ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Minusio, Lyceum club da Pedro Pedrazzini

Visita all’atelier dello scultore locarnese giovedì prossimo. A seguire, la merenda
Gallery
Locarnese
5 ore

La Rega decolla nei consensi e nella simpatia

Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
7 ore

Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina

Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
10 ore

Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa

Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
13 ore

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
17 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
17 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
1 gior

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
1 gior

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
26.06.2022 - 15:57
Aggiornamento: 11.07.2022 - 18:24

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)

conferenza-sull-ambiente-1-premio-a-una-classe-di-acquarossa
Manu Friedrich/GLOBE Svizzera
Gli allievi mentre ricevono il 1° premio

Gli allievi della quinta classe delle scuole elementari di Acquarossa si sono aggiudicati il 1° premio (nella categoria Scuole elementari) al Globe Contest, il più grande concorso di ricerca per giovani in Svizzera. La classe della docente Nora Antonini ha vinto grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite). Durante la conferenza nazionale, che si è svolta lo scorso 24 giugno all’Università di Berna, 62 gruppi con oltre 170 studenti e i loro insegnanti hanno presentato i loro lavori nei campi di studio della biodiversità, del cambiamento climatico, della qualità del suolo e dell’acqua. Conferenza – promossa dall’organizzazione per l’educazione ambientale Globe Svizzera con il sostegno del Centro Oeschger per la ricerca sul clima dell’Università di Berna – che "è stata organizzata come una vera e propria conferenza scientifica", si legge in un comunicato, e alla quale ha anche partecipato un "ospite speciale": il direttore scientifico della Nasa Thomas Zurbuchen, ha infatti "condiviso con il pubblico entusiasta non solo fatti scientifici ma anche vicende personali legate al suo vissuto da scienziato".

Un percorso didattico per sensibilizzare sulla riduzione della biodiversità indigena

Concretamente, gli allievi della quinta elementare di Acquarossa "hanno studiato dove si trovavano le neofite lungo un percorso naturalistico sulle piante che avevano creato e come queste presenze cambiavano nel tempo. La loro ipotesi è che si siano diffuse e siano diventate più numerose nel corso del tempo. Per raccogliere e confrontare i dati hanno utilizzato l’app ‘Taccuino per neofite invasive’ di Info Flora. Confrontando le loro registrazioni con i dati esistenti, hanno scoperto che il poligono del Giappone si è diffuso notevolmente negli ultimi due anni. Mentre nel 2020 si contavano tra i 25 e i 50 individui, nel 2022 se ne contavano già più di 1’000. Non hanno più trovato il lillà estivo in un sito, ma in un altro, e hanno registrato tre specie precedentemente non documentate, la verga d’oro maggiore, la robinia e l’assenzio dei fratelli Verlot". Gli studenti hanno anche fatto notare che, "poiché l’app può essere utilizzata da tutti, i dati già raccolti non sono completi e potrebbero non essere sempre corretti. Per avere dati affidabili, sarebbe necessario un monitoraggio su più anni". In ogni caso, "con il loro percorso didattico, che inaugureranno a breve, vogliono far conoscere alla popolazione di Acquarossa le neofite e sensibilizzare sul fatto che possono portare a una riduzione della biodiversità indigena".

Altri sei progetti ticinesi

La delegazione ticinese contava anche altri 6 progetti di ricerca per le scuole medie, provenienti dalle sedi di Bedigliora, Giubiasco e Riva San Vitale, con i docenti Mahmut Filimci, Edoardo Barca e Mirco Sarac. Tutti i partecipanti sono stati coinvolti nella presentazione dei loro lavori e hanno potuto vivere il momento di condivisione dei propri risultati con i compagni e le compagne della Svizzera.

Il concorso sarà riproposto

Con il loro lavoro, gli allievi e le allieve hanno seguito il tipico processo di ricerca che inizia con la formulazione di domande basate sull’osservazione della natura. A partire da queste domande di ricerca sono state sviluppate delle ipotesi e sono state pianificate le relative indagini. I dati raccolti vengono analizzati e si traggono conclusioni che spesso portano a nuove domande e ipotesi. Il feedback dei partecipanti dimostra che il nuovo concorso Globe è un’aggiunta preziosa all’ampia offerta già esistente di Globe Svizzera e sarà sicuramente riproposto.

Globe è l’acronimo di ‘Global Learning and Observations to Benefit the Environment’ ed è un programma educativo internazionale per tutti i livelli scolastici. Il programma è stato lanciato negli Stati Uniti nel 1994 con il patrocinio dell’allora vicepresidente Al Gore. Il programma internazionale è sostenuto, tra gli altri, dalla Nasa. Globe Svizzera è sponsorizzato dall’Ufficio federale dell’ambiente e nella Svizzera italiana collabora con il Dipartimento formazione e apprendimento (Dfa) della Supsi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved