cademario-municipio-da-revocare
Ti-Press
10.12.2018 - 15:53
di Alfonso Reggiani

Cademario, 'Municipio da revocare'

A Palazzo delle Orsoline domani le 157 firme (una decina più del previsto). I promotori chiedono una deroga per votare una volta sola, anticipando le Comunali

Sono una decina in più del minimo previsto (157) le firme raccolte a Cademario per chiedere la revoca del Municipio. Saranno consegnate alla Cancelleria dello Stato a Palazzo delle Orsoline di Bellinzona domattina. I promotori della raccolta di firme – i municipali Cristina Dotesio, Antonio Rezzonico, Lorenzo Agustoni e Michele Müller – sono convinti di averne raggiunte a sufficienza per chiamare alle urne la cittadinanza.

Le firme andranno convalidate dalla Cancelleria dello Stato che, per legge, ha 30 giorni di tempo. La proposta di revoca del Municipio da parte del comitato promotore è stata depositata in Cancelleria comunale a inizio ottobre. Comitato che, nel caso le firme fossero convalidate (come appare scontato) entro il prossimo Consiglio comunale previsto il 19 dicembre, potrebbe anticipare la domanda ai membri del legislativo, a sapere se accetterebbero la possibilità di riunire la votazione sul Municipio con le elezioni comunali, in questo caso anticipate. Questa via d’uscita eviterebbe di chiamare alle urne la cittadinanza per due volte nel giro di poco più di un anno, visto che le elezioni comunali si svolgeranno nell’aprile del 2020.

Per questa deroga, occorrebbe il via libera del Consiglio comunale ma anche del Consiglio di Stato. Se la raccolta di firme dovesse andare in porto, la popolazione dovrebbe tornare alle urne per votare infatti solo sulla revoca del Municipio». La procedura è quella prevista dall’articolo 44 della Costituzione ticinese che indica una votazione in cui gli aventi diritto avranno due opzioni: favorevoli o contrari a mandare a casa l’esecutivo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved