenza
Non solo la prevenzione, ma anche l’integrazione e la sensibilizzazione contro la violenza sono temi cari, non solo ad IdéeSport, ma anche alla Fondazione Damiano Tamagni e SportForPeace, enti che hanno sostenuto il progetto Midnight nel territorio ticinese fin dai primi momenti di vita. Collaborazione alla quale ha fatto da portavoce Marzio Conti. Una partnership che, a partire dal 2015, la Fondazione Tamagni ad occuparsi della formazione dei monitori, permettendo così di porli nelle condizioni di organizzare, nel corso delle attività, dei momenti dedicati alla sensibilizzazione contro la violenza e il razzismo.


Cinquemila gli eventi promossi nell’arco di un decennio in Ticino animati da oltre una trentina di monitori ‘tra pari’
Altro fondamentale contributo della serata è arrivato dalla stessa città di Lugano, che ha dimostrato, non solo a parole, la collaborazione che si è andata rafforzandosi nel corso degli anni con IdéeSport. Il risultato è che il Comune è il primo centro ticinese ad avere l’opportunità di offrire tutti i programmi della fondazione, grazie al già citato ingresso del progetto MidnightSports Lugano, che si svolgerà nella palestra della scuola media di Pregassona dalle 20 alle 23 ogni sabato sera, eccezione fatta per le vacanze scolastiche.
A dimostrazione del successo della fondazione e delle sue attività vi è il numero di partecipanti raggiunto, circa 250’000, nei quasi 5’000 eventi organizzati nell’arco di un decennio di vita della fondazione sul territorio ticinese. Eventi animati dagli oltre trenta monitori, inizialmente partecipanti o coach, che ora sono responsabili di progetto, giovani che sono la chiave del successo dei vari progetti e del lavoro ‘tra pari’ che viene svolto. Vi è, quindi, un progetto nel progetto in cui i team che operano e gestiscono le serate in palestra sono composti dagli stessi ragazzi e ragazze i quali diventano protagonisti all’interno degli spazi dedicati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved