laRegione
Nuovo abbonamento
Tempi duri per il settore turistico (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora
Parco eolico del Gottardo: spuntano le prime torri
Da fine luglio verranno assemblate le turbine. L'entrata in servizio dell'impianto, il primo in Ticino, è prevista entro fine novembre
Luganese
7 ore
Lugano, tre ore per approvare il consuntivo 2019
Il Consiglio comunale dopo lunghe discussioni dà luce verde ai conti della Città che hanno chiuso con un utile d'esercizio di 6,7 milioni.
Mendrisiotto
8 ore
Mendrisio: La Città odierna? In futuro potrebbe essere un lusso
Nel presente l''operazione risparmio' premia i consuntivi 2019, in rosso ma meno del previsto. Al lavoro per rivedere Piano finanziario e priorità
Bellinzonese
11 ore
Grande affluenza alla Piumogna, ma nessuna irregolarità
L'area svago di Faido presa d'assalto nel weeekend: la polizia ha appioppato diverse multe per posteggio ma non per questioni legate al Covid
Gallery
Locarnese
12 ore
Intragna, frontaliere si scontra con un camion
Ferite leggere per l'uomo, che nell'affrontare una curva ha centrato il grosso automezzo che procedeva in direzione opposta
Ticino
12 ore
Escursioni in montagna, ma senza sopravvalutarsi
Studio e raccomandazioni dell'Ufficio prevenzione infortuni. Un sito online per testare la propria preparazione
Ticino
12 ore
'Per aiutare gli allievi, corsi di recupero durante le vacanze'
Li chiede il Partito Socialista al Dipartimento educazione e cultura per sostenere chi ha avuto particolari difficoltà con l'insegnamento a distanza
GALLERY
Mendrisiotto
13 ore
Ramo si stacca e cade sulla strada a Morbio Inferiore
Si è staccato da una pianta secolare che si trova in un giardino vicino alla cantonale. Non ha causato danni
Ticino
13 ore
Il pp Andrea Minesso ritira la propria candidatura
Era anche lui in corsa per un nuovo mandato. A fine anno lascerà la magistratura. 'Ho nel frattempo deciso per un diverso futuro professionale'
Locarnese
14 ore
Summer Camp per bambini e adolescenti a Cevio, posti disponibili
È una colonia diurna per ragazzi fra gli 8 e i 15 anni, con attività ricreative, sportive e educative
Locarnese
14 ore
Lavizzara, due crediti per gli alpi di Menzonio, Bolla e Froda
Entrambe le richieste sono di 50mila franchi a favore dei Patriziati di Menzonio e Peccia, verranno sottoposte al legislativo il prossimo 13 luglio
Bellinzonese
14 ore
La scrittura al femminile con Monica Piffaretti
Nuovo appuntamento l'8 luglio alla Biblioteca cantonale di Bellinzona con l'iniziativa 'Incontra uno scrittore al parco'
Luganese
15 ore
Lugano mette sotto la lente il settore musicale
La Divisione cultura lancia un questionario per capire le necessità, le aspettative presenti e future e gli effetti della pandemia
Locarnese
15 ore
Resort sul Monte Brè, Aedartis Ag non desiste
Nonostante la domanda di costruzione non sia ricevibile perché il comparto si trova in Zona di pianificazione, la società zurighese si fa avanti
Locarnese
26.05.2020 - 06:000

Locarnese, crisi profonda nel mondo del lavoro

Nella regione oltre duemila impieghi in meno rispetto a un anno fa. Per il turismo, quasi nullo l'effetto stagionale

Il mondo del lavoro nel Locarnese è in crisi. Una crisi profonda che in questi mesi sta facendo sentire i suoi effetti. Altre conseguenze seguiranno dall’autunno in poi, a cascata. Nella regione la pandemia di Covid-19 ha cancellato oltre duemila posti di lavoro.

Un totale al quale si arriva con alcuni semplici calcoli, partendo dalle cifre forniteci da Silvano Beretta, responsabile della Cassa disoccupazione dell’Ocst (Locarnese, Bellinzonese e Mesolcina), che abbiamo interpellato per fare il punto alla situazione.

A contribuire a questa emorragia d’impieghi ci sono stati alcuni licenziamenti in diversi settori. Nelle scorse settimane l’Agie Charmilles di Losone ha deciso di disdire quasi una ventina di contratti. Un’altra ditta, la Veronelli Sa di Quartino, lo scorso mese è fallita, lasciando a casa circa 25 persone in un colpo solo. Sono gli esempi più eclatanti: «Fortunatamente - afferma Beretta - lo Stato ha deciso di facilitare l’accesso all’orario ridotto, togliendo il periodo d’attesa, semplificando l’iter burocratico e aumentando da tre a sei mesi la durata di questa misura».

In quanti ne hanno fatto richiesta: «Dal 16 marzo al 23 maggio abbiamo registrato 3'118 datori di lavoro nelle regioni di nostra competenza. Un dato che sicuramente fa riflettere, soprattutto se paragonato allo stesso periodo dell’anno scorso, quando praticamente non c’erano state richieste. Si tratta di uno strumento che permette di salvare moltissimi posti di lavoro e al quale si potrà fare capo fino al prossimo mese di settembre. Toccherà poi al Consiglio federale decidere se sarà necessario aggiungere altri mesi, prolungando l’emergenza».

Disoccupazione in crescita

Per quanto riguarda i disoccupati, l’intervistato snocciola dati preoccupanti. Queste le cifre 2020 per il Locarnese: in febbraio 1267, in marzo 1351 e in aprile 1525. Per gli stessi tre mesi nel 2019 erano stati 1205, 907 e 688; nel 2018, 1488, 947 e 755. «Salta all’occhio per il 2018 e il 2019 il calo stagionale degli iscritti alla cassa - spiega Beretta -. Una diminuzione dovuta alla ripresa della stagione turistica. Un effetto che quest’anno è stato azzerato dal coronavirus e dal "lockdown". Finora, dal punto di vista del mercato del lavoro, c’è stato un recupero decisamente blando». Numericamente il confronto 2019-2020 dei mesi di aprile è impietoso: 837 disoccupati in più.

Le conseguenze, tuttavia, non si fermano qui. Continueranno a farsi sentire a lungo. «C’è un problema che diventerà attuale a partire dal prossimo autunno. Per ottenere la disoccupazione bisogna aver lavorato almeno 12 mesi negli ultimi due anni. Con una stagione turistica ridotta a quattro mesi, arrivare a questo traguardo sarà impresa impossibile. Ciò significa che a ottobre molte persone si accorgeranno di non avere diritto alle indennità». Stando a Beretta la questione dovrà essere valutata con attenzione dalla Seco (Segreteria di Stato dell’economia): «Per evitare che centinaia di persone si ritrovino a ricorrere all’assistenza sociale bisognerebbe esaminare la possibilità di ridurre transitoriamente i mesi di contribuzione».

Agli oltre 830 disoccupati, la crisi del settore turistico - che sta timidamente risollevando il capo con i weekend di Ascensione e Pentecoste - ha portato a una drastica riduzione delle assunzioni: «Si tratta di persone che provengono dall’estero, da diversi Paesi come Spagna e Portogallo, con permessi brevi, di circa tre mesi. Di solito, per quanto ci riguarda, riempivamo circa 1300 formulari ad ogni estate. Quest’anno nulla. Si può quindi concludere che sono altri posti persi che andranno a pesare sulle finanze cantonali e comunali con minori entrate a livello d’imposte alla fonte». E a questo punto la somma è presto fatta: 830 in più iscritti alla cassa e 1300 assunti in meno. Il totale supera i duemila posti di lavoro (2'130, per la precisione) in massima parte riconducibili al settore del turismo. Ricordiamo che lo stesso settore nella regione del Lago Maggiore solitamente impiega direttamente circa 7mila persone. Il "taglio" dell’estate 2020 corrisponde quindi a una contrazione del trenta per cento.

Quali le prospettive per i prossimi mesi? «Non è facile fare previsioni, ma credo che ci attendano periodi difficili. Non so con precisione cosa accadrà nelle diverse ditte al termine dei sei mesi di orario ridotto e neppure quanti impiegati, con contratti di pochi mesi, in autunno perderanno il diritto alle indennità di disoccupazione. Con queste premesse e l'incertezza sull'evoluzione del Covid-19 non posso che essere preoccupato».

© Regiopress, All rights reserved