laRegione
Nuovo abbonamento
locarno-il-dottor-salmina-nuovo-direttore-medico-del-salva
Locarnese
25.06.2020 - 15:590

Locarno, il dottor Salmina nuovo direttore medico del Salva

Succede al collega Michael Llamas. L'assemblea ha intanto archiviato il consuntivo 2019; crescono ancora le missioni di soccorso

Il Comitato dell’Associazione Salva ha recentemente nominato il dottor Damiano Salmina–dopo una prima entrata in funzione ad interim dal 16 marzo – come nuovo direttore Medico dal 1° giugno corrente. Salmina subentra al suo collega Michael Llamas. Classe 1979, domiciliato a Maggia, Damiano Salmina ha iniziato la propria collaborazione con il servizio quale soccorritore volontario oltre venti anni fa, dando avvio a una carriera che l'ha portato a intraprendere gli studi di medicina e in seguito a scegliere il percorso di medico internista e d’urgenza, fino a ricoprire l’attuale ruolo di Caposervizio del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Locarno.
All'uscente dottor Michael Llamas vanno i ringraziamenti per il lavoro svolto in questi anni da dapprima in qualità di medico senior e successivamente in qualità di direttore medico del servizio.

Archiviati i bilanci, accantonato un fondo speciale covid-19

I delegati dell'associazione, intanto, hanno potuto esprimersi sui temi all’ordine del giorno dell'Asemblea votando per corrispondenza. Il consuntivo 2019, che ha chiuso con un fabbisogno a carico dei Comuni convenzionati di 1.81 milioni di franchi, equivalente ad un pro capite di CHF 25.87 (il preventivo indicava 33 franchi e 5 centesimi), è stato approvato. Per quanto riguarda l’attività del servizio già nel 2018, dopo un anno di decrescita, il numero di richieste di soccorso era tornato a salire e questo trend è continuato, in modo ancor più marcato, anche nel 2019. Lo scorso anno il personale ha infatti compiuto 5'359 missioni con autoambulanza, con un aumento del 6.3 % rispetto all’anno precedente. Anche il servizio specialistico urgente viene sempre più mobilizzato; 1'915 i casi nel 2019. L’assemblea ha inoltre approvato all’unanimità una proposta formulata dai revisori di contabilizzare un accantonamento straordinario di CHF 200 mila da destinarsi ad un “fondo speciale Covid-19” per la copertura di eventuali costi supplementari causati dalla gestione di questa emergenza, e questo tenuto conto del risultato d’esercizio notevolmente migliore del previsto.vvvv

© Regiopress, All rights reserved