laRegione
Nuovo abbonamento
La facciata della casa del cinema locarnese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora
Grigioni, oltre un centinaio di persone in quarantena
Diversi gli episodi che hanno portato alle misure, tra cui un bimbo positivo in un campo vacanza
Ticino
7 ore
A novant’anni dal volo antifascista su Milano
Bassanesi e Dolci raggiunta Milano da Lodrino incitarono gli italiani in piena dittatura a 'Insorgere! Risorgere!'
Bellinzonese
7 ore
Il Moesano pronto a investire nel Centro giovanile
Al vaglio dei legislativi il mandato di prestazione che permetterebbe di assumere una animatore retribuito e rendere 'itinerante' il luogo d'incontro di Roveredo
Locarnese
7 ore
Brissago, una mozione chiede di ampliare il Porto
Mentre proseguono i lavori del Centro servizi nautici, si attende di conoscere il destino di due grossi progetti privati. Il Municipio invita alla 'calma'
Ticino
7 ore
'In montagna gente che non la conosce, serve più attenzione'
Enea Solari (Federazione alpinistica ticinese): le misure di protezione contro il coronavirus devono essere rispettate, speriamo in più sensibilizzazione
Lugano
6 foto
Blocco serale alla Foce, ma non c'è nessuno
La spiaggia era già stata 'sgomberata'... dalla pioggia, ingente dispositivo di agenti della cantonale e di un'agenzia di sicurezza
Mendrisiotto
18 ore
Padre violento condannato. Ma 'chi sapeva non ha parlato’
Il giudice Amos Pagnamenta auspica che la posizione dei docenti informati sui maltrattamenti venga approfondita
Ticino
19 ore
Col lockdown più tele e meno radio. Radio3iii supera Rete Tre
L'assenza degli spostamenti in auto ha fatto calare il pubblico radiofonico. Vanetti, RadioTicino: 'Nel post pandemia impennata di pubblico'
Ticino
19 ore
Tutti i radar di settimana prossima
Spoiler: nelle valli dell'Alto Ticino, l'unico controllo sarà ad Airolo.
Mendrisiotto
19 ore
Al m.a.x. museo di sera. Lo spazio apre fuori orario
Da vedere a Chiasso la mostra dedicata ad Alberto Giacometti. Trieste invece ospita l'esposizione su Dudovich
Luganese
19 ore
'Una grande opportunità per la Val Mara'
I sindaci di Maroggia e Rovio sulla campagna per l'aggregazione nel Basso Ceresio: occhio al sito web
Mendrisiotto
20 ore
‘Ha ignobilmente infierito su moglie e figli’, 8 anni di carcere
Condannato il siriano a processo per tentato omicidio. Tre i casi riconosciuti dalla Corte delle Assise criminali
Ticino
21 ore
I derby di hockey tornano alla Rsi
La radiotelevisione pubblica trasmetterà le partite tra Hcap e Hcl per i prossimi due anni
Ticino
21 ore
Cliniche e ospedali attendono ancora il lavoro ridotto
L'allarme è stato lanciato dall'Associazione delle cliniche private ticinese. Senza copertura pubblica, si rischiano licenziamenti
Grigioni
22 ore
Ferrovia, riappare il miraggio della ‘Porta Alpina’
Anche l'investitore egiziano Samih Sawiris vorrebbe l'immediata costruzione della stazione sotterranea nel tunnel di base del San Gottardo
Ticino
22 ore
Si rinnovano anche le amministrazioni patriziali
In concomitanza con le elezioni comunali, domenica 18 aprile 2021 si terranno anche quelle dei patriziati
Locarnese
04.06.2020 - 05:500
Aggiornamento : 07:45

Il Palacinema (e gli altri) prolungano il buio

I gestori delle sale hanno deciso di aspettare che la grande distribuzione proponga titoli nuovi per allestire una programmazione completa

Dici Locarno ed è subito cinema. Un connubio indissolubile - e scriverlo pare banale - che ha tuttavia subito il «contraccolpo brutale (anche economico; ndr)» di quest'imprevedibile pandemia, costringendo alla chiusura i cinema sul territorio. Ora, però, si sta avvicinando anche il loro momento: le sale, in seguito alle nuove disposizioni di allentamento date lo scorso 27 maggio, nel prossimo fine settimana potranno tornare ad accogliere gli amanti della settima arte. Ma non sarà così per tutti.

«In linea di principio e in concordato con il gestore delle sale del Palacinema abbiamo deciso di non procedere all'apertura il 6 giugno». Così Roberto Pomari, direttore del Palacinema di Locarno, contattato da 'laRegione'.

Le ragioni dell'attesa, spiega Pomari, sono due. In primo luogo, «aspettiamo che le disposizioni emanate dalle associazioni di categoria siano chiarificate». Riguardo all'applicazione delle norme infatti parrebbe non vi sia ancora abbastanza chiarezza. Seconda motivazione, «che è la principale, è che il catalogo dei film a disposizione è misero. Abbiamo analizzato gli annunci della grande distribuzione in Svizzera e in base a ciò abbiamo concluso che non ci sono lungometraggi che giustifichino la riapertura in questo momento; situazione che si estenderà purtroppo fino a settembre».

«Si è quindi deciso di aspettare», anche in vista dell'imminente stagione estiva, che notoriamente «da noi non è la più favorevole per uscire con nuovi prodotti. La casa del cinema locarnese non rimane però inattiva: «È probabile che quest'estate ci faremo promotori d'iniziative puntuali, estemporanee per vivacizzare l'estate locarnese; coinvolgendo se possibile anche gli altri enti presenti nel Palacinema, quindi Ticino Film Commission, Cisa e Locarno Film Festival. Attività che verranno proposte in accordo con gli altri attori nella struttura», afferma il direttore.

Punto cruciale: non perdere il dialogo con gli appassionati

Un'altra questione di non poco conto in questo contesto, annota Pomari, è «riconquistare la fiducia del pubblico. Un colpo di tosse oggi non è percepito allo stesso modo di uno fatto mesi fa. C'è tensione nel pubblico e la nostra intenzione ora è riavvicinarlo, valorizzando al meglio le nostre risorse». Cinefili che dovranno essere attirati al cinema con argomenti di peso, sia di programmazione, sia d'accompagnamento all'esperienza. Motivazioni che siano tali da giustificare la scelta di andare a vedere un film. Una bella sfida, un'occasione per riflettere e ripensare paradigmi che si credevano indistruttibili: «La crisi ci confronta con l'opzione di doverci reinventare e pensare nuove attività. Anche per non perdere il dialogo con gli appassionati»; conclude Pomari, con tono positivo.

Il Palacinema, lo ricordiamo, dispone di tre sale: la 1 (o Hellstern) con 502 due posti; la 2 e la 3 al pianterreno, ciascuna con 133 poltroncine. Spazi gestiti dalla Arena Cinema Ag, che in Ticino si occupa ancora del Cinema Rialto a Muralto e del CineStar di Lugano (oltre a numerose strutture nel resto della Svizzera).

Aspettando l'industria cinematografica

La sorte delle sale del Palacinema è comune alle altre sparse sul territorio cantonale. «Almeno fino al 15 luglio, i cinema rimarranno chiusi», dichiara a 'laRegione' Luca Morandini, portavoce delle strutture a livello cantonale (nonché fondatore dell'omonima Mfd - Morandini Film Distribution). «Le sale sono pronte, in attesa che l'industria cinematografica si rimetta in moto e ricominci a proporre le uscite di nuovi film», spiega. Sì perché anche la macchina della settima arte ha bisogno di tempo per riorganizzarsi. Una volta che questa avrà ripreso la sua attività, sarà «possibile anche per noi allestire un calendario completo, chiaro e soprattutto sostenibile», afferma.

La distribuzione a livello cantonale dipende in particolare da Italia, Germania, Francia e Inghilterra. L'idea, afferma Morandini, è aspettare che si abbia la materia prima per riaprire con un cartellone pieno di proposte nuove. «Partire ora con film già passati non sarebbe un segnale positivo, inoltre risulterebbe economicamente insostenibile». Per questo motivo parte delle strutture ha rimandato la ripartenza a settembre. Ma l'attesa non è povera di fermento, anzi le proposte estive sembrano farsi avanti: «Come le proiezioni open air, durante le quali si proporranno lungometraggi già passati in cartellone, per una sessantina di proiezioni», chiosa il nostro interlocutore.

BackToCinema, in sicurezza

L'associazione mantello delle imprese cinematografiche e di distribuzione ProCinema, dal canto suo, rilancia con entusiasmo la riapertura delle sale al motto #BackToCinema, assicurando divertimento in sicurezza, la priorità per le strutture (ad aprire saranno soprattutto quelle nella Svizzera tedesca). Sicurezza implementata, si legge nella nota stampa, con misure di protezione come il numero massimo di 300 biglietti (come prescritto dalle nuove norme della confederazione per la terza fase d'allentamento), la seduta alternata, l'emissione di biglietti online e senza contatto e la registrazione dell'utenza (nome, cognome, numero di telefono). Così anche il mantenimento delle distanze fra spettatori e personale - cui sono raccomandate le mascherine igieniche - e l'attenzione a che non si formino assembramenti all'entrata, davanti a servizi igienici e uscita. Ma non ancora in Ticino...

© Regiopress, All rights reserved