laRegione
Nuovo abbonamento
in-bici-da-vira-all-alpe-di-neggia-ma-per-cinquecento-volte
All'Alpe di Neggia per 500 volte
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
34 min
Grigioni, alpinista muore dopo una caduta di 400 metri
È successo ieri mattina attorno alle 10 sul Pizzo Bernina sul confine con l'Italia. L'uomo apparteneva a un gruppo formato da tre coppie
Gallery (10 foto)
Luganese
2 ore
Bissone, schiacciato sul tetto della chiesa da del materiale
Un uomo è rimasto ferito in modo non grave nel corso dei lavori di restauro della parrocchiale di San Carpoforo
Luganese
2 ore
Massagno, il consuntivo 2019 registra un utile
Il risultato positivo consente al Comune di aumentare il capitale proprio e di abbattere il debito pubblico di 5,7 milioni di franchi
Ticino
3 ore
Coronavirus, otto i nuovi casi registrati nel weekend in Ticino
Il numero totale sale a quota 3'375, sempre fermi a 350 i decessi. E un paziente dimesso dall'ospedale
Ticino
3 ore
Mezzo milione per la Fondazione Bolle di Magadino
Il credito, adottato dal Consiglio di Stato, coprirà il periodo compreso tra il 2020 e il 2023
Luganese
6 ore
Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'
Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni
Bellinzonese
6 ore
Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'
Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco
Ticino
6 ore
In Ticino lo sfitto non si ferma, Venuti (Asi): 'Preoccupante'
Un recente studio rileva che il nostro sia il cantone con la maggior eccedenza di offerta nell'immobiliare, per gli inquilini occorre approfondire i motivi
Locarnese
6 ore
Compleanno-choc sulla Katja Boat: in 'panne' con 60 a bordo
Nottataccia sul Lago Maggiore: mentre si festeggia l'elica smette di funzionare. Il grosso natante 'ripara' al Porto patriziale di Ascona
Bellinzonese
16 ore
Scossa forte ma molto profonda: ‘Non c'è da preoccuparsi’
Il geologo Luca Bonzanigo commenta il sisma verificatosi sabato pomeriggio, percepito nel Bellinzonese e Locarnese
Bellinzonese
18 ore
Vandali in azione a Bellinzona: mozzata una gamba al gigante
A Villa dei Cedri presa di mira la grande statua 'Le Jardinier aux fleurs gisantes' realizzata dal giovane artista francese François Malingrëy
Locarnese
02.06.2020 - 06:000

In bici da Vira all'Alpe di Neggia. Ma per cinquecento volte

L'incredibile exploit di Carlo Guidotti, classe '49. 'Vado in bici e in rampichino e guardo solo i pedali'. Fra gli incontri in vetta, uno con Sua Maestà Contador...

«Guardo solo i pedali. E salgo». Non ci vuole tanto, a sentire lui. E ascoltandolo parlare con quell'inflessione calma pare di vederlo pedalare, un colpo dopo l'altro, concentrato, determinato, per contabilizzarne ancora una. Cui ne seguirà un'altra, e un'altra ancora.

Carlo Guidotti, 71 anni, di Monte Carasso, ha un record: per 500 volte è salito in bici all'Alpe di Neggia partendo da Vira Gambarogno. «Mai - precisa - sono partito da Maccagno». Probabilmente perché il versante italiano è meno duro di quello svizzero. «E mai - sottolinea - mi sono servito di ausilii tipo motori nascosti o batterie». Solo gambe, testa, e un fisico adatto: 1 metro e 72 per 62 chili.

La trama non cambia, se consideriamo il periodo durante il quale Guidotti ha inanellato le sue 500 salite (3 luglio 2014-21 maggio 2020): ogni lunedì e ogni giovedì prende l'auto, carica la bici nel baule, va in Gambarogno, posteggia a Vira, tira un sospiro e comincia a salire senza mai alzare la testa. Tredici chilometri per 1'200 metri di dislivello. Con l'afa o il gelo fa lo stesso: i tempi di percorrenza sono più o meno sempre quelli: un'ora e 50-55 con la bici da corsa e due ore e 10 con il rampichino. "Lungo la strada oramai mi conoscono - dice - e mi suonano il clacson per salutarmi. E quando arriva il postale mi metto a sinistra, almeno può sorpassarmi».

Mentre sale non pensa a niente, il Carlo. Solo a pedalare. Ma ragiona sui rapporti, che cambiano in base alla pendenza. «Sul pedalate.ch mi danno una media del 9 e mezzo percento, con una punta massima del 13 negli ultimi 5 chilometri». Giunto in cima? «Ho sempre qua il mio sacco, che d'inverno, con tutti i vestiti di ricambio, pesa 4 chili. In genere mi rifugio alla fermata del postale e scambio due parole con chi c'è su. Poi ridiscendo». Ma non prima di essersi concesso, se del caso, qualche incontro inatteso, indimenticabile: nel 2016 "El Pistolero" Alberto Contador («era a luglio, dopo il ritiro dal Tour de France. Ma lui era salito da Maccagno, con il suo gregario Hernandez»), e poi Oliver Zaugg («davvero un tipo gentilissimo») e l'altro ex pro svizzero Gregory Rast. Tutti grandi esempi, per Guidotti. Come quel Beat Breu che proprio sulla Vira-Neggia aveva vinto un Campionato svizzero in salita e dal quale forse Carlo ha deciso di partire per la sua personalissima sfida.

E dai Monti Motti alla 'Penüdria'

Il lunedì e il giovedì, dunque, in sella nel Gambarogno. Gli altri 5 giorni, desumiamo, a tirare il fiato... «Beh, non esattamente - risponde lo scalatore -. Sono attivo anche il martedì e il sabato: faccio la Faido-Carì, altri 900 metri di dislivello, su 12 chilometri». Due itinerari fissi cui se ne se aggiungono altri sporadici come la salita al Gesero, la Cugnasco-Monti Motti o quella considerata «la più dura di tutte», ovverosia la Gravesano-Arosio, in arte "Penüdria". «È incredibile - esclama Guidotti -: ha punte del 20 percento. Sono 4 chilometri ma l'ho fatta solo due volte perché non siamo già più nell'umano».

Molto umano, per il nostro, è registrare l'attività ciclistica in salita per tramandarla ai posteri. Nel suo ordinato "resoconto 2019" c'è dentro tutta un'annata che illustra il "senso" di una passione: "Percorso, solo salite asfaltate - si legge -. Salita pura, totale km 2'211,500; dislivello totale 189mila 583 metri; uscite totali 185", di cui 91 per la Vira-Neggia, 49 per la Faido-Carì, 26 per la Cugnasco-Monti Motti («ma spesso al bivio proseguo per i Monti della Ganna, dai quali la vista è favolosa») e altre 19 occasionali.

Tempo per la famiglia, quindi, ben poco, obiettiamo di getto, temerari. E allora il Guidotti tace un attimo, pensa a qualsiasi cosa è meglio non dirci ad alta voce, poi piazza il sigillo, magistrale: «Nove marzo '49: celibe dalla nascita». Allora non c'è solo salita, nella vita di quest'uomo.

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved