Luganese
13.01.2017 - 14:300

Parco Maraini in mani svizzere. Importante ristrutturazione del complesso per terza e quarta età

Il Gruppo Artisa ha annunciato questa mattina di aver concluso con successo la trattativa per l’acquisizione di Parco Maraini a Lugano. L’avvenuto passaggio di proprietà, affinato negli ultimi mesi, riporta il centro residenziale e di cura luganese in mani svizzere. Artisa, con sede a Zugo, Lamone e Losanna, dopo lo sviluppo di residenze analoghe in Ticino (La Turrita di Bellinzona, Al Vigneto di Tenero e Comacini di Chiasso) e l’acquisizione e ampliamento della casa per anziani Bärholz di Wohlen (Canton Argovia) “rafforza, con questa importante acquisizione, il suo programma di sviluppo su scala nazionale nel settore per la terza e la quarta età integrando nelle sue proprietà un’importante struttura in posizione privilegiata. La centralità urbana, l’accessibilità ai vettori di trasporto pubblico, la posizione in un contesto di qualità urbana sono fattori – ha spiegato Andrea Blotti, membro del Cda – che fanno di Parco Maraini una struttura di grande pregio”. 

Paralelamente il Gruppo Tertianum ha rilevato dal 1° gennaio 2017 la gestione della casa anziani presente all’interno di Parco Maraini (Casa Dorata), con attualmente 53 posti letto di cura. Per garantire la continuità delle cure, il Gruppo Tertianum ha ripreso tutte le collaboratrici e i collaboratori così come direzione e quadri della casa per anziani. Per il Gruppo Tertianum il Parco Maraini rappresenta un ulteriore e importante anello di una catena che conta 71 strutture per anziani in Svizzera. In Ticino Parco Maraini è la quarta struttura del Gruppo, già presente sul territorio cantonale con le Residenze Al Lido di Locarno e Al Parco di Muralto nonché con il Centro per la terza età La Turrita di Bellinzona. In totale le quattro strutture ticinesi occupano 210 persone e offrono 143 posti letto e 232 appartamenti protetti. 

Nel corso del 2017 sono previsti, al Parco Maraini (Casa Dorata), importanti lavori di ristrutturazione fra cui la messa a norma degli impianti tecnici e delle camere di cura. Al termine dei lavori il numero di posti letto aumenterà a 83 unità. Ciò permetterà un miglioramento del comfort per gli ospiti, un ampliamento dell’offerta sanitaria e la creazione di nuovi posti di lavoro. Accanto agli 83 letti medicalizzati, la struttura disporrà di un centro medico. La caffetteria, il bistro e la cucina di produzione saranno gestite da Pro Senectute Ticino che oltre alla preparazione dei pasti per gli ospiti della residenza usufruirà della cucina sita in Parco Maraini per fornire la sua rete di distribuzione di pasti a domicilio.

In Ticino nei prossimi 4 anni il Gruppo Tertianum prevede l’apertura di 3 nuove strutture: in autunno del 2017 “Al Vigneto” a Tenero con 42 posti letto e 72 appartamenti protetti, in primavera del 2019 “Comacini” a Chiasso con 30 posti letto e 90 appartamenti protetti e in estate del 2020 la “Residenza Du Lac” a Paradiso con 40 posti letto e 60 appartamenti protetti.

Per gli edifici inseriti nel sedime di Parco Maraini, Casa Belinda e Casa Collina, il Gruppo Artisa prevede di abbandonare il concetto di servizio alberghiero classico per abbracciare quello di residenza e proprietà privata. Entrambi gli edifici verranno ammodernati, ristrutturati e valorizzati per offrire soluzioni abitative tradizionali in locazione così come  nuovi concetti flessibili immaginati per i target business, accademico, dei congressi e degli eventi mediante l’offerta di appartamenti ammobiliati per periodi relativamente brevi e possibilità di prestazioni del tipo alberghiero a discrezione del conduttore.

Potrebbe interessarti anche
Tags
parco
posti letto
parco maraini
posti
casa
maraini
appartamenti
struttura
gruppo tertianum
tertianum
© Regiopress, All rights reserved