laRegione
Nuovo abbonamento
Missione condivisa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
36 min
Lugano, ancora problemi alla Foce
Nonostante le ultime misure introdotte dal Municipio, continua il degrado alla "spiaggia" di Lugano. Ieri intervento della polizia
Mendrisiotto
1 gior
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
1 gior
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
1 gior
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
1 gior
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
1 gior
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
1 gior
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
1 gior
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
1 gior
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
1 gior
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
1 gior
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Locarnese
28.07.2017 - 16:380
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:20

Un Parco nazionale 'bello e buono'

Momento storico per i Comuni e i Patriziati del Parco nazionale del Locarnese, che dopo anni di lavoro con le realtà locali e di coordinamento con Cantone e Confederazione esprimono la loro grande soddisfazione per essere arrivati ad un progetto "bello e buono" – come comunicato dalla Direzione del Progetto di Parco nazionale – per lo sviluppo del loro territorio; un progetto quasi pronto per essere presentato alla popolazione, nel corso dell’autunno, che potrà migliorarlo ulteriormente con le sue proposte.

Si è tenuto ieri, giovedì, a Cavigliano, il tradizionale incontro estivo del Consiglio del Parco Nazionale del Locarnese, che riunisce i rappresentanti dei Comuni e dei Patriziati promotori di questo progetto di sviluppo territoriale, insieme ai delegati dell’Ente regionale di sviluppo. Questo non è stato tuttavia un incontro come gli altri, in cui Comuni e Patriziati hanno cercato di capire insieme come poter andare a sostenere e a sviluppare il loro territorio, condividendo preoccupazioni e obiettivi della popolazione, discutendo possibilità e progetti. Quest’ultimo Consiglio del Parco è stato diverso, il culmine di questo grande lavoro democratico. “È stato un momento importante, in cui tutti noi abbiamo espresso la nostra soddisfazione per essere stati capaci di costruire un progetto bello e in grado di portare qualcosa di davvero buono sul territorio. Un Parco che potrà portare linfa nuova attraverso idee e progetti, per favorire chi vive e lavora nella regione, dando valore al patrimonio più grande del nostro comprensorio: la natura e il paesaggio”, racconta la presidente del Parco e dell’Ente regionale di sviluppo Tiziana Zaninelli.

 

Soddisfazione dunque, per un Parco su misura i cui lavori hanno coinvolto anche Cantone e Confederazione. “Cantone e Confederazione forniscono a Comuni e Patriziati le basi legali per la creazione di un Parco Nazionale di nuova generazione, dove uomo e natura convivono in armonia, cioè la legge con la relativa ordinanza”, spiega Tiziana Zaninelli. “Poi però sta ai Comuni e ai Patriziati di capire come questi strumenti possono essere tradotti sul loro territorio interpretando i bisogni della popolazione, e di portare delle buone proposte. Così facendo, quello che da ottobre presenteremo ai nostri abitanti sarà un Parco nato nel Locarnese per il Locarnese, pensato per sostenere la realtà di casa nostra”.

Le fa eco il vicepresidente del Parco e sindaco di Onsernone, uno dei Comuni faro del Candidato Parco Nazionale, Cristiano Terribilini. “All’inizio di questo lavoro abbiamo fatto un punto della situazione attuale del nostro comprensorio in diversi ambiti, la natura e la biodiversità, l’economia, il turismo e l’occupazione, eccetera, per identificare lacune e potenzialità. In seguito abbiamo sviluppato il Parco come uno strumento operativo in mano ai Comuni ed è in questo processo che abbiamo condiviso quelle che per noi sono delle buone proposte e soluzioni con Bellinzona e Berna. Così, con i giusti argomenti, siamo riusciti ad ottenere un consenso a tutti i livelli. Ad esempio, anche nelle zone protette o zone nucleo del Parco è prevista la caccia di selezione del cinghiale, come ora si potrà sorvolare il Parco con qualsiasi mezzo (aereo, elicottero, parapendio, ecc..), per le questioni edilizie le leggi rimangono quelle attuali, si potrà attraversare il parco con i cani al guinzaglio, si potrà praticare l’arrampicata. Nelle zone periferiche del Parco invece, che corrispondono alla maggior parte del territorio, non entrerà in vigore nessuna norma in più rispetto a quelle esistenti. Naturalmente queste e tutte le altre attività come la caccia, la pesca, lo sfruttamento forestale, l’attività estrattiva, etc. continueranno e, anzi, il Parco avrà i mezzi per sostenere nuove iniziative. L’ultima in ordine di tempo sarà inaugurata proprio domani in una delle aree candidate a futura zona centrale. Si tratta del nuovo rifugio sull’alpe Corte Nuovo promosso dal Patriziato di Borgnone, in collaborazione con il Comune di Centovalli e il Parco”.

© Regiopress, All rights reserved