laRegione
Nuovo abbonamento
swiss-sotto-l-esame-dell-ufac
Ti Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Coleottero giapponese, se trovato va segnalato

La città di Lugano illustra come agire in caso di ritrovamento dell'atavico divoratore di piante
Locarnese
7 ore

Locarno, lavori notturni in via Simen

Dal 17 al 22 agosto completa chiusura al traffico dalle 20 alle 5.30 per la nuova pavimentazione
Luganese
7 ore

Condanna definitiva per il ginecologo luganese Piercarlo Rey

Nessun ricorso al Tribunale federale. La vicenda giudiziaria per lesioni colpose gravi - asportò per errore entrambi i seni a una paziente - è chiusa
Luganese
8 ore

Il luganese Davide Staedler miglior Ceo d'Europa

Lo ha annunciato la rivista inglese Mnthly, specializzata nelle tematiche di gestione aziendale
Luganese
8 ore

Gardi Hutter attesa al Longlake Festival di Lugano

Prosegue il calendario intenso della kermesse cittadina, tra teatro, cinema e incontri
Gordola
8 ore

È morto Marzorini, ‘il burbero gentile’

Avvocato e notaio, già presidente del Gran Consiglio, era un grande appassionato di tiro
Ticino
9 ore

Burqa come sacchi dell'immondizia: niente processo per Robbiani

Decreto d'abbandono per il granconsigliere leghista dopo un post su Facebook del 2014. Esclusi i reati di discriminazione razziale e perturbamento della libertà di credenza.
Bellinzonese
9 ore

Domenica la corsa in salita da Faido al Lago di Carì

Quarta edizione con 1'600 metri di dislivello ma anche con un walking popolare
Grigioni
9 ore

Ferragosto a San Bernardino col mercato alpino

Ricco programma di eventi e animazioni sabato 15
Luganese
10 ore

Traversate del lago: a Lugano sold out, al ponte diga il bis

Gli organizzatori della gara popolare cittadina hanno ottenuto l'autorizzazione cantonale. A settembre la nuotata tra i lidi di Melide e Bissone
Luganese
01.10.2019 - 17:510

Swiss sotto l'esame dell'Ufac

La compagnia ha ufficialmente chiesto di liberarsi della concessione per il volo Lugano-Zurigo. E Agno non esclude ridimensionamenti del personale di Lasa

Vogliamo liberarci della concessione federale per il volo Lugano-Zurigo-Lugano, finora garantito da Adria”. Questo, in estrame sintesi, il contenuto della e-mail inviata oggi dalla compagnia Swiss all’Ufficio federale dell’aviazione (Ufac). Punto, fine e addio Lugano bella? Non proprio. Ora l’Ufac - che domani riceverà dalla compagnia aerea la richiesta anche per lettera - si chinerà per alcune settimane sull’esame della situazione ed emetterà dunque la sua “sentenza”.

L’Ufficio federale dell’aviazione dovrà valutare attentamente la richiesta di Swiss, segnatamente analizzare le motivazioni e decidere se esse sono o meno fondate. Quali gli scenari? L’Ufac potrebbe accogliere la richiesta, ma potrebbe anche rifiutarla, imponendo a Swiss altre condizioni. Non solo. I funzionari potrebbero persino sanzionare Swiss - sarebbe una “prima”, mai accaduta prima nell’aviazione svizzera - qualora stabilissero che le modalità adottate dalla compagnia rossocrociata controllata da Lufthansa e che ha affidato alla compagnia slovena Adria Airways la tratta Lugano-Zurigo, non ha rispettato le dovute forme richieste dall’Ordinanza sulla navigazione, che all’articolo 111 che regola le basi legali e gli obblighi legati alla concessione recita - come ci illustra Antonello Aveglia, portavoce dell’Ufficio federale dell’aviazione civile (Ufac):  “L’Ufac, segnatamente in caso di emergenza o di modifica della situazione, può dispensare l’impresa concessionaria su domanda debitamente motivata da tutti i suoi obblighi o da alcuni di essi o accordargli altre facilitazioni».

Una e-mail da parte di Swiss che interrompeva i voli Lugano-Zurigo è giunta lunedì all’Ufac, ma senza alcun preciso accenno alla concessione federale in suo possesso. Un punto al quale Swiss ha provveduto a chiarire oggi. Il fallimento di Adria (ieri il deposito dei bilanci) è naturalmente la motivazione principe che ha portato Swiss alla drastica decisione. Ma ora l’ultima parola spetta all’Ufac. E la richiesta di liberare la compagnia rossocrociata dalla concessione non appare scontata.
Intanto, Swiss si sta occupando dei passeggeri in possesso dei biglietti aerei da e per Zurigo, e - conferma il portavoce di Ufac - sta garantendo assistenza, pagando il viaggio con il biglietto del treno.

Il direttore dello scalo, Maurizio Merlo: "Stiamo valutando un ridimensionamento del personale di Lasa”

A mali estremi, estremi rimedi. Il direttore di Lugano Airport Sa (Lasa), ancora scandalizzato dalla decisione di Swiss, da noi raggiunto, afferma: "La rinuncia alla tratta su Zurigo da parte della compagnia rossocrociata ci sta penalizzando enormemente: calcoliamo una perdita di 10 mila franchi al giorno, quanto siamo già in un momento difficile. Per cui mi trovo costretto - aggiunge il direttore - a valutare seriamente una riduzione dell'impiego dei dipendenti di Lasa. Senza il volo di linea l'attuale numero dei dipendenti (77, ndr.) risulta in esubero”. Per ora tuttavia non è stata ancora adottata alcuna decisione. Nel frattempo Merlo auspica che la Deputazione ticinese alle Camere federali faccia pressioni affinché il Ceo di Swiss rispetti i termini della concessione federale. Negli ultimi anni, aggiunge il direttore di Lasa, "Swiss ha distrutto l'aeroporto di Lugano, prima attuando una concorrenza spietata a Darwin Airline, ora con questa decisione di abbandonare la tratta su Zurigo.  

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved