via-simen-in-bilico-fra-preoccupazione-e-tempi-politici
La parte est di via Simen, già sitemata fino allo sbocco su via Cà di Ferro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
6 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
11 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
12 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
16 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
16 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
17 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
17 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
17 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
18.05.2020 - 16:08

Via Simen in bilico fra preoccupazione e tempi politici

Minusio, genitori sul chi vive per la convivenza fra alunni, ciclisti e automobilisti lungo l'arteria. Il capodicastero Sicurezza: 'Si interverrà, ma a tappe'

“Via Simen a Minusio non è sicura! Né per i pedoni, né per i ciclisti! Non aspettiamo che accada qualcosa di brutto prima di reagire! Perché non fare un senso unico? Allargate il marciapiede e create una vera pista ciclabile"- È l'incipit di un post su Facebook da parte di una docente di Minusio - e mamma di un ragazzo che frequenta le Medie - stanca e preoccupata di vedere una moltitudine di situazioni a rischio cui sono giornalmente confrontati "tantissimi allievi che vanno alle Medie e alle Elementari alla Vignascia".

Se è pericolosa la strada - "dove la sensazione di insicurezza è grandissima " -, lo è altrettanto la ciclopista disegnata ai margini di entrambe le corsie di marcia: "La percorro quasi tutti i giorni ma ho sempre paura; paura per me come ciclista, ma anche paura per tutti gli allievi che ci vanno a piedi e che il più delle volte finiscono con un piede sulla strada. Il marciapiede è strettissimo, talmente stretto che si fa fatica a stare anche solo in due".

La proposta è "creare una strada a senso unico, allargare un marciapiede (attualmente ce ne sono due, strettissimi) affinché gli allievi possano chiacchierare senza il timore di venire investiti, e creare inoltre una vera pista ciclabile". Una soluzione che si addice al Locarnese, regione dove, riflette la mamma docente "si è già fatto un bel passo avanti con il bike sharing". È infatti la bici (anche quella a noleggio) il mezzo che "permetterebbe a tutti di spostarci senza inquinare e senza grandi costi". Ma il servizio abbisogna di "vere piste ciclabili per essere sfruttato al meglio".

Non è la prima volta che la pericolosità di via Simen, soprattutto per gli allievi della Vignascia, emerge come problema serio, da risolvere. Tiziano Tommasini, capodicastero Sicurezza a Minusio, premette che «di incidenti per fortuna non ho notizia, anche se è chiaro che la situazione non è ottimale. Via Simen è già a posto fino all'imbocco con via Cà di Ferro, e questo a partire da Mappo», dove tra l'altro è aperta la ciclopista di collegamento fra il centro sportivo e la stessa via Simen, che permette di evitare la convivenza su via alla Riva fra ciclisti veloci e pedoni. «Questo - dice in proposito Tommasini - è un bel passo avanti. Di problemi fra pedoni e cicloamatori su via alla Riva ce n'è stato abbastanza. L'auspicio è che la nuova bretella venga utilizzata a dovere».

Tornando a via Simen, «il rifacimento completo è da tempo nelle mire del Municipio. L'obiettivo è quindi completare il lavoro già svolto nella parte est e introdurre lungo tutta l'arteria il limite dei 30 chilometri orari, per una totale messa in sicurezza. Credo che i controlli preventivi effettuati finora inducano già ora una velocità controllata da parte degli automobilisti, e lo stesso si può dire per la carreggiata stessa, ristretta per far spazio alle corsie ciclabili. Ma è vero comunque che non c'è ancora una ciclopista "vera", curata nei dettagli. Purtroppo i tempi della politica sono lunghi, ma il prossimo obiettivo è intervenire fin dove, all'altezza dell'Elisarion, la ciclopista ricomincia e si ricongiunge con la zona a lago a Muralto». Comunque, sarà un lavoro a tappe e la tempistica è quella della politica, mai immediata. «Una prima tappa riguarderà il rifacimento dei ponti, che definirei urgente, e come me la pensa il Municipio».

In Città, i Verdi: più bici anche in ottica Covid-19

A Locarno, intanto, rimanendo in tema, un'elaborata interpellanza dei Verdi chiede un "maggior uso della bicicletta per il rispetto delle distanze fisiche e per ridurre il traffico". In questo particolare periodo storico il mezzo di trasporto pubblico e collettivo "rischia di essere in difficoltà dati i legittimi timori legati ai luoghi affollati - scrivono i Verdi -. Occorre tuttavia evitare assolutamente di congestionare la nostra città ulteriormente con il traffico motorizzato privato, con tutti i rischi per la salute che rappresenterebbe. Maggior inquinamento da smog e maggior inquinamento acustico. Di questi tempi, la bicicletta rappresenta quindi, ancora più del solito, un mezzo di trasporto che permette di rispettare le distanze fisiche e di mantenere una buona forma fisica". La richiesta al Municipio è di "implementare delle chiusure al traffico motorizzato provvisorie (con diritto di accesso ai confinanti) per la creazione immediata di percorsi diretti e sicuri sulle principali direttrici stradali per accedere alla Città". Inoltre, "per completare il quadro sarebbe auspicabile predisporre un progetto pilota, limitato nel tempo, che preveda la riduzione della velocità a 30 km/h su tutto il territorio comunale".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved