laRegione
Nuovo abbonamento
riattaccata-la-gamba-del-gigante-amputata-dai-vandali
L’artista francese François Malingrëy prima di cominciare la riparazione (Ti-Press/Elia Bianchi)
+13
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Penz...iamo a Chiasso non si ferma

La voglia di fare sport supera ogni ostacolo; la 10 chilometri di Chiasso (con tutte le precauzioni del caso) si svolgerà il 5 settembre
Mendrisiotto
5 ore

Alberto Giacometti visto dal confine di... Chiasso

Il m.a.x. museo (che torna il 18 agosto) propone il racconto dell'artista, partendo dalla sua opera grafica, fra oggetti, aneddoti e un piatto unico
Luganese
6 ore

Campione, i giochi della politica: due, tre sindaci in corsa

In vista delle Amministratve di settembre, che potrebbero porre fine al commissariamento. Il 21 agosto scade il termine per le candidature
Luganese
8 ore

Lugano - Avellino, un sedicesimo giorno partito male

Prosegue l'avventura di Soccorso 'Soc' Cresta e del figlio Gabriele che dal Ticino stanno raggiungendo a piedi e in bici Castelfranci
Locarnese
10 ore

Museo Epper Ascona, tante domande... Nessuna risposta

Contro il trasloco delle opere dei due artisti, a breve partirà una segnalazione alla Commissione amministrativa della Vigilanza sulle fondazioni
Ticino
10 ore

Strutture turistiche, 'Valutare se prolungare l'apertura'

Angelo Trotta (Att): 'Per alberghi o impianti di risalita sarebbe l'anno giusto per rimanere aperti anche in novembre o riaprire nel periodo natalizio'
Luganese
10 ore

'Il mio anno in Zambia e un lockdown impossibile'

L'esperienza di Roberta Bernasconi, cooperatrice di Comundo, che ha portato il digitale nelle scuole
Audio
Ticino
1 gior

'La ripresa dei grandi eventi fa felici, fa respirare'

Daniele Finzi Pasca sull'allentamento previsto per le manifestazioni con più di mille persone. La sua compagnia, però, da settembre punta sul... 'Luna Park'
Foto
Bellinzonese
1 gior

Malvaglia, esce di strada con la moto e finisce in una vigna

In sella vi era un giovane centauro che, nell'incidente, ha riportato ferite. Abbattuti alcuni pali di sostegno del vigneto
Ticino
1 gior

Settimana radar per tutti (ma di più nel Luganese)

Pubblicato dalla Polizia cantonale l'elenco dei luoghi dove verranno svolti i controlli di velocità tra il 17 e il 23 agosto 2020
Audio
Ticino
1 gior

Cavalli: 'Sui grandi eventi avrei atteso ancora'

Secondo il politico e oncologo ancora troppi, oltre Gottardo, non fanno attenzione. Scetticismo sul vaccino russo: 'Una butade propagandistica di Putin'
Luganese
1 gior

560 firme contro l'antenna 5G a Gentilino

Consegnata ieri al municipio di Collina d'Oro la petizione contro l'edificazione della torre presso il campo da calcio
Mendrisiotto
1 gior

Cabbio e Muggio, acqua di nuovo potabile

Revocato l'avviso pubblicato a inizio settimana a seguito di non meglio precisati problemi all'acquedotto
Foto
Bellinzonese
1 gior

Bellinzona, contro un muro uscendo dal parcheggio: ferite serie

Incidente della circolazione sul mezzogiorno a Ravecchia. Una 82enne del bellinzonese è rimasta incastrata tra le lamiere
Luganese
1 gior

Parco Ciani, strappano una collana e si danno alla fuga

Fermati ieri in serata tre magrebini perché sospettati di aver partecipato al tentativo di furto. Accertamenti in corso
Bellinzonese
30.07.2020 - 06:000

Riattaccata la gamba del gigante amputata dai vandali

L'artista parigino Malingrëy è intervenuto nel parco di Villa dei Cedri a Bellinzona. Dubbi sul futuro espositivo 'open air' dopo i fatti recenti

Dopo aver fatto pitturare di rosso sangue la ‘ferita’ alla gamba del suo ‘Jardinier aux fleurs gisantes', ieri il giovane artista parigino François Malingrëy con l’uso di resina e colla speciali ha cominciato l’operazione di riposizionamento dell’arto sinistro che ignoti avevano rotto penetrando nel parco di Villa dei Cedri durante la notte fra il 7 e l’8 luglio. Il gigante di oltre 5 metri e 200 chili di peso tornerà dunque a breve gamba-munito. Nei giorni scorsi ha riparato la propria opera anche il belga Conrad Willems, la cui composizione geometrica in marmo rosso era stata sfregiata, pure da mano ignota, con un oggetto appuntito. In quel caso l’operazione di levigatura ha richiesto più tempo del previsto a causa della profondità delle incisioni.

Vernice rossa e sfogo su Facebook

Tutto bene? Non proprio. Dopo la delusione espressa il 13 luglio su queste colonne dalla direttrice di Bellinzona Musei Carole Haensler, due gesti sottolineano la preoccupazione e la delusione degli artisti verso quanto accaduto. L’aver fatto pitturare di rosso la parte in cui la gamba ha ceduto indica che François Malingrëy considera l’atto vandalico un’aggressione non solo all’oggetto in sé ma anche all’espressione di arte contemporanea che esso rappresenta e al lavoro di chi l’ha ideato e realizzato. Sangue come sinonimo di rabbia e dolore. Conrad Willems si è dal canto suo sfogato su Facebook: “Cosa spinge qualcuno ad attaccare un'opera d'arte pubblica? Sono stati aggressori estetici o politici, o forse ragazzi ignoranti? Indipendentemente dal loro scopo e dall’agire intenzionale o meno, quanto accaduto fa riflettere sull'arte nei luoghi pubblici. Ci fa anche riflettere sul pubblico, sulla sua posizione di creatore e distruttore. Mi chiedo come Bellinzona percepisca questo evento: interessa? Se una mia opera sarà nuovamente danneggiata, non la riparerò. Come atto di sfida”.

Dopo la notizia molti visitatori

Le varie installazioni esposte, ricordiamo, si trovano nel parco dal mese di febbraio, e lì sono rimaste durante tutto il lockdown senza subire danneggiamenti. Un primo passo nel percorso di apertura del parco verso contenuti artistici, esposizioni temporanee con le quali si mira ad avvicinare la gente all’offerta museale di Villa dei Cedri. Un’iniziativa apprezzata dai più, tanto che la notizia dei danneggiamenti ha spinto molta gente a visitare il parco con un sentimento misto di curiosità, interesse e solidarietà. Intervistata il 13 luglio, Carole Haensler aveva detto che gli atti di vandalismo non la intimoriscono ma la preoccupano: “Perché vanno letti in un contesto più globale – aveva detto – nel quale la posizione della cultura viene erosa nella scuola e nell’educazione, svilendo il significato di rispetto, di visione critica verso certi episodi e di responsabilità sociale. Se un museo gioca anche un ruolo nell’apertura delle menti – concludeva – allora resisteremo e non chiuderemo né gli edifici, né tantomeno i parchi”. Resistere.

Nel parco anche in futuro?

Oggi, a mente fredda, aggiunge altre valutazioni sollevando interrogativi sull’opportunità di riproporre in futuro esposizioni all’aperto. «Può darsi che l’arte contemporanea provochi il visitatore maggiormente rispetto all’arte figurativa, a tal punto da spingerlo a non prestare il dovuto rispetto verso ‘qualcosa’ che interroga. Quanto accaduto può però anche essere letto come una desacralizzazione dell’opera d’arte, dimenticando quanto c’è dietro di essa fra come investimento in ore di lavoro, impegno creativo e finanziario. Sbaglia insomma chi crede che un’esposizione gratuita all’aperto, voluta per far dialogare maggiormente il pubblico con l’offerta museale nel suo complesso, abbia un valore ridotto». Una volta chiusa il prossimo autunno l’attuale esposizione, si guarda a quella prevista fra un anno e mezzo, nella primavera 2022. Ancora il parco di Villa dei Cedri? «Poiché il rischio di dover fare i conti con altri atti vandalici è alto, sto riflettendo se non sia il caso di esplorare alternative», risponde Carole Haensler: «Per talune opere, un'alternativa potrebbe riguardare i negozi rimasti chiusi nel centro storico. Vetrine dietro le quali esporre, con possibilità di entrare e vedere da vicino, tracciando un ponte ideale fra Villa dei Cedri e il cuore della sua città. Ciò che implicherebbe il coinvolgimento di uno staff di volontari incaricati di tenere aperto, vigilare e fornire informazioni».

Aspettando l'analisi esterna

Ipotesi di lavoro, questa, che deve fare i conti con l’analisi, in corso da un anno e mezzo, sul posizionamento strategico del museo civico Villa dei Cedri, marketing compreso. Il consulente esterno incaricato dovrebbe consegnare il rapporto conclusivo nel corso dell’autunno. I primi risultati indicano la necessità di rafforzare l’idea di Villa dei Cedri nel suo complesso grazie a un contenitore globale formato anche da parco e vigneto. Consiglio direttivo dell’Ente autonomo e commissione scientifica dovranno a quel punto considerare il rapporto e i fatti recenti, «senza tuttavia incrementare il livello di sorveglianza: mi rifiuto – annota la direttrice – di trasformare il parco in una super banca».

Guarda tutte le 17 immagini
© Regiopress, All rights reserved