Locarnese
17.08.2019 - 14:300

Fortini da difendere: ci penserà l'associazione

È nata la 'Fortificazioni Gambarogno', che vuole salvaguardare le costruzioni militari di tutte le epoche, con particolare riferimento quelle della regione

Nasce in Gambarogno un’associazione per gli appassionati di fortificazioni, strutture che caratterizzano proprio il territorio di questa subregione. Il Gambarogno ospita infatti decine di opere fortificate, un patrimonio storico ed architettonico che raccoglie importanti prospettive per il futuro. Per raccontare la storia, per non disperdere il patrimonio e sviluppare idee che ne garantiscano un futuro, è nata l’Associazione Fortificazioni Gambarogno, con l’obiettivo di salvaguardare il patrimonio ticinese delle costruzioni militari di tutte le epoche, con particolare riferimento a quelle presenti nella regione. L’associazione si sta impegnando attivamente per ridare vita a queste opere militari dimenticate e sconosciute a molti, valorizzandole e rendendole accessibili al pubblico.

«Riteniamo che il trascorso militare rappresenti un pezzo di storia importante per la nostra gente e per il nostro paese, un patrimonio di grande valore culturale che deve essere mantenuto, valorizzato e documentato nel tempo», spiega il presidente Renato Bonetti. Un territorio che l’uomo ha modificato con particolari costruzioni destinate a compiti oggi superati, ma affascinanti e ricchi di prospettive future. Però, affinché le antiche strutture possano essere valorizzate come meritano, bisogna che siano conosciute e comprese, garantendone la natura e la tipologia, capendo come chi ne ha curato la realizzazione abbia pensato a questi luoghi, rispettando così un patrimonio storico di grande importanza. Le più importanti costruzioni si trovano tra Magadino e Quartino; si tratta principalmente di opere fortificate di artiglieria e fortini di fanteria. Tutte le informazioni sulle attività della neonata associazione sono disponibili ai seguenti indirizzi: www.fortificazionigambarogno.ch; info@fortificazionigambarogno.ch.

© Regiopress, All rights reserved