laRegione
variante-comparto-stazione-il-referendum-e-servito
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 ore

Capanna Gorda verso l'ampliamento

Il Comune di Blenio intende contribuire con 200mila franchi. Parallelamente avanzano i preparativi per l'osservatorio astronomico
Luganese
23 ore

Vico Morcote, 'si istituisca il Consiglio comunale'

Ecco l'esito del sondaggio: l'80% dei votanti vuole abbandonare l'Assemblea. A dicembre la decisione definitiva in seduta ordinaria
Grafici
Ticino
1 gior

Coronavirus, in Ticino 257 nuove infezioni e un decesso

Nelle ultime 24 ore 10 persone hanno dovuto essere ricoverate a causa del Covid-19
Ticino
1 gior

‘Nuove misure contro il Covid? Attenzione all’impatto psicologico’

Tra stanchezza pandemica e contagi in aumento, lo psichiatra Michele Mattia: ‘Responsabilità civile importante, ma si tenga conto della psiche delle persone’
Bellinzonese
1 gior

Aggregazione Bassa Leventina: si vota nei Cc a febbraio

Avanza il progetto a quattro, nonostante la contrarietà di Pollegio. Ne abbiamo parlato con il sindaco: 'Non porterebbe un valore aggiunto'
Luganese
1 gior

Colpo da 3 milioni e sequestro, mezza banda in aula a Lugano

Alla vigilia del processo per la rapina al portavalori di Monteggio emerge la somma sottratta nel luglio 2019. All'appello mancano tre dei sei malviventi
Locarnese
1 gior

Tegna, tra Comune e Parrocchia una convenzione del 1811

I rapporti fra le due istituzioni non sono dei più idilliaci. Si attende il rinnovo dell'accordo tra le parti, che, due anni fa, il legislatio non approvò
Ticino
1 gior

Cassa pensioni cantonale, i 500 milioni sono 'imprescindibili'

Daniele Rotanzi (direttore dell'Ipct): la sostenibilità finanziaria futura dell'istituto dipende anche dall'approvazione del parlamento del mezzo miliardo
Luganese
1 gior

Deposito Arl di Viganello, il Municipio: 'Sì alla tutela'

Esecutivo favorevole a una modifica pianificatoria per la salvaguardia dello storico stabile, ma con possibilità edificatorie attorno e in altezza
Locarnese
18.10.2020 - 14:450

Variante comparto stazione, il referendum è servito

Muralto Democratica annuncia l'intenzione di portare la cittadinanza alle urne: ‘Contro lo sviluppo sproporzionato e spropositato dell'area”

Andrà al voto popolare, la variante di Piano regolatore per il comparto della stazione Ffs di Muralto, approvata lunedì scorso dal Consiglio comunale. Lo annuncia Muralto Democratica, il nuovo gruppo di opposizione che ad aprile si contrapporrà ad Ordine e Progresso (il locale Ppd), in questa legislatura l'unica forza politica rappresentata istituzionalmente. 

“Il ritiro del messaggio municipale all’inizio della seduta del Consiglio comunale del 14 settembre 2020 per riproporlo a distanza di un solo mese nella seduta del 12 ottobre 2020, dopo l’insediamento di 5 nuovi consiglieri comunali, pone grande perplessità sull’adozione democratica di una così importante mutazione del Piano regolatore – scrive Muralto Democratica –; un Pr che stravolge il nostro pregiato centro città. Venuta a mancare, a seguito del posticipo delle elezioni comunali, la possibilità ad aprile 2019 di riportare nel legislativo di Muralto la nostra rivendicazione democratica, non vogliamo ora lasciare che l’eco della votazione tacita avvenuta nel 2016 stravolga il cuore di Muralto”. 

Per il movimento “la variante adottata darà via libera allo sviluppo sproporzionato e spropositato dell’aera della stazione, compromettendo la vivibilità di questo comparto, pregiudicando, con l’eliminazione dei posteggi, la sopravvivenza dei commerci esistenti e rischiando di compromettere la salute dei pedoni con la prevista nuova viabilità dei mezzi pubblici”. Poi Muralto Democratica “solleva perplessità sull’iter procedurale che ha visto licenziare un nuovo messaggio senza aspettare il relativo rapporto delle commissioni” e “invita tutti i cittadini di Muralto a firmare il referendum per avere un processo più democratico, più trasparente e più costruttivo nella gestione del bene comune, in particolar modo per un progetto di enorme entità ed impatto, che rimarrà negli anni a venire”.

Ce n'è, nella nota, anche per il credito di 4,7 milioni concesso, sempre lunedì scorso, per l'edificazione grezza della futura pensilina del nodo intermodale: “Una costruzione senza la certezza del suo utilizzo non è certo un atto giudizioso”. La questione della mobilità, della gestione del territorio e del denaro pubblico “sono delle tematiche di prima importanza per la vita del Comune, al livello dell’individuo (pedone, commerciante, cittadino) e della collettività (turismo, economia e qualità del paesaggio urbano). Per il nostro futuro e il futuro delle prossime generazioni Muralto Democratica invita i concittadini a sostenere e firmare il referendum contro l’attuazione della variante di Piano regolatore”. Il formulario della domanda di referendum, informa Muralto Democratica, può essere scaricato in formato pdf direttamente all’indizzo web www.muraltodemocratica.ch/referendum. Poi va stampato e firmato.

 

© Regiopress, All rights reserved