laRegione
tra-l-altro-una-retata-che-non-va-giu
Retata 'indigesta' (foto: Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Arbedo-Castione, biblioteca chiusa fino al 28 febbraio

La decisione è stata presa in seguito alle nuove disposizioni legate al coronavirus. Si potrà comunque continuare a riconsegnare libri e chiedere prestiti.
Bellinzonese
9 min

Tre compagni positivi alle Elementari Nord di Bellinzona

Per ora l'Ufficio del medico cantonale, che monitora la situazione, ha escluso la quarantena di classe
Ticino
1 ora

Bus regionali affollati, in arrivo corse supplementari

Sono 16 le tratte extraurbane, gestite da Autopostale, soggette a sovraffollamento nelle ore di punta. Il Dt auspica correttivi già dalla prossima settimana
Mendrisiotto
2 ore

Per la sindaca di Castel San Pietro saluti augurali online

Il messaggio, casa pandemia, si potrà vedere da sabato, 23 gennaio, sul sito internet dell'amministrazione comunale www.castelsanpietro.ch
Mendrisiotto
2 ore

Chiuso per lavori un tratto di via S. Martino a Mendrisio

Il cantiere interessa la zona dalla chiesetta al parcheggio delle piscine. All'origine c'è un danno alle canalizzazioni
Bellinzonese
3 ore

Vaccino ad Arbedo-Castione: necessario il certificato medico

Da oggi si fissano gli appuntamenti per gli over 80, iniezioni al via dal 1° febbraio al Centro sociale
Luganese
3 ore

Angelo Bernasconi il settimo Ppd per Lugano

Completata la lista per il Municipio, il 29 gennaio la ratifica dell'Assemblea (on line)
Locarnese
3 ore

Locarno, è partita la campagna vaccinale

Compatibilmente con la disponibilità delle dosi, in questi giorni si procederà con le iniezioni a tutti i 470 ultraottantenni che si sono annunciati
Ticino
4 ore

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Ticino
5 ore

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Luganese
08.06.2018 - 21:000

Tra l'altro, una retata che non va giù

Il controllo al Biblio-Café da parte della Comunale sembra essere il primo di un'operazione che riguarda gli esercizi pubblici

Retata «indigesta» – in piena grigliata – giovedì poco dopo le 22 al ristorante Biblio Cafè Tra l’altro, più noto come Tra. «Siamo basiti più che arrabbiati. In vent’anni non era mai successo. E poi con quale esito? Hanno trovato solo 3 sedie in più del consentito» – è la reazione di uno dei proprietari del locale di Molino Nuovo.

Il comunicato della polizia città di Lugano diramato oggi riferisce del “primo di un’operazione di controlli preventivi degli esercizi pubblici, atti a prevenire e reprimere i rumori molesti, mescita di bevande alcoliche a minori, così come l’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti” e precisa che “tale operazione scaturisce anche dalle numerose reclamazioni dei cittadini e della Commissione di quartiere, che hanno sollecitato a più riprese puntuali controlli di polizia, soprattutto nelle ore serali”.

Ma qual è stato l’esito del blitz al Tra? Quindici agenti della polizia di Lugano, tra specialisti del servizio antidroga e della polizia amministrativa hanno controllato 62 persone, tra cui 2 minori per consumo di bevande alcoliche. Informa la polizia: “È stata rinvenuta della marijuana in un cespuglio, verosimilmente gettata da ignoto avventore al momento dell’inizio del controllo”.

Obietta dal canto suo uno dei proprietari del Tra: «Ma dovremmo perquisire i nostri clienti? Inoltre, quando è capitato di sentire odore di marijuana abbiamo sempre allontanato gli avventori. E come distinguerli da chi fumasse canapa light senza Thc?». 


Quanto è costato ai contribuenti? 

La polizia aggiunge che “sul piano del rispetto della legge cantonale sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione sono state constatate alcune manchevolezze e infrazioni” e che “si provvederà a verificare quindi anche le responsabilità amministrativo-penali del gerente”. Il proprietario da noi interpellato esclude che vi siano irregolarità, visto che il ristorante ossequia alle regolari disposizioni impartite nei controlli dal Laboratorio di igiene cantonale.

Giovedì sera era  presente pure una cliente incinta per la quale la polizia assicura di averle chiesto se avesse avuto bisogno di assistenza e questa avrebbe risposto negativamente. Il Tra lamenta una durata eccessiva dei controlli che ha «costretto per ben due ore gli astanti a restare nel locale».

Gioventù Socialista Ticino (Giso) stigmatizza l’operazionechiedendosi se si tratti di un “altro caso di repressione da parte della polizia?” e osservando: “Non ci risulta che ai locali della ‘Lugano bene’ siano organizzati controlli e retate simili, segno che sono i luoghi alternativi a dare fastidio”. Giso auspica chiarimenti da parte delle autorità. Reagisce anche il Collettivo femminista Io l’8 ogni giorno interrotto dalla retata durante una riunione al Tra, che parla di “intervento sproporzionato”.  In serata anche il Partito Operaio e Popolare (Pop) in un comunicato esprime “la sua solidarietà con le compagne, con la gerenza dell’esercizio e con tutte le persone presenti giovedì 7 giugno al BiblioCafè Tra l’altro, che hanno dovuto subire – citiamo – l’atto intimidatorio perpetuato dalla polizia di Lugano”. “Un atto che condanniamo con forza, in quanto è andato a colpire un luogo d’incontro che favorisce la cultura popolare (...)”. Il Pop, che evoca il tempo delle schedature, chiede fra l’altro al municipale Michele Bertini, capodicastero polizia, di chiarire come giustifica questo grande dispiegamento di forze e quanto è costato ai contribuenti. 

© Regiopress, All rights reserved