laRegione
Nuovo abbonamento
dipendenze-la-storia-di-lucia-rovinata-da-farmaci-e-alcol
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
18 min

Un viaggio di 250 milioni di anni sul Monte San Giorgio

È quanto propone con un'escursione sul sito Unesco, l'Associazione transnazionale delle Guide ufficiali del Monte San Giorgio
Mendrisiotto
31 min

Un candidato a Giudice di pace del Circolo di Balerna

In sostituzione di Guglielmo Bernasconi è stata presentata la candidatura di Maurizio Cattaneo
Luganese
48 min

Lugano, pienone nei lidi malgrado la pandemia

Ottima stagione estiva per gli stabilimenti balneari cittadini, rispetto al biennio 2018-2019, grazie alla piattaforma di prenotazione
Ticino
55 min

Covid-19: tre nuovi contagiati in Ticino

È il dato diramato dal Medico cantonale relativo alle ultime 24 ore. Il numero complessivo sale così a 3'621.
Bellinzonese
1 ora

La scuola durante il lockdown? Poteva andare peggio

Un sondaggio rivela una certa soddisfazione per come è stata gestita l'emergenza, ma anche i limiti del teleinsegnamento per un apprendimento a tutto tondo
Luganese
4 ore

Ex Moosmann di Gandria, rigettate le nove opposizioni

La Città di Lugano concede la licenza edilizia: via libera alla trasformazione dell'ex albergo in circa 25 appartamenti per residenze primarie
Bellinzonese
4 ore

Il canto corale ai tempi del Covid-19: quante difficoltà

Bellinzona, dai Cantori della Turrita la testimonianza sulle misure intraprese per poter portare avanti l'attività con qualità
Ticino
13 ore

Il lupo fa la parte del leone

Greta Gysin (Verdi) e Fabio Regazi (Ppd) a confronto sulla legge sulla caccia in votazione il 27 settembre
Luganese
13 ore

Ferrovia Lugano-Ponte Tresa: seconda vita in Madagascar

Arrivata la conferma: sette treni della Flp finiranno nell'isola africana, venduti dalla Stadler alla francese Arterail. L'amianto sarà tolto in Ticino.
Locarnese
13 ore

Quartiere Rivapiana, assemblea e spettacolo

A Minusio l'incontro annuale dell'associazione
Bellinzonese
14 ore

Sorpassi di spesa, alto funzionario poco collaborativo?

Lo chiede il gruppo Lega/Udc al Municipio di Bellinzona, sollevando alcuni quesiti sul direttore del Settore opere pubbliche
Bellinzonese
14 ore

Petrolchimica: 'La Città deve far pagare chi ha creato il danno'

Interpellanza dei Verdi di Bellinzona per capire come il Municipio intenda muoversi nei confronti dei responsabili dell'inquinamento.
Luganese
17.05.2019 - 09:220

Dipendenze, la storia di Lucia: 'Rovinata da farmaci e alcol'

Anni di dipendenze e ora in trattamento a Villa Argentina, la toccante testimonianza della donna caduta nel vortice degli abusi dopo problemi al lavoro

Un bel viso rubicondo, una voce pacata e consapevole, un sorriso amichevole e rassicurante. E una storia drammatica alle spalle. Incontriamo Lucia (vero nome noto alla redazione) a Villa Argentina, una delle due sedi dell’Associazione L’Ancora. La testimonianza della 50enne è forte e toccante. Un aiuto per noi, per capire meglio il fenomeno dell’invecchiamento di chi per anni è stato dipendente da droghe o altre sostante. Farmaci e alcol, nel caso specifico. Cresciuta in Svizzera interna, Lucia è arrivata in Ticino ormai quasi vent’anni fa per motivi di lavoro. Da allora la sua vita è peggiorata.

Quando sono iniziati i problemi?

Subito dopo il trasferimento. Ho lavorato per sette anni in banca a Zurigo. Cercavano qualcuno che conoscesse le lingue, italiano compreso, per la filiale luganese e ho pensato che fosse un’opportunità interessante. Mi ero lasciata da poco col mio compagno e cercavo un cambiamento. Ma mi sono trovata male.

Come mai?

Ho trovato molta chiusura mentale, invidie, piccole lotte e tanta instabilità. Responsabili che cambiavano velocemente e disorganizzazione. Mi sentivo isolata dai colleghi e sola. In breve, andare al lavoro diventò un peso e cominciai a provare stati d’ansia. Non dormivo più.

Si rivolse a un medico?

Ho provato senza successo dei prodotti omeopatici. Poi mi è stato prescritto un ansiolitico. Sul momento le cose miglioravano, ma mi creò una forte dipendenza. Cominciai però ad abusarne e andai in depressione. Non riuscivo più a lavorare: mi invitarono a licenziarmi.

Quando perse il lavoro, cosa capitò?

Mi rivolsi a uno psichiatra. Oltre agli ansiolitici mi prescrissero degli antidepressivi. Trovai un impiego per una società immobiliare, ma era a tempo determinato. Cercavo lavoro, ma non lo trovavo, probabilmente si vedeva che ero diversa. Lì iniziarono gli attacchi di panico. Cominciai allora anche a bere alcol, mischiandolo coi medicamenti. La situazione peggiorò drasticamente.

Cosa successe?

Non ero più la Lucia di una volta. Non avevo voglia di uscire, avevo paura di stare fra la gente, passavo le giornate a letto. Sono stata ricoverata diverse volte. Il mio umore peggiorava costantemente. Finché tentai anche il suicidio.

Qualcuno la aiutò?

Inizialmente dissimulavo bene. Poi la mia famiglia si accorse del mio malessere, intervenendo energicamente. Ma spesso ero anche io stessa a cercare aiuto, a richiedere i ricoveri. Sei mesi fa sono arrivata a Villa Argentina. Volevo venirci da diverso tempo, è la migliore comunità di recupero che c’è in Ticino.

Come giudica il suo percorso terapeutico sin qui?

Positivamente. Sono cosciente di avere delle problematiche, ma non ho mai desiderato interrompere il percorso. Forse, per la mia età, sono più saggia (sorride, ndr). Non vedo più tutto nero e già questo è un importante risultato. E poi sto meglio fisicamente, dormo bene la notte. E ho trovato delle persone a cui mi sono affezionata e che si sono affezionate a me.

Non ha paura di avere ricadute?

Sì, è una costante. Ma è bene che sia così: è un deterrente dal ricascarci. Avere paura dona prudenza.
Ci congediamo da Lucia e con l’assistente sociale di Villa Argentina Giorgio Simona, cerchiamo di capire brevemente quale sia la sfida principale oggigiorno nell’ambito del lavoro coi tossicomani ‘over’. «Mentre nei giovani l’obiettivo è il reinserimento professionale nella società, in questi casi spesso non è possibile – spiega –. Si cerca di lavorare sulla qualità di vita quindi, sul mantenimento dell’astinenza dalle sostanze, sulle attività occupazionali». Spesso infatti si tratta di persone in Ai, ma anche qui qualcosa sta cambiando. «C’è più severità oggi nell’attribuire le rendite, e talvolta questo è discutibile, cosicché i casi sono diminuiti».

© Regiopress, All rights reserved