laRegione
Nuovo abbonamento
educatore-di-strada-a-bellinzona-che-sia-un-servizio-vero
Il presidente della commissione legislazione, Orlando Del Don (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Balerna introduce regole di mobilità aziendale

Pronto il Regolamento che, dal 2021, porterà posteggi a pagamento per i dipendenti e alla concessione di incentivi per la mobilità sostenibile
Ticino
4 ore

Più di 30mila firme contro l'eutanasia degli animali sani

La maggior parte sono state raccolte sulla piattaforma internet change.org. La petizione è stata consegnata al presidente del Gran Consiglio
Bellinzonese
4 ore

Liquami nel fiume in Alta Valle di Blenio

La situazione è stata segnalata al Dipartimento del territorio e al Comune. Si tratta di uno scarico proveniente da un alpe
Locarnese
5 ore

Un caso positivo alle Medie di Losone, classe in quarantena

Dopo aver informato la direzione dell’istituto, l’Ufficio del medico cantonale ha già provveduto a notificare alle famiglie via Sms
Bellinzonese
5 ore

Patriziato di Bellinzona in assemblea

Tra i temi all'ordine del giorno, verrà anche presentato il progetto di restauro della Chiesa Madonna della Neve
Luganese
5 ore

Clima, i Comuni che possono fare? Se ne parla a Lugano

Se ne discuterà in un pomeriggio informativo che si terrà il 7 ottobre al Palazzo dei congressi. Prenotazione entro il 30 settembre
Luganese
5 ore

Manno, EspaceSuisse in assemblea

Il gruppo regionale si riunirà sabato 1 ottobre nella sala Aragonite e voterà il sostituto di Giancarlo Re alla guida dell'associazione dal 2004
Bellinzonese
5 ore

A S. Antonino premiato il podista Gaetano Genovese

Scopre la passione per la corsa alla soglia dei 50 anni e da lì nessuno lo ferma più. Il Comune gli ha dato un riconoscimento al merito
Luganese
5 ore

Muzzano, Ubs mette in campo 150 volontari

Al quarto anno l'iniziativa dei dipendenti per salvaguardare il natura e paesaggio. Interventi di pulizia anche al Monte Verità
Luganese
5 ore

Cambio al vertice al Soroptimist di Lugano

Nuova timoniera del club è Elena Bittante, che subentra a Catherine Gasser-Clément
Bellinzonese
5 ore

Educare con empatia, tre incontri a Bellinzona

Gli appuntamenti gratuiti affronteranno alcuni aspetti delle relazioni con i figli, dei conflitti e della gestione delle emozioni
Bellinzonese
6 ore

A Villa dei Cedri si pianta un nuovo melo

L'evento viene organizzato domenica in collaborazione con la Società ticinese di scienze naturali
Luganese
6 ore

Lugano, Acli verso il 14esimo congresso

Le Associazioni cristiane lavoratori internazionali si riuniranno sabato. Fra le trattande, la votazione del presidente e del Consiglio cantonale
Ticino
6 ore

Gran Consiglio: approvati i conti 2019, scintille sui permessi

Con 43 favorevoli e 30 contrari il parlamento dà il proprio via libera al consuntivo dello scorso anno. Gobbi rinvia le polemiche a giovedì
Bellinzonese
6 ore

Serata pubblica su case anziani e Covid

La organizza l'Mps il 30 settembre alle Scuole Nord di Bellinzona. Sul piatto del giorno la gestione durante l'emergenza e nella fase degli allentamenti
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona verso un Ente autonomo unico per le zone collinari

Il Municipio risponde a un'interrogazione di Pedrioli (Ppd) sulla Sponda sinistra. Rimangono per ora esclusi i territori di Claro, Giumello e le cime di Medeglia
Bellinzonese
16.09.2020 - 19:260

Educatore di strada a Bellinzona, ‘che sia un servizio vero’

La Legislazione del Cc verso un pieno sostegno alla mozione di Vito Lo Russo. Gli auspici del presidente commissionale Orlando Del Don

Si allunga l’elenco di adesioni alla mozione del consigliere comunale liberale-radicale di Bellinzona Vito Lo Russo per l’istituzione di un educatore di strada. Dopo il preavviso positivo del Municipio anche la Commissione legislazione, preposta a esprimersi all’indirizzo del plenum del Cc cui compete la decisione sul principio, si sta orientando verso un’adesione piena. Gli ultimi dubbi, se ce n’erano, sono caduti martedì sera durante l’audizione del mozionante che ha avuto modo di rispondere alle domande dei ‘commissari’ coordinati dal presidente Orlando Del Don (Udc). Quest’ultimo, interpellato dalla ‘Regione’, si dichiara «estremamente soddisfatto» per la qualità del dibattito innescatosi sulla mozione. Taluni consiglieri condividono peraltro la sua opinione secondo cui «vi è un’assoluta necessità di quello che, confidiamo, non dovrà limitarsi a essere un compito affidato a una singola persona magari incaricata a tempo parziale, ma dovrà assumere la forma di un vero e proprio servizio comunale, formato da almeno due professionisti». Opinioni, per ora personali, che potrebbero confluire nel rapporto all’indirizzo del Legislativo, dopo che sarà effettuata anche l’audizione del municipale e capodicastero Servizi sociali Giorgio Soldini, a sua volta favorevole all’istituzione dell’operatore di strada.

'Evitare cose fatte a metà'

«Auspicavo un’adesione piena che si è nel frattempo palesata – dichiara Del Don – non da ultimo perché il quadro generale e i fatti incresciosi più recenti dimostrano ancora una volta l’urgenza di dotare la nuova Bellinzona di questo servizio. Vito Lo Russo è stato molto bravo a esporre i contenuto della sua mozione e a rispondere alle varie sollecitazioni. Una propositività interessante il cui esercizio spero possa sfociare in una soluzione di peso. Anzi, mi piace pensare che il servizio proposta possa diventare un fiore all’occhiello della Città di Bellinzona». L’invito insomma è quello di non lesinare sulle risorse da destinare all’operatore di strada: «Se da una parte possono essere condivisibili le preoccupazioni verso lo stato di salute delle finanze cittadine e il costante controllo della spesa – annota Del Don – dall’altra è innegabile che il tema richieda una soluzione seria, non un contentino, un palliativo o ‘cose’ fatte a metà». L’obiettivo dell’esercizio «è fare prevenzione approcciando le situazioni problematiche vissute dai giovani e dai loro familiari. Ossia anticipare la fase successiva che è praticamente la cura. A curare siamo tutti bravi, a prevenire un po’ meno». Fra le mansioni elencate «vi è quella di andare direttamente sul posto in cui si manifestano situazioni problematiche o di disagio. Luoghi dove solitamente i funzionari non mettono piede. E successivamente fare da collante fra le varie istituzioni preposte a individuare e applicare la giusta soluzione». Questo funziona «se gli operatori sono almeno due. Non si può pensare a una sola unità». Quanto alla formazione richiesta, «direi che quella di operatore sociale, come base teorica, può essere un buon punto di partenza. Ma con una spiccata propensione ad approcciare il mondo giovanile. Perché con i giovani bisogna saperci fare». 

'Evitare provocazioni e scontri'

Si parla molto in queste settimane delle risse fra giovani scoppiate nottetempo all’esterno di esercizi pubblici: dapprima in viale Stazione ed ora, come pubblicato dal nostro giornale, in via Dogana. «È impensabile che l’educatore di strada risolva i problemi dei giovani violenti, con situazioni ormai sfuggite di mano. L’operatore dev’essere in grado d’intervenire prima, laddove iniziano a manifestarsi richieste di attenzione che, se non ascoltate, finiscono poi in manifestazioni di violenza come le risse, i danneggiamenti, le detonazioni, l’uso improprio del corpo a fini sessuali per ricevere piccoli compensi finanziari. Se invece si mostra loro che c’è una seria volontà di ascolto e individuazione comune delle risposte, il quadro migliora notevolmente». Un quadro che tuttavia può essere costellato da difficoltà in più ambiti, da quello scolastico a quello lavorativo fino a quello affettivo, con una marcata mancanza di prospettive. Si vuole dunque – chiediamo – un educatore di strada multitasking con funzioni da vice-genitori? «Sono immaginabili figure di adulti che evitano atteggiamenti di provocazione e scontro – risponde Orlando Del Don – spostando anzi il loro contributo sul dialogo, sulla capacità d’individuare con pazienza ciò che i ragazzi chiedono, con più visite nei luoghi di raduno ripetute nel tempo. Educatore ‘di strada’ deve insomma avere un’accezione concreta, col rischio magari di subire ogni tanto qualche spintone». Locarno, Lugano, Chiasso e altre città d’Oltralpe si sono da tempo dotate di servizi simili, non sempre con risultati lodevoli. Un rischio calcolabile? «Abbiamo il vantaggio – risponde Del Don – di poter far capo a bilanci di esperienze precedenti portate avanti in contesti analoghi al nostro. Si tratta di evitare determinati errori».

© Regiopress, All rights reserved