ecuador-due-pandemie-mettono-in-ginocchio-il-paese
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Rete mobile carente e i fai da te scontenti della Val Pontirone

Municipio e Patriziato di Biasca hanno scritto a tutti i proprietari di rustici intimando loro di togliere i ripetitori casalinghi illegali
Ticino
3 ore

La pioggia diserta il Mendrisiotto: ‘è sfortuna, non la regola’

A sud ha piovuto pochissimo, anche quando altrove in Ticino ci sono stati temporali. Marco Gaia (MeteoSvizzera): ‘non c’è un vero motivo scientifico’
Luganese
3 ore

Rovio, analfabetismo emotivo dietro gli spari del papà al figlio

Dallo psichiatra e psicoterapeuta Michele Mattia una chiave di lettura per decifrare il fatto di sangue capitato ad Agno una dozzina di giorni fa
Ticino
12 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
13 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
13 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
13 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
13 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
13 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
14 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
15 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
15 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
16 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
16 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
14.05.2020 - 21:17

Ecuador, 'due pandemie mettono in ginocchio il Paese'

La testimonianza di padre Carletti, missionario pedemontano da mezzo secolo impegnato a favore dei giovani. Miseria e Covid-19 lasciano il segno nella società

Sono le 3 e mezza di mattina (le 10.30 in Svizzera) quando da La Libertad, cittadina dell'Ecuador di quasi 80 mila anime sulla costa Pacifica, ci giunge via telefono la voce, stanca, di padre Pierluigi Carletti, il missionario originario di Cavigliano da mezzo secolo impegnato tra i poveri del Paese sudamericano.

Il religioso salesiano è un uomo provato dalla fatica, da lunghe notti insonni. Perché a mettere in ginocchio quella che lui considera la sua gente, non è solo la miseria quotidiana; non bastasse la situazione di bancarotta in cui versa la sua "seconda Patria", ora si è aggiunto anche il Coronavirus. Da quando lo scorso 26 febbraio è stato confermato il primo caso di COVID-19 in Brasile, il Sud America ha visto una diffusione relativamente più lenta della pandemia rispetto a quanto successo in Europa o negli Stati Uniti. Tuttavia l’insufficiente diffusione di test per la diagnosi obbliga a prendere questi dati con le pinze.

"Una situazione di emergenza senza precedenti "

«Sono due le pandemie che ci affliggono - attacca Padre Carletti - Viviamo una situazione di emergenza senza precedenti. Perché qui la gente ora ha fame, non può lavorare, non percepisce un salario e scende, disperata, per le strade nel tentativo di vendere tutto ciò che ha per un pezzo di pane. Tutti in cerca di beni per far fronte alle prime necessità. Col risultato che poi arriva l'esercito e disperde la folla portandosi via quel poco che resta». Scene di disperazione collettiva, con le famiglie fanno fatica ad adattarsi a lockdown o distanziamento sociale imposto dall'autorità. Così chi necessita di aiuto non esita a bussare alle porte delle due Parrocchie (con le chiese dedicate a San Francesco e San Patrizio) aperte dal religioso pedemontano - ultime di una lunga serie - per aiutare i giovani e garantire loro un minimo di istruzione. L’anima di questo popolo è fondamentalmente religiosa, quando c'è un problema la gente cerca conforto in Dio prima dei medici. La fede, lo insegna la storia, fa parte del vissuto di ogni situazione drammatica. «Ogni giorno, già dalle prime luci dell'alba, centinaia di persone si assembrano davanti alle porte della Parrocchia - spiega Padre Chicho, com'è chiamato da queste parti - Donne, uomini, vecchi e bambini hanno fame, chiedono viveri. Non rispettano le raccomandazioni del Governo, che invita la popolazione a stare in casa per evitare rischi di contagio, perché gli aiuti non arrivano. Non hanno più nulla da perdere. E io non ho più nulla da dare loro da mangiare».

La gente bussa alla porta della Parrocchia, ma le scorte sono finite

Le scorte di cibo del religioso, pensate per sfamare gli alunni, dureranno ancora qualche giorno. Nemmeno una settimana. «E' un disastro su tutti i fronti! Mi cercano di continuo. Non mi lasciano nemmeno più dormire la notte. Attraverso gli altoparlanti della chiesa chiedo loro di tornarsene a casa. La Polizia mi ha persino accusato di contribuire alla diffusione del virus e il Vescovo locale sta pensando di trasferirmi altrove. Giornalmente esco con i miei ragazzi e portiamo, nelle case, tutto ciò che ci resta. Ma se la situazione non cambia, presto sarà tutto finito». Per fortuna che le persone con sintomi, all'interno della comunità, al momento sembrano poche, altrimenti sarebbe il caos più totale.
Le scuole all'interno della struttura religiosa sono, al momento, chiuse. Le centinaia di allievi sono quindi "confinati". Anche la celebrazione delle messe è stata sospesa. Il Governo promette aiuti, ma non può fronteggiare questa emergenza perché non dispone nemmeno di una rete sanitaria capillare. «Ci chiedono di fare lezioni online, ma poche sono le famiglie che possiedono di che nutrire i propri figli, figuriamoci quelle che hanno un computer. In maggio i ragazzi sarebbero dovuti tornare a scuola, per ora è tutto bloccato». Nei mercati cittadini, al momento, i generi di prima necessità sono garantiti. «Si possono ancora trovare i prodotti delle campagne, ma anche lì i camion che trasportano la merce non di rado finiscono assaltati dai disperati. Io stesso sono costretto a muovermi accompagnato da una piccola scorta di 2-3 ragazzi, per timore di essere sequestrato. Cerco di limitare al massimo le uscite. Una situazione tremenda. Confido nell'aiuto dei benefattori ticinesi per poter assicurare un minimo vitale a questi poveri. Senza questa solidarietà, impossibile acquistare viveri da distribuire alle famiglie».

Padre Chicho non si rassegna ed è pronto a mettersi in gioco con la sua gente, proprio ora che ha ancora più bisogno di lui. E scongiurare il rischio, concreto, che il virus porti con sé una carestia più letale dell'infezione stessa, mandando d'un sol colpo al tappeto non solo il già vacillante sistema sanitario, bensì la vita quotidiana di intere province dell'Ecuador.
Eventuali donazioni sul conto CH 75 8080 8006 3595 7522 2 della Banca Raiffeisen Losone Pedemonte e Vallemaggia intestato a Padre Carletti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved