laRegione
Nuovo abbonamento
Acque calme (ma è solo una foto) - Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Collina d'Oro
3 min
Presentata opposizione contro l'antenna 5G
Presso il campo sportivo Campari: è firmata da 36 cittadini
Luganese
13 min
Tre arresti per traffico di cocaina
Sono finiti in manette due kosovari e un 75enne cittadino svizzero, smerciate centinaia di grammi di'neve'
Arogno
30 min
Perdita di diesel sulla strada della Val Mara
Causata da un furgone, sono intervenuti i Pompieri di Melide ripulendo anche un tratto in Italia
Ticino
2 ore
Due nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Nelle ultime 24 ore il totale delle persone testate positive è salito a 3'367. Ieri il cantone aveva altato il grado di allerta da blu ad arancione.
Ticino
2 ore
Scattano i controlli di polizia contro i motori molesti
Molte segnalazioni: via ai controlli per scovare auto e moto eccessivamente rumorose, soprattutto perché modificate illegalmente
Locarnese
3 ore
Maggia, mano tesa alle attività commerciali locali
Agli abitanti del Comune in omaggio un buono acquisto dal valore di 25 franchi da spendere nei ristoranti e nei negozi del paese e delle sue frazioni
Locarnese
3 ore
Brissago, tiro in campagna e tiro obbligatorio
Domani duplice appuntamento con la Società tiratori delle Isol, nel pieno rispetto delle orme sanitarie
Mendrisiotto
6 ore
‘Se si chiude lanciamo una petizione popolare’
Si annuncia battaglia per la difesa del reparto di ostetricia all'Obv. Matteo Muschietti: 'Il Mendrisiotto non merita un ospedale zoppo'
Luganese
6 ore
Vezia: non passa (a sorpresa) la residenza per la terza età
Dopo un iter lungo e condiviso, ma segnato da un ricorso, il legislativo non ha approvato il progetto da 34 appartamenti per anziani autosufficienti di Aila
Bellinzonese
6 ore
Liceo di Bellinzona e lockdown, 'bilancio in chiaro-scuro'
Il Sisa conferma l'esistenza di docenti che non hanno seguito le disposizioni del Decs. Zeno Casella: 'Ma in generale la scuola ha reagito bene'
Locarnese
6 ore
Scuola-lavoro, un sondaggio per capire e aiutare
Un questionario alle famiglie di Terre di Pedemonte, Onsernone e Centovalli per riorientare i servizi e le risorse finanziarie
Luganese
14 ore
Lugano, 100 candeline per Magdalena Ambrosetti-Castelberg
La signora, residente in via Vignola, raggiungerà l'ambito traguardo sabato circondata dall'affetto dei famigliari
Locarnese
27.07.2018 - 06:000
Aggiornamento : 19.08.2018 - 18:09

Gambarogno, fronte del porto

Risparmio sulla manutenzione, più lavoro alle ditte ticinesi: il Municipio risponde a Cleto Ferrari (e viceversa)

“Smettiamola di prendere per stupidi i nostri cittadini”, gridava Cleto Ferrari. “Basta con i tentativi di screditare l’operato del Municipio”, rispondeva il Comune di Gambarogno. È la sintesi, per proclami, del conflitto in atto sul futuro ‘Porto del Gambarogno’ dopo la risposta del Municipio all’interpellanza del consigliere comunale dello scorso sabato e la controrisposta del consigliere il giorno successivo. Ivi raccolte per punti.
“Quante boe saranno soppresse?”, chiedeva Ferrari sabato scorso. Il Municipio: “Circa 150 sulle 370 attuali”, prevalentemente per lo spostamento “spontaneo” dell’utente dalla boa al porto.

“Quale la differenza di costo tra boa e spazio minimo al porto?”, chiedeva Ferrari. Il Municipio dice di 800 franchi l’anno per la boa, come da tassa cantonale, e 2mila franchi l’anno (più tassa demaniale dell’8%) per il posto al porto. Due servizi non paragonabili, per l’esecutivo, perché alla tassa annua della boa vanno aggiunti i costi di manutenzione e il barchino per raggiungere la boa, ma anche “il disagio per l’accesso al natante e le preoccupazioni in caso di maltempo”. Disagio al quale si contrappone il porto con “tutta una serie di servizi”: parcheggio, autobus, ristorante, sorveglianza, acqua potabile, corrente elettrica, scarico acque luride, stazione di rifornimento. A Ferrari viene confermato che il progetto iniziale prevedeva l’ancoraggio tradizionale, al quale il Municipio (“nel quale anche lei sedeva”, il riferimento è diretto) in fase esecutiva e su indicazione dei progettisti ha apportato modifiche “per una gestione oculata dei costi di manutenzione nel medio-lungo termine”.

Favorire le imprese locali

Il Municipio conferma che l’oggetto del referendum sarà unicamente il credito suppletorio di 4,5 milioni di franchi (cfr. ‘laRegione’ del 25 luglio); vi è sì un aumento del 50% rispetto al preventivo del 2013, ma si deve alla realizzazione di un falso fondale e dei moli frangiflutti che porteranno “importanti risparmi nella manutenzione”. I maggiori costi sono in parte imputabili “all’accresciuta complessità dell’opera subacquea” e in parte al rincaro degli stessi dal momento della concessione del credito, ma pure alla possibilità di “mantenere le delibere dei lavori più importanti in Ticino, favorendo così le imprese locali”.
Il Municipio ricorda l’unicità del Gambarogno per pendenza del fondale lacustre, distanza del pontile frangiflutti, profondità del fondale. Una situazione morfologica “conosciuta”, dunque sarebbe lontana l’idea che i fornitori del progetto, la Porto Sa, abbiano “rifilato un progetto irrealizzabile”, come sostiene Ferrari. Ulteriore punto, la presenza del presidente della Porto Sa in Municipio. “Quanto ha incassato – chiedeva Ferrari – sdoganando al nuovo Comune di Gambarogno un progetto incompleto come realizzabile?”. Il Comune ricorda a Ferrari come egli fosse presente sia al momento del licenziamento del messaggio municipale sul porto, sia nella delegazione del Consorzio Pr che controllava al 100% l’operato della Porto Sa, nel giorno in cui fu stabilita in 40 franchi a seduta e indennità fissa di mille franchi (dal 2001 al 2013 compresi) la retribuzione dei membri del Consiglio di amministrazione.

‘Ci hanno rifilato il progetto’

Poche ore dopo, la controrisposta. Cleto Ferrari torna sulla conoscenza del fondale da parte della Porto Sa confermandone, per questo motivo, l’aver “rifilato nel 2013 un progetto di 14,4 milioni di franchi nascondendoci elevatissimi costi di manutenzione”; tuona, inoltre, sul lievitamento dei costi “a 18,9 milioni con una tecnica nuova mai realizzata sui laghi”; pone, infine, “seri dubbi sui calcoli della redditività di questa operazione porto” se “l’importo per le 150 barche fosse quello indicato dall’esecutivo” e vede “confusione” da parte del medesimo sul contenuto del referendum.
Il Festival del film è alle porte, chiudiamo in linguaggio cinematografico: “Continua...”.

© Regiopress, All rights reserved