laRegione
Nuovo abbonamento
ascona-casa-epper-restera-luogo-d-arte
La nuova insegna
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

'Il Consiglio della magistratura non giochi a nascondino'

L'avvocato ed ex pp Luca Maghetti: i preavvisi non sono una decisione, d'accordo, ma il no all'accesso agli atti sì. Ed è inconcepibile in uno stato di diritto
Luganese
4 ore

Bedano, maxiprogetto e presunta truffa: 'Brama di denaro'

Il procuratore pubblico ha chiesto venti mesi di pena per il 44enne accusato di amministrazione infedele. La difesa chiede l'assoluzione.
Ticino
5 ore

Ghisletta: 'Direttive interne che limitano il telelavoro?'

Stando al deputato socialista vi sarebbero Divisioni, Sezioni e Uffici cantonali che rendono difficoltoso l'accesso al lavoro a distanza ai loro dipendenti
Ticino
6 ore

In carcere per presunti abusi su diverse dipendenti

Le manette sono scattate ai polsi del responsabile di due stazioni di servizio del Sottoceneri. Si indaga anche su un presunto tentato stupro
Mendrisiotto
6 ore

Direttive anticipate, se ne parla a Mendrisio

Senectute organizza un incontro che si terrà il prossimo 22 ottobre
Ticino
7 ore

'Sentiremo comunque i cinque pp, vogliamo fare chiarezza'

Così il presidente della commissione parlamentare 'Giustizia e diritti' dopo il no del Consiglio della magistratura all'accesso agli atti
Mendrisiotto
7 ore

Lavori in notturna a Mendrisio

Sarà interessata via Motta, dove è previsto l'allacciamento alle sottostrutture. Il cantiere è in programma lunedì e martedì prossimi
Mendrisiotto
7 ore

'IspiraTi'; per scoprire la formazione professionale

Tre giornate, rivolte soprattutto ai ragazzi di terza e quarta media, per conoscere il proprio percorso professionale
Locarnese
7 ore

Riazzino, 'Orizzonti filosofici' riparte

Dopo la pausa legata alla pandemia l'attività culturale riprende martedì con 'Aristotele e noi'
Ticino
7 ore

Presidenza Plr, è corsa tra Ferrara, Martinenghi e Speziali

Ufficializzati i candidati alla successione di Caprara. Il coordinatore della 'cerca' Farinelli: 'Tre profili diversi tra loro, volevamo dare scelta al congresso'
Bellinzonese
7 ore

Ffs, 'più lavoro a Castione a causa della manutenzione carente?'

Il consigliere nazionale Bruno Storni chiede lumi al Consiglio federale sul futuro stabilimento industriale
Gallery
Locarnese
7 ore

Minusio, vandali con la bomboletta spray all'opera

Imbrattate diverse strutture pubbliche, danni per migliaia di franchi, parte la denuncia. E l'autortà chiede la collaborazione dei cittadini
Locarnese
16.09.2020 - 06:000

Ascona, Casa Epper resterà luogo d'arte

Dopo la vendita, restauro conservativo per casa e giardino. Sarà centro di cultura, eventi e meditazione

Il futuro di Casa Epper si sta delineando. Dopo la vendita della proprietà al vicino albergo Eden Roc, arrivano alcune anticipazioni. A rivelarle è il presidente della Fondazione Epper, Maurizio Checchi, che sta seguendo da vicino i passi che la direzione dell'hotel ha intenzione d'intraprendere. «Abbiamo creato un dialogo proficuo e si è instaurato un ottimo rapporto di collaborazione – afferma –. So per certo che la casa e il giardino saranno ristrutturati in modo conservativo, mantenendo il carattere storico e architettonico. Casa Epper in futuro rimarrà luogo d'arte, cultura e meditazione, con eventi puntuali aperti al pubblico. La tomba dei coniugi Mischa e Ignaz Epper resterà nel giardino, che verrà valorizzato, con il mantenimento dell'esposizione di statue di vari artisti».

Si rivela quindi infondato il timore che al posto dell'ex museo possa sorgere una Spa di lusso manifestato in più occasioni dai contrari alla vendita. «Assolutamente – conferma l'intervistato –. Nonostante non sia considerato monumento, l'edificio sarà restaurato dai compratori con profondo rispetto. Di più: saranno allestiti spazi espositivi che ospiteranno ancora opere dei coniugi Epper, con una costante rotazione visto che sono moltissime. Per noi, della Fondazione, diventerà un punto d'appoggio importante grazie al rapporto di reciproco rispetto che abbiamo instaurato con l'Eden Roc. E in occasione di eventi particolari e di mostre tematiche le porte saranno aperte al grande pubblico».

Il trasloco in via Borgo

Come noto, la vendita della proprietà in via Albarelle ha portato nelle casse della Fondazione Epper oltre 3,5 milioni di franchi. Utilizzando parte di questa cifra, la stessa Fondazione è diventata comproprietaria (assieme alla Fondazione Rolf Gérard) dell'antica casa Ressiga Vacchini, in via Borgo, che diventerà la nuova sede ufficiale.

Quando vi sposterete e quali sono i vostri progetti? «Nei prossimi mesi verranno adattati alcuni spazi, che occupano l'intero terzo piano dello stabile, alle nostre esigenze. Dal 2021 nei locali troverà posto il corposo archivio delle opere della collezione Epper; archivio che sarà riordinato e messo al riparo dai problemi di umidità manifestatisi in via Albarelle. Il pubblico potrà visionare le opere e consultare i documenti. L'anno prossimo creeremo inoltre un nuovo sito; quello attuale è stato chiuso poiché qualcuno lo ha hackerato e manomesso. Inoltre avremo a disposizione uno spazio espositivo».

Il progetto della Fondazione è ad ampio raggio: «Stiamo già pensando a sinergie con gli altri musei di Ascona e fuori dai confini del comune. Senza dimenticare la pubblicazione di un catalogo che finora non c'è mai stato. Mosse utili a valorizzare e promuovere l'opera dei coniugi Epper».

Quindi in via Albarelle resterà Casa Epper, ma che ne sarà della denominazione “Museo Epper”? «Per ora non ho una risposta precisa da dare – conclude Checchi –. Posso assicurare che è un tema sul tavolo della Fondazione e che ne discuteremo a breve».

La Vigilanza: 'I discendenti non sono legittimati a ricorrere'

Ricordiamo che la vendita della proprietà Epper all'albergo Eden Roc (che fa parte del Tschuggen Hotel Group) era stata contestata sin dall'inizio e che per contrastarla erano pure state raccolte oltre 1500 firme. Le critiche – riferite anche al cambiamento dello statuto contenuto nel testamento di Mischa Epper, che con quell'atto aveva costituito la Fondazione – hanno chiamato in causa sia la Fondazione stessa, sia l'autorità di Vigilanza sulle fondazioni della Svizzera orientale. Persino i discendenti di Mischa Epper si erano fatti avanti, con diverse censure. Nei giorni scorsi è giunta la decisione della Vigilanza che in sostanza non riconosce agli eredi una legittimazione a ricorrere e quindi non entra nel merito del reclamo del 3 giugno scorso.

La decisione viene salutata positivamente da Checchi, anche perché permette alla Fondazione di portare avanti il progetto di rilancio senza ulteriori indugi. Progetto che, ricorda il presidente, è sempre stato condotto in accordo con l'autorità di Vigilanza: «La stessa è pure intervenuta, ad esempio imponendo la comproprietà per la Casa Ressiga Vacchini, tra l'altro già definita e recentemente iscritta a Registro fondiario».

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved