Carlo Reguzzi
Lugano
20.06.2016 - 10:310
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:10

L'Eoc partecipa alla ricerca sulla depressione perinatale

È partito in questi giorni uno dei maggiori progetti di ricerca scientifica cui abbia mai partecipato una struttura dell’Ente Ospedaliero Cantonale (Eoc). Si chiama Life-ON ed è uno studio scientifico multicentrico che coinvolgerà 500 donne in gravidanza in Svizzera e in Italia, dedicato al tema della depressione perinatale, una delle più gravi e frequenti complicazioni della gravidanza e del periodo che segue il parto. Condotto dal dottor Mauro Manconi (Centro Sonno/EEG - Neurocentro della Svizzera Italiana) e dal professor Christian Cajochen (Centro di Cronobiologia dell’Università di Basilea) in stretta collaborazione con il dottor Thomas Gyr, primario di ginecologia e ostetricia dell’Ospedale Regionale di Lugano, lo studio coinvolge anche diversi altri centri ospedalieri specializzati in Italia. Il finanziamento complessivo, cui partecipa anche il Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca Scientifica (FNS), ammonta a oltre 1,6 mio di franchi. Scopo della ricerca è stabilire quali sono i fattori di rischio psicologici, genetici e legati al sonno che predispongono alla depressione perinatale. Sarà esaminata anche l’efficacia della terapia della luce nel trattamento e nella prevenzione di questo tipo di depressione. La partecipazione è volontaria.Le donne saranno seguite a partire dal periodo compreso fra le settimane 10 e 15 di gestazione fino a un anno dopo il parto. La maternità dell’Ospedale regionale di Lugano inviterà 150 donne a mettersi a disposizione di questa ricerca.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ricerca
depressione
depressione perinatale
eoc
donne
© Regiopress, All rights reserved