cantieri-con-poca-sensibilita
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

Muralto, botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
12 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
13 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
13 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
13 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
13 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
13 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
13 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
14 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
18.12.2018 - 06:00

Cantieri con poca ‘sensibilità’

A Tegna, per i lavori stradali, seminascosta la stele dedicata a don Gottardo Zurini

di Leoni, Martinoni e Forni

Una stele, quella dedicata a don Gottardo Zurini, primo presidente del Gran Consiglio ticinese nel lontano 1803 e posata sulla piazza di Tegna a lui intitolata, “bistrattata”.

Inaugurata in pompa magna il 10 ottobre del 2003 dall’allora Municipio (e costata la bellezza di 13mila franchi ai contribuenti tegnesi) versa – a detta del consigliere comunale di Terre di Pedemonte, Paolo Formentini (del Gruppo LUI, dal quale ha tra l’altro dato le dimissioni per proseguire il suo mandato come indipendente sempre all’interno del legislativo) in “uno stato di abbandono e di degrado che non fa certo onore al nostro comune”. Il motivo? La presenza, proprio sulla piazza di Tegna, di materiale e mezzi del grosso cantiere stradale accatastati e posteggiati alla bell’e meglio. In un’interpellanza inoltrata lo scorso 10 novembre al Municipio, Formentini fa presente che questa situazione indecorosa costituisce “un pessimo biglietto da visita per il comune in generale e per la frazione di Tegna in particolare dove, oltretutto, ha sede il palazzo dell’Amministrazione comunale”. Egli chiede dunque “in che modalità e tempistica il Municipio intenda intervenire per porre rimedio a questo stato di cose”.

A Gordola la cappelletta non ancora ricostruita

Il caso più eclatante era stato quella della cappelletta di Gordola che nel febbraio di quest’anno era stata abbattuta per errore sul cantiere di un progetto residenziale in zona “Schiena dell’asino - Ponte asciutto”. Le immagini della ruspa che annientavano il manufatto storico avevano fatto il giro del Ticino e causato rabbia, incredulità e un generale moto di sdegno, anche in seno all’autorità comunale. Il fattaccio aveva innescato un lungo e tribolato iter procedurale che porterà, nei prossimi mesi, alla ricostruzione della cappelletta. Lo conferma il capodicastero incaricato Roberto Balemi: «Non auguro a nessuno di passare quel che abbiamo passato noi come Municipio a Gordola. Tuttavia, in questi mesi sono emersi alcuni elementi degni di nota: la collaborazione con l’Ufficio beni culturali, l’intervento dell’architetto Brenno Borradori (dal quale abbiamo saputo che la cappella serviva un tempo a lasciare i bambini “indesiderati”) e l’aiuto di Benedetto Antonini della Stan». Poi, prosegue il municipale, «c’era stata la raccolta di firme – 500 – per l’esatta ricostruzione filologica del manufatto; una petizione cui bisognava prestare attenzione. Morale della favola, ora si procederà con una ricostruzione “intelligente” del manufatto, più o meno nello stesso posto in cui era, con del materiale povero. Aggiungerei infine che da parte dell’impresa responsabile dell’abbattimento c’è stata disponibilità al dialogo e riconoscimento dell’errore, con una doverosa presa di coscienza».

In una piazzuola di Losone colata d’asfalto al posto dei dadi

Un altro caso analogo ci viene segnalato a Losone, dove un paio di anni fa, durante il cantiere per la posa dei tubi della rete per la centrale termica a cippato, è stata messa sottosopra una piazzuola a lato della via Cesura; piazzuola che il Comune a suo tempo aveva “arredato” con un fontanella, dadi e cippi in granito. Una striscia di dadi è stata sostituita con una colata di asfalto difforme e uno dei cippi è stato divelto. Il danno è stato fatto e nessuno, finora, ha pensato di ripararlo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved