laRegione
Nuovo abbonamento
minusio-languorino-pubblico-sulla-ca-di-ferro
La Ca' di Ferro con il suo torrione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Soc e figlio alla decima tappa sulla costa adriatica

Nuovo traguardo per il maratoneta luganese, che immortala sul diario social le emozioni del viaggio verso sud
Luganese
3 ore

Gandria, il piromane avrebbe precedenti

Avrebbe già incendiato un'auto nel Comasco a febbraio. Alle spalle una vita molto difficile, vive in comunità
Locarnese
3 ore

Locarnese, ancora furti di biciclette

Negli ultimi giorni diverse due ruote sono state rubate in città e lungo argini e spiagge, in pieno giorno.
Locarnese
4 ore

Orselina, il Boogie Woogie di Zingg al Parco

Appuntamento mercoledì con il grande pianista svizzero interprete virtuoso del genere in tutto il globo
Bellinzonese
4 ore

Faido, incidente causa 5 feriti leggeri e colonne

Un furgone ha urtato una roulotte, distruggendola. Cinque persone all'ospedale per controlli. Disagi al traffico sull'autostrada in direzione nord.
Mendrisiotto
22 ore

Ufficio tecnico, 'un edificio per i cittadini di Chiasso'

Scelto il progetto, entro fne anno il Municipio chiederà il credito di progettazione e nel 2021 i 4 milioni per la costruzione
foto
Luganese
1 gior

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
1 gior

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
1 gior

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
1 gior

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
1 gior

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
1 gior

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
1 gior

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Locarnese
08.07.2020 - 06:000

Minusio, languorino pubblico sulla Ca' di Ferro

Dopo la morte del proprietario il Municipio ha sondato con la vedova i margini di manovra per un usufrutto dell'ex caserma dei mercenari svizzeri

Immaginiamoci il portone di un’antica dimora che faticosamente viene aperto. E immaginiamo che l’uscio in questione sia quello della Ca’ di Ferro sulla Rivapiana di Minusio, vecchia caserma dei mercenari svizzeri, oggi casa privata di raro pregio e dal fascino storico rimasto intatto a quasi 500 anni dalla sua nascita.

Ecco: la notizia di queste settimane non darà la luce di un nuovo orizzonte che si spalanca e va a cambiare la storia; ma uno spiraglio di curiosità lo concede. La notizia è un interessamento al complesso da parte del Comune di Minusio, che dopo la morte dell’ultimo proprietario, Franz Fischer, ha stabilito un contatto con la vedova per sondare il terreno non tanto rispetto ad un acquisto pubblico - che sarebbe oltremodo oneroso, e non viene comunque preso in considerazione prima di avere per le mani un progetto solido di utilizzo -, quanto piuttosto a una possibilità d’usufrutto, anche solo parziale, a beneficio della comunità.

La conferma dell’abboccamento giunge da una fonte vicina al Municipio. Dopo la scomparsa di Fischer, all’esecutivo di Minusio è sembrato opportuno, e da un certo punto di vista anche doveroso, verificare i margini di manovra. Quanti ve ne siano in concreto non è dato sapere, ma è probabilmente significativo che dopo il contatto - avvenuto ancora in periodo “pre Covid” - non sarebbero stati compiuti ulteriori passi nel “pourparler” fra le parti. Qualora se ne dovesse tornare a discutere, è ipotizzabile che il Comune non possa esimersi dal coinvolgere Cantone e Confederazione.

Nell’attesa, è bello sognare, riguardo all’eventualità di una mano pubblica su Ca’ di Ferro. Sia per ciò che storicamente rappresenta per la regione, sia per il valore dell’oggetto, che con con i suoi stabili occupa su oltre 20mila metri quadrati una delle aree più pregiate del Locarnese e dispone di un accesso al lago in una delle rare porzioni di via alla Riva chiuse al pubblico.

Fra miti e leggende

Anche soltanto l’idea di sfruttare parte del lotto a fini culturali apre un mondo, che è quello dei mercenari svizzeri al soldo delle potenze straniere. L’edificio nacque infatti fra il 1540 e il 1580 come caserma per volere del condottiero urano Pietro a Pro, che lì raggruppava i soldati svizzeri da poi spedire in Italia, o in Austria, per combattere cruente guerre per conto terzi. «Era una forma di emigrazione - spiega alla “Regione” lo storico Rodolfo Huber -. Per chi reclutava erano affari molto remunerativi, mentre per chi combatteva era come giocare al lotto, nella speranza di scegliere il fronte giusto e tornare così tutti interi a casa». Fu, quello dei mercenari, un periodo che durò dal 13° Secolo fino alla fine dell’Ancien régime (e che fece nascere fra l’altro le Guardie svizzere del papa, all’origine appunto soldati mercenari). Fra le personalità che lo aborrivano vi fu il riformatore zurighese Zwingli, che riteneva inopportuno un impegno militare estero in un periodo in cui si stava pian piano formando una coscienza nazionale.

Affittasi fantasma

Il complesso è formato da un torrione a pianta quadrata, un ampio edificio rettangolare ora eletto a residenza privata, una cappella costruita nel 1630, l’ampio parco a ovest e la fetta di prato che a sud digrada verso il Lago Maggiore. Fra le leggende che circolano attorno alla Ca’ di Ferro, la migliore è quella del fantasma che alloggerebbe nel torrione, mentre la più controversa riguarda un misterioso cunicolo che collegherebbe l’ex caserma al Castello Visconteo di Locarno.

Per Huber è la più classica delle “fake news”, iniziata per altro a circolare qualche anno prima di Facebook e di Twitter. «Si tratta di una leggenda, ripetuta e riproposta addirittura da storici che dovrebbero essere bene in chiaro sulla realtà dei fatti. Il perché non può esistere alcun cunicolo è presto detto: nel 1532 il Visconteo fu in gran parte demolito e la Ca’ di Ferro, nata con altro nome, è posteriore di circa mezzo secolo. Anche solo da un punto di vista cronologico e storico, un collegamento sotterraneo come quello di cui si vocifera da sempre non ha alcun senso. Per non parlare poi delle straordinarie difficoltà che un’opera simile avrebbe comportato a quei tempi».

Quanto al fantasma, beh, Huber da uomo di scienza si limita a sorridere, ma il suo è un sorriso enigmatico, furbo, dal retrogusto di mistero: sono ben più le ombre che si agitano nottetempo che gli argomenti di una chiara smentita...

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved