Luganese
18.03.2019 - 11:350

Mobilità lenta: a quando le 'adeguate strutture'?

Gruppo Ppd e Generazione Giovani interrogano il Municipio sugli investimenti effettuati negli ultimi cinque anni

Il Gruppo Ppd e Generazione Giovani, prima firmataria Sara Beretta Piccoli, tornano sul tema del traffico lento, richiamando gli atti pianificatori che 25 anni fa già chiedevano strumenti per la creazione di "adeguate strutture" in merito. Premesso che "la scadenza per la realizzazione  di queste infrastrutture, come previste dal Pal 2 (Programma d’agglomerato del Luganese), era il 2018", il Gruppo interroga il Municipio su quali siano stati gli investimenti effettuati a favore della mobilità dolce negli ultimi cinque anni, ponendo le seguenti domande, riportate testualmente:

  • Quali sono stati gli investimenti effettuati a favore della mobilità dolce negli ultimi cinque anni?
  • I crediti che scadevano a novembre 2016 sono stati utilizzati per intero? Se sì, in quale modo, per quali infrastrutture?
  • Quando si prevede di illuminare per intero la cosiddetta “via del Lago”, in particolare nella tratta che costeggia il fiume Cassarate e, dove presto vi sarà la nuova infrastruttura universitaria, come pure da Pregassona a Davesco (prima del tunnel)? Si ricorda che queste infrastrutture vengono anche molto utilizzate da altri utenti (in particolare da jogger, vista la demarcazione apposita) anche nelle ore serali o mattutine, quando la luce naturale scarseggia.
  • Si può ipotizzare anche l’utilizzo di lampioni a luci LED con azionamento automatico con sensori di movimento (come già posizionati sulla nuova e moderna tratta Canobbio-Tesserete) con pannelli solari autonomi?
  • Quanti nuovi stalli per biciclette sono stati posizionati negli ultimi cinque anni? Dove? Quanti di questi stalli danno la possibilità di caricare delle bici elettriche?

  • È possibile prevedere di principio la costruzione di stalli per biciclette davanti a nuove edificazioni private di una certa rilevanza o a infrastrutture comunali?
  • Recentemente è stato votato un grosso credito per l’ampliamento di parcheggi auto alla stazione di Lugano. È prevista la creazione di una “velo-station”, come nella maggior parte delle stazioni svizzere, con stalli per e-bike e non?
  • Lungo Viale Cattaneo la segnalazione orizzontale della corsia risulta poco chiara, in quanto viene segnata solo la bicicletta e non la linea gialla? È possibile migliorare la situazione? Purtroppo non venne accolta la richiesta del Gruppo Ppd che aveva richiesto la costruzione di una pista ciclabile separata dalle corsie stradali. Alla luce delle evidenti difficoltà di sicurezza riscontrate da chi circola in bicicletta (i ciclisti molto spesso preferiscono ancora utilizzare il marciapiede, creando così problemi ai pedoni), non è possibile un ripensamento del Municipio?

  • Sarebbe possibile aumentare le corsie ciclabili, disegnando le apposite demarcazioni orizzontali, su diverse strade a senso unico (come previsto dalla legge federale),  così da poter facilitare  la mobilità su due ruote anche nel senso inverso, ed aumentare quindi la sicurezza?
  • Quando sarà concessa anche a Lugano la possibilità di circolare sulle corsie del bus con le biciclette, come già succede in altre città del Cantone?
  • Considerando che è stato rivalutato il piano viario a favore di una migliore mobilità delle auto in zona Palazzo dei congressi, come si intende procedere in merito alla mobilità dolce?

 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
mobilità
anni
ultimi cinque
ultimi cinque anni
cinque anni
stalli
infrastrutture
investimenti
mobilità dolce
investimenti effettuati
© Regiopress, All rights reserved