gordola-per-le-scuole-al-burio-le-stime-che-non-tornano
21.02.2021 - 10:01
Aggiornamento : 10:41

Gordola, per le scuole al Burio le stime che non tornano

Sul referendum del 7 marzo, il gruppo Lega/Udc prende posizione ricordando gli errori di calcolo, in fase iniziale, che hanno portato alla situazione attuale

Scuole al Burio, l'affondo della sezione gordolese della Lega dei Ticinesi/Udc è di quelli assai critici. In una dure presa di posizione, a firma del presidente Alessandro Gnesa, la formazione ricorda come il progetto sia nato storto e abbia conosciuto sviluppi ancor peggiori. “Già nella fase iniziale ci si è cocciutamente intestarditi che l’unica alternativa era il risanamento senza intraprendere seriamente la valutazione per la costruzione di una nuova scuola. Il pomo della discordia è nato da un documento personale redatto dall’ex sindaco in data 17 maggio 2010 per il Municipio, riferendosi al rapporto della SUPSI”. Vi fu, stando alla Lega/Udc, una sottostima del valore economico del terreno collinare. Cosa che generò poi un errore di base nel calcolo dei costi della nuova sede scolastica: “i costi d’investimento netti per una nuova scuola sarebbero ammontati a 10,53 milioni di franchi, mentre per il risanamento sarebbero occorsi 9 milioni (sempre riferendosi al rapporto SUPSI). Ecco che grazie allo sgonfiamento dei valori del terreno la frittata fu servita e si mise fine a un’analisi per una progettazione di massima di una nuova scuola.

A titolo di paragone, il confronto con la scolastica di Caslano

La cifra avanzata di recente dall'ex numero uno dell'esecutivo gordolese per una nuova scuola “sarebbero stimati in addirittura di 42-47 milioni (quasi il 400% di aumento in soli 11 anni)”. A titolo di paragone le scuole medie di Caslano, terminate nel 2018, sono costate ai contribuenti 22,8 milioni per una volumetria complessiva ben superiore a quella in questione. Secondo il gruppo Lega/Udc, la costruzione richiederebbe un investimento di grossomodo 16 milioni (senza dimenticare gli aiuti in sussidi e contributi che l'edificio riceverebbe, valutabili in 4/5 milioni). In conclusione il gruppo ricorda come “la legge federale sulla pianificazione del territorio dà la possibilità di trasformare una zona di edifici e attrezzature d'interesse pubblico in una zona residenziale a patto di non estendere la superfice edificabile. In poche parole meglio una nuova scuola senza sorprese che un risanamento mai terminato”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gordola lega scuole udc
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved