laRegione
Nuovo abbonamento
biglietti-per-percorsi-brevi-soppressi-malumori-a-lugano
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 min

La maturità professionale non basta per lavorare al liceo?

Edo Pellgrini (gruppo Udc) in un interrogazione chiede al governo di precisare quali titoli siano sufficienti per un posto di impiegato dello Stato
Locarnese
19 min

Vallemaggia: ‘Cara Swisscom, qui i cellulari non prendono...’

Problemi di ricezione nel distretto e l'Associazione comuni reclama: “Ne va anche della sicurezza degli escursionisti”
Grigioni
25 min

Stelle cadenti al Passo del San Bernardino

L'11 agosto appuntamento in altura con l'astrofilo Fausto Delucchi
Ticino
52 min

L'ospedale in Tanzania dell'ong ticinese SwissLimbs sarà 'green'

Al via la seconda fase del progetto per creare un centro riabilitativo 'per offrire un più ampio accesso alla sanità'
Bellinzonese
1 ora

Scontro tra auto e moto a Bellinzona, un ferito

A causa dell'urto il centauro è caduto a terra e la moto è terminata contro una macchina che circolava in senso opposto
Bellinzonese
1 ora

Gita al Tremorgio con la classe 1950 della Val Morobbia

Iscrizioni aperte per l'evento del 27 agosto
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio difende l'ostetricia 'a spada tratta'

Il Municipio lo mette nero su bianco e scrive (ancora) al Dss per chiedere di non chiudere il Dipartimento donna-bambino dell'Obv
Bellinzonese
2 ore

Musica in centro a Bellinzona e spettacolo a Sant'Antonio

In arrivo tre serate di animazione nell'estate della Turrita e della Val Morobbia
Bellinzonese
2 ore

'Incontra uno scrittore al parco' con Facchini e Ruchat

Doppio appuntamento settimana prossima alla Biblioteca cantonale di Bellinzona
foto e video
Luganese
2 ore

Soccorso surclassa l'obiettivo pre-partenza: i km sono già 330

Tappa ieri a San Lazzaro, in provincia di Bologna. Oggi la corsa lo porterà a Forlì: più di 50 chilometri al giorno, un record!
Bellinzonese
3 ore

Carlo Bertinelli presidente onorario della Fondazione Curzútt

A due anni dalla scomparsa insignito della carica il compianto fondatore e poi promotore di tanti progetti sulla montagna di Monte Carasso
Ticino
4 ore

Calano gli affitti, in Ticino 'giù' di mezzo punto percentuale

La variazione mensile cantonale, al ribasso, è dello 0,58%. A Lugano -0,86 per cento
Luganese
12.06.2019 - 06:000
Aggiornamento : 09:23

Biglietti per 'percorsi brevi' soppressi, malumori a Lugano

Seppur annunciata, la misura crea qualche mal di pancia: il biglietto da massimo sei fermate è sostituito da quello a una zona, che costa di più

«È un aumento eccessivo, mi chiedo se questo è un incentivo all’uso del trasporto pubblico del quale si parla tanto». Sono amare le riflessioni di Daniele, pensionato luganese che – come tutti – ha dovuto fare i conti col taglio del biglietto ‘percorso breve’. Una misura decisa dalla Comunità tariffale Arcobaleno e comunicata a maggio (cfr. correlato). Seppur annunciata, e accompagnata da una serie di contropartite, qualche malumore fra gli utenti incontrati alla pensilina Botta lo crea. Chi faceva regolare utilizzo del biglietto speciale per le zone urbane – che costava 2 franchi –, ora deve acquistare quello per una zona: 30 centesimi in più a corsa. Una spesa maggiore del 15 per cento.

«Io vivo da solo – ancora Daniele – e da pochi mesi sono in pensione. Ora che arrivano le belle giornate mi piace prendere il bus da Molino Nuovo (dove abita, ndr) e venire in centro per fare una passeggiata sul lungolago. Lo facevo regolarmente, ma ora dovrò valutare se non mi convenga piuttosto prendere un abbonamento o rinunciare qualche volta in più...». Meno preoccupate rispetto a Daniele, ma dal tenore simile, altre voci raccolte: è una decisione in linea con la politica di promozione del trasporto pubblico della Città? Abbiamo girato la domanda al capodicastero Sviluppo territoriale Angelo Jelmini. «Le tariffe non sono gestite da noi – premette –, quello che possiamo fare come Comune è dare un sostegno (sovvenzionando gli abbonamenti, al 50% per i giovani sotto i 20 anni e per gli studenti sotto i 25, per esempio, ndr). E continueremo a sussidiare in maniera importante».

A tal proposito, in occasione delle recenti manifestazioni per il clima, gli studenti hanno consegnato sette proposte a Palazzo Civico. Fra queste, figura anche quella di rendere gratuiti, per loro, i trasporti pubblici. «Personalmente l’idea mi piace, ma sarà il Municipio a dover prendere una decisione. Stiamo facendo valutazioni di carattere finanziario se aumentare la quota (del 50%, ndr) o accogliere del tutto la richiesta».

Il municipale ricorda inoltre che siamo alle porte di un cambiamento epocale. Da dicembre 2020 – con l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri – ci sarà un grosso potenziamento anche del trasporto pubblico su gomma, sia regionale che urbano. Secondo recenti calcoli del Dipartimento del territorio, l’aumento delle prestazioni in città è stimato al 26% e addirittura all’80% per i servizi regionali. Non senza oneri: 22,5 milioni di franchi ripartiti tra Confederazione, Cantone e Comuni.

L’arcobaleno
‘Non aumento, riorganizzazione’

«Non si tratta di un aumento, ma di una riorganizzazione tariffale». Sebbene l’impressione dell’utente medio possa essere quella di un rincaro (cfr. articolo principale), l’Arcobaleno spiega che non è così. Quello inerente alle tratte brevi urbane non è per altro l’unico cambiamento entrato in vigore il 1° giugno. Variazioni, anche di prezzo e spesso al rialzo, dovute alla necessità di rendere finanziariamente neutre le novità. «Sono cambiate determinate regole – sottolinea il pr ad interim Tiziano Pellegrini –, per esempio è venuto a cadere l’obbligo per gli abbonati di acquistare almeno due zone extraurbane» o la possibilità di viaggiare in tutto il comprensorio con un biglietto almeno da otto zone (invece che tredici).

Tornando al percorso breve urbano, il responsabile ammette che è a Lugano che «si sente di più il problema rispetto alle altre zone urbane, forse perché si utilizzava di più». Entrato in vigore nel dicembre del 2012, questo ticket si sarebbe rivelato «un po’ troppo complicato, laborioso, sia per l’utenza che per i controlli». Si sospettava insomma che ci fossero degli abusi. «La soppressione – aggiunge infine Pellegrini – è stata accompagnata dalla riduzione della tariffa del biglietto di una zona».

© Regiopress, All rights reserved