laRegione
Nuovo abbonamento
L'ex Posta di Airolo disegnata dall'architetto Rino Tami (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
32 min
Cc Lugano, per due sere si torna al Palacongressi
Tra i temi caldi, tre mozioni sul Centro sociale e la richiesta di ripristino della legalità. All'ordine del giorno anche la piscina di Carona
Luganese
1 ora
Raiffeisen di Lugano, 2019 da incorniciare
Utile d'esercizio in lieve aumento e il numero di soci ha superato le 8 mila 200 unità
Mendrisiotto
1 ora
Per cifra d'affari l'Admiral è secondo solo a Zurigo
Un 2019 da ricordare per la casa da gioco di Mendrisio che para anche il colpo dell'emergenza sanitaria. Numeri in ripresa e nessun licenziamento
Mendrisiotto
1 ora
Il Consiglio comunale di Mendrisio discute i conti 2019
Agenda fitta per la seconda seduta fuori sede, sullo sfondo le preoccupazioni finanziarie dettate dall'emergenza sanitaria
Luganese
2 ore
Casinò di Campione, la perdita più grave: 120 milioni di euro
Ecco la stima del deficit accumulato dalla casa da gioco a quasi due anni dalla sua chiusura. L'incasso giornaliero medio era di 250 mila euro
Locarnese
2 ore
Lavori notturni sulla tratta Ponte Brolla-Intragna
A partire da domani fino a sabato 11 luglio. Ad Ascona, fermata Linea 1 del bus soppressa, dal 6 al 31 luglio
Ticino
2 ore
Da Guy Fawkes a Hitler, passando per Charles Manson
Molti i riferimenti alle grandi violenze del passato emersi durante l'istruttoria per la sventata strage alla Commercio di Bellinzona
Bellinzonese
2 ore
Auto sbanda sul Ceneri, madre e figlia al pronto soccorso
Avrebebro riportato ferite apparentemente non gravi. Illesi gli altri due occupanti. Il rocambolesco incidente è avvenuto questo pomeriggio sull'A2.
Luganese
2 ore
Scooterista frontaliere perde la vita sulla statale di Oria
La vittima è un 47enne giardiniere di Porlezza che lavorava in Ticino, vani i soccorsi dei sanitari
Locarnese
2 ore
Primi bilanci: il Lido di Locarno è moderatamente soddisfatto
Dalla riapertura delle strutture balneari, quella locarnese tira le somme provvisorie della sua ripartenza
Mendrisiotto
2 ore
A Chiasso il Mercato in versione estiva è serale
Debutto, sabato, per l'iniziativa che si popone di animare il Corso cittadino. In programma altri tre appuntamenti in luglio
Locarnese
3 ore
Navigazione Lago Maggiore, ripresi i collegamenti con l'Italia
Il nuovo orario estivo è entrato in vigore lo scorso 1° luglio e lo rimarrà fino al 30 settembre
Locarnese
3 ore
Ascona, nuovo piano di mobilità per allievi e anziani
Municipio, Assemblea genitori e Scuole hanno aderito al Piano di mobilità scolastica. Il gruppo di lavoro redigerà il progetto che 'farà bene a tutti'
Luganese
4 ore
Auto e scooter sequestrati dalla finanza di Oria Valsolda
Veicoli immatricolati in Svizzera ma guidati da cittadini residenti in Italia: 'è la nuova frontiera del contrabbando'. Sette persone coinvolte
Bellinzonese
26.06.2020 - 06:000
Aggiornamento : 09:17

Progetto Usi ad Airolo, trattative decisive per l'ex Posta

Municipio e Gigante giallo stanno discutendo il passaggio di proprietà dello stabile fra acquisto, ristrutturazione e futura gestione

Sono settimane decisive per la concretizzazione ad Airolo della Casa della sostenibilità, progetto promosso dall'Università della svizzera italiana (Usi) che mira a portare nell'alta Leventina una propria 'antenna' in grado di offrire a studenti e professori “una modalità innovativa di formazione, utilizzando lo spazio alpino e in particolare la regione del San Gottardo come laboratorio, un luogo dove vedere, toccare con mano e comprendere che cosa significa sviluppo sostenibile: dai trasporti al turismo, dall’agricoltura alla produzione di energia, fino ai cambiamenti climatici”. Quale sede ideale, ricordiamo, l'Usi ha individuato l'anno scorso lo stabile che fino all'autunno ha ospitato l'ufficio postale trasferito in novembre alla stazione Ffs. L'edificio risalente al 1950 e progettato dal rinomato architetto ticinese Rino Tami, ha una volumetria generosa e ben si adatterebbe alle varie tipologie di attività previste dall'università, che non si limiterebbe ad aprire un semplice sportello di rappresentanza. Centrale il ruolo che potrà giocare il Comune, considerato che si prospetta da parte sua l'acquisizione e forse anche la successiva trasformazione e gestione con modalità attualmente in fase di approfondimento. Le trattative Posta-Comune (l'ipotesi di cifra non viene per ora svelata) sono ora entrate nel vivo e vengono supportate dall'Ente regionale per lo sviluppo Bellinzona e Valli.

Il rettore: 'Questa forte progettualità ci sprona'

Il rettore dell'Usi, Boas Erez, conferma che non sarebbe l'università a comprare l'edificio: «Detto un po' brutalmente, non abbiamo soldi da destinare all'acquisizione, ma abbiamo molte idee che se sviluppate possono contribuire a generare flussi finanziari e finanziamenti utili a questo scopo». Progettualità che peraltro va ad aggiungersi ad altra progettualità: «Se puntiamo su Airolo - annota Erez - è perché qui percepiamo una gran voglia di fare. C'è una progettualità diffusa in vari ambiti, ad esempio quello dell'accoglienza se pensiamo al turismo, agli esercizi pubblici e agli impianti sportivi». Il tutto favorito dalla grande spinta generata dal risanamento ambientale del fondovalle previsto nell'ambito della realizzazione della seconda canna autostradale sotto il Gottardo. Il direttore dell'Ente regionale sviluppo, Manuel Cereda, rimarca dal canto suo l'interesse che tale progetto riveste in chiave di politica regionale: «Su questo siamo tutti d'accordo ed è dunque un buon punto di partenza. Avere ad Airolo un'antenna proattiva dell'Usi, che non si limiti a un'azione di rappresentanza, comporterebbe indubbie e interessanti ricadute sul territorio. Ecco perché è nostro desiderio fare il possibile per supportare Comune e Posta nelle trattative».

I contenuti della trasformazione

“Vista la missione - scrive l'Usi nel dossier di presentazione - il progetto di trasformazione edilizia potrà e dovrà tener conto di tutti e tre gli aspetti della sostenibilità (ambientale, sociale ed economico), senza dimenticare il valore storico e architettonico dell’edificio stesso”. Nel frattempo è stato realizzato un primo progetto di ristrutturazione tenendo conto dei diversi bisogni. La proposta indica la possibilità di creare spazi seminariali in grado di accogliere dalle 25 alle 80 persone, un'area espositiva di 154 metri quadrati, un dormitorio con 30 posti letto, una zona cucina e depositi per materiale. L’obiettivo è promuovere attività e incontri in dialogo con la ricchezza di iniziative ed enti che operano in Alta Leventina. Enti pubblici, musei, associazioni culturali e sociali, centri sportivi, aziende private ed enti scientifici vanno ad aggiungersi - sottolinea l'Usi nell'apposita brochure - alle caratteristiche e alla storia della regione del San Gottardo, rendendo questa zona un luogo privilegiato in cui osservare e sperimentare i grandi temi legati alla sostenibilità. L’obiettivo è quello di creare un centro in cui queste realtà possano trovare un punto di incontro e favorire ponti e collaborazioni con le diverse iniziative locali e a beneficio della popolazione. 

Potenzialità del territorio

Quanto al bisogno di immaginare e sviluppare nuovi modelli capaci di far riflettere ed educare allo sviluppo sostenibile, le Alpi “possono essere un luogo di osservazione e sperimentazione". Nelle Alpi "si addensano infatti pratiche nate attorno a un nuovi modi di vivere, di lavorare e di abitare, consapevoli delle potenzialità del territorio e dell’importanza della sua valorizzazione, ma anche dei limiti posti dalle sue particolari caratteristiche”. Da qui l'Usi, “chiamata a svolgere il proprio ruolo nella sensibilizzazione allo sviluppo sostenibile”. 

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved