il-sisi-sul-mortale-di-airolo-pianificazione-del-lavoro-lacunosa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Muralto, botte in stazione: commozione celebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è successo nel tardo pomeriggio di oggi: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
8 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
9 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
9 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
9 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
9 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
9 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
9 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
07.04.2020 - 10:57
Aggiornamento : 11:27

Il Sisi sul mortale di Airolo: 'pianificazione del lavoro lacunosa'

Il Servizio svizzero d'inchiesta sulla sicurezza ha pubblicato il rapporto finale sull'incidente che nel febbraio del 2019 causò il decesso di un agente di sicurezza.

Il Servizio svizzero d'inchiesta sulla sicurezza (Sisi) fa luce sull'incidente ferroviario che il 5 febbraio 2019 alla stazione Ffs di Airolo aveva causato il decesso di un agente di sicurezza e il grave ferimento di un collaboratore Ffs. Secondo il Sisi, hanno in particolare contribuito errori umani e lacune nella comunicazione. 

Nello specifico, la zona dei binari in cui i guardiatratta avevano posizionato la draisina (il veicolo ferroviario di servizio) non era sbarrata al traffico ferroviario ed era dunque aperta all’esercizio regolare. I collaboratori erano però convinti che il binario fosse sbarrato. "L’incidente - si legge nel rapporto finale stilato dal Sisi - è dovuto al fatto che la draisina è stata messa sul binario 3 in vicinanza del portale della galleria, sebbene lo sbarramento dei binari era previsto solo dal binario 13 verso l’interno della galleria. Poco prima del portale della galleria, il treno 4304 ha urtato la draisina che si trovava sul suo binario". 

Ecco i fattori che per il Sisi hanno determinato l'incidente:

  • La decisione strategica di utilizzare la draisina al di fuori del relativo concetto
    di utilizzo ha creato le condizioni favorevoli al verificarsi dell'incidente
  • una pianificazione del lavoro lacunosa e la presenza di numerosi documenti
    di sicurezza validi ma discordanti, in possesso del personale addetto ai lavori
  • la mancata reazione, durante il briefing, dei responsabili delle funzioni di sicurezza in merito alla non corrispondenza tra i documenti di sicurezza e la situazione reale.

L'incidente

Il 5 febbraio 2019, poco prima delle 9, una draisina motorizzata viene tamponata da un treno regionale partito dalla stazione di Airolo e diretto a Erstfeld. A causa dell'impatto un collaboratore di Securitrans perde la vita e un secondo collaboratore delle Ffs riporta gravi ferite. 

Introdotti controlli supplementari per lo sbarramento dei binari

Le Ffs faranno confluire le conclusioni tratte dall’incidente nell’attuale revisione della formazione per dirigenti responsabili della sicurezza. "In particolare - si legge nel comunicato diffuso - sarà necessario migliorare la rilevanza pratica, affinché si possa tenere meglio conto delle situazioni di partenza in loco e ottimizzare i piani di sicurezza delle aree dei lavori. Le FFS perseguono così l’obiettivo di migliorare costantemente la sicurezza" A tale scopo, le conversazioni dei collaboratori che contribuiscono alla gestione del traffico vengono analizzate su un campione casuale per valutare se la comunicazione soddisfa i requisiti della formazione. "L’obiettivo è di individuare tendenze e modelli nella comunicazione tra area dei lavori e capimovimento che hanno un impatto positivo o negativo sulla sicurezza". 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved