ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
2 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
4 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
5 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
5 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
5 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
6 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
6 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
6 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
30.08.2020 - 16:14
Aggiornamento: 17:08

Locarnese, nessuna area risparmiata dalle forti piogge

Nelle valli, sul Piano e nei centri urbani allagamenti, smottamenti, case evacuate. Proseguono i monitoraggi.La Statale 34 sempre chiusa

locarnese-nessuna-area-risparmiata-dalle-forti-piogge
(Pompieri alta Verzasca)

Cantine allagate, strade trasformate in acquitrini e ricoperte di detriti, rigagnoli "gonfiatisi", in poche ore fino a diventare veri e propri torrenti in piena che hanno invaso proprietà (giardini e cantine), case evacuate e un numero imprecisato di richieste di aiuto ai vari corpi pompieri. Questo il bilancio del maltempo del fine settimana nel Locarnese. Se nella zona cittadina la notte su domenica e la giornata, per i Civici pompieri, è trascorsa assai tranquilla, in altre zone, più colpite, i loro colleghi sono stati impegnati per completare diversi interventi.
In Vallemaggia, come ci è stato riferito, le precipitazioni hanno perso di intensità in queste ultime ore riducendo i rischi. Ieri il grosso degli sforzi ha interessato più che altro alcune cantine di abitazioni invase dall’acqua. In Lavizzara piccoli smottamenti hanno interessato le strade, senza tuttavia causare eccessivi disagi. Più critica la situazione alla patinoire di Prato Sornico, con la superficie ghiacciata finita sottacqua. L’impianto sportivo non ha fortunatamente subito danni di grossa entità, anche se il lavoro di rimozione e pulizia richiederà qualche giorno. Intatta, per fortuna, la sala macchine. Dal Gambarogno i pompieri hanno fatto sapere che continua l’opera di monitoraggio di alcuni pendii giudicati, dagli esperti, instabili proprio a causa delle notevoli infiltrazioni d’acqua nel terreno. Proprio per questa ragione sabato è stata decisa l’evacuazione di diverse abitazioni. A oggi i proprietari e gli inquilini non hanno ancora potuto farvi rientro. Una decina di uomini ha invece portato avanti il lavoro di pulizia e vuotatura di scantinati e vani di ascensori invasi dalle acque. In Valle Onsernone situazione tranquilla, dopo che sabato una piccola frana ha colpito la strada cantonale tra gli abitati di Auressio e Loco. In poche ore il manto stradale è comunque stato liberato e pulito e la circolazione è tornata alla normalità.
A Tenero-Contra, dopo una giornata di sabato a dir poco carica di interventi (ben 75, tutti ultimati) la domenica è trascorsa assai tranquilla per i pompieri. Autorità comunali, responsabili degli uffici tecnici, e comandante dell'unità hanno compiuto un giro di perlustrazione del vasto territorio per verificare l’entità dei rischi (soprattutto nella zona collinare) e predisporre eventuali contromisure. Ricordiamo che anche a Gordola alcune case sono state evacuate per precauzione. Parecchio lavoro anche in Verzasca, dove i pompieri dell’alta Valle sabato sono stati allertati per due frane cadute sulla strada a Vogorno e a Corippo. Il lavoro di ripristino è stato completato nel corso della stessa giornata.

La litoranea riapre forse martedì

Un fiume d’acqua, fango e detriti che dalle 16 di venerdì continua a scendere, ininterrotto sulla statale 34 del Lago Maggiore, all’altezza di Oggebbio, non consente di riaprire la litoranea occidentale del Verbano. L’unico collegamento con il Canton Ticino, potrebbe tornare agibile martedì o mercoledì: questa la previsione più ottimistica di tecnici e amministratori locali che nella tarda mattinata di ieri hanno effettuato l’ennesimo sopralluogo dello smottamento che ha provocato l’esondazione di un rio. Il condizionale sul giorno in cui sarà riaperta al traffico la statale è d’obbligo. Questo perché è necessario individuare i problemi a monte, pulire l’alveo del rio, bonificare il versante: solo a quel punto sarà possibile ripristinare la statale. Uno smottamento si è verificato domenica, poco prima delle 11, lungo la statale 337 della Valle Vigezzo in territorio di Masera. Il traffico è stato momentaneamente interrotto, per consentire la rimozione di quanto finito sulla statale dei frontalieri. Pesanti conseguenze anche nel Luinese, soprattutto in Valle Veddasca. La situazione più pesante a Curiglia con Monteviasco, dove è crollata la strada provinciale. Sono isolate una sessantina di persone. I tecnici stanno pensando a una passerella pedonale. Due parole, infine, sul livello del Verbano. Il Lago Maggiore, che a inizio evento soffriva di livelli prossimi ai minimi di regolazione, ha già recuperato circa 90 centimetri, riportandosi sui valori medi del periodo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved