Post del sindaco Seca su Facebook
Locarnese
21.07.2019 - 18:560

Locarnesi, 'sarrimo boni amici' con l'Abruzzo

A Castelli, località terremotata nel 2016, inaugurato il centro polivalente al quale hanno contribuito sostenitori ticinesi

Sabato scorso, 20 luglio, è stato inaugurato il nuovo centro polifunzionale “Et sarrimo boni amici” a Castelli, nella Provincia di Teramo, in Abruzzo. Uno stabile rinato dall’ex bottega Pilota dopo il devastante terremoto dell’ottobre del 2016. Si tratta del progetto scelto e seguito da Raffaele Dadò, comandante della Protezione civile di Locarno e valli, per conto dei donatori ticinesi. Ricordiamo che squadre di volontari del nostro cantone nel gennaio del 2017 erano state in Abruzzo con turbine e mezzi sgombraneve, per dar man forte alle autorità locali alle prese con una situazione difficile.
Sabato il sindaco di Castelli, Rinaldo Seca, che ha tagliato il nastro, ha definito il nuovo centro “un’importante struttura riconsegnata alla comunità, che in tempi ordinari sarà sede della Pro loco di Castelli, con spazi destinati anche all’associazione dei ceramisti e all’ambulatorio medico e in tempi emergenziali potrà fungere da punto di accoglienza e di ritrovo delle famiglie”. Per parte ticinese, hanno partecipato all’inaugurazione Dadò e Danilo Cau in rappresentanza della spedizione Soccorsi neve Abruzzo. Per Castelli c’era Stefania Perico coordinatrice del progetto di raccolta fondi.
In Ticino, dopo la decisione di condivisione del progetto per il centro polifunzionale, sono stati raccolti 65mila franchi.
Castelli è il borgo della ceramica abruzzese. Il sindaco Seca, in conclusione e a nome della comunità, ha espresso nei confronti degli amici ticinesi e di tutti coloro che hanno dato un contributo all’edificazione del centro polivalente “un enorme grazie per questo gesto di solidarietà e di vicinanza che ci consente di guardare al futuro con rinnovata fiducia”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
abruzzo
centro
sarrimo
sarrimo boni
boni amici
sarrimo boni amici
castelli
ticinesi
centro polivalente
progetto
© Regiopress, All rights reserved