(Foto Boerlin Lavori subacquei)
Locarnese
17.08.2018 - 15:570

E dai fondali riaffiora un natante

Spettacolare recupero di un'imbarcazione colata a picco a Ranzo (Gambarogno). Giaceva a 175 metri di profondità.

Avvincente recupero, a 175 metri di profondità, di un natante colato a picco una decina di giorni fa nel Lago Maggiore, nello specchio d’acqua antistante Ranzo (Gambarogno). L’imbarcazione si era inabissata probabilmente a seguito di una collisione . Laboriosa l’operazione di recupero, che ha visto dispiegati mezzi di ricerca all’avanguardia. Un intervento necessario al fine di impedire la fuoriuscita di idrocarburi sui fondali. A gestire il lavoro sono stati i tecnici della ditta Boerlin Lavori Subacquei di Vira Gambarogno. In un primo momento si è proceduto alla localizzazione del natante tramite un ROV subacqueo, uno speciale robot guidato dalla superficie e capace di operare a grandi profondità; in seguito la barca è stata agganciata con delle funi e solo in una terza fase, grazie alla collaborazione della polizia lacuale e di alcuni militi del Corpo Pompieri di Locarno, l’imbarcazione è stata riportata in superficie tramite un argano posizionato su una chiatta. Il motoscafo si trova ora in un cantiere nautico della zona per gli accertamenti del caso.

Tags
natante
recupero
profondità
imbarcazione
fondali
gambarogno
© Regiopress, All rights reserved