ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
48 min

Il gruppo Morbio2030 contro la diminuzione del moltiplicatore

Si tratterebbe, secondo il movimento, di una manovra che comprometterebbe le casse del Comune e di conseguenza anche le fasce di popolazione meno abbienti
Locarnese
2 ore

Va in scena una Locarno On Ice da favola

Domenica dedicata ai più piccoli, con racconti e rappresentazioni del musical Favolandia. Ma non mancheranno anche musica e le partite dei Mondiali
Locarnese
2 ore

Annullata la giornata di pulizia dei sentieri

Lo ha deciso, a causa delle poco incoraggianti previsioni meteo, il Comitato dell’Associazione di quartiere Solduno - Ponte Brolla - Vattagne
Locarnese
2 ore

Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno

Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
7 ore

Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani

Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
7 ore

Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’

La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Gallery
Luganese
14 ore

Manno: con l’auto nella scarpata, due ferite

L’incidente stradale è avvenuto attorno alle 21. Le due occupanti della vettura, una donna e una bambina, se la sono cavata con qualche escoriazione
Grigioni
15 ore

Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta

L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Locarnese
15 ore

Locarno, sul preventivo 2023 la Gestione ‘bastona’

Per nulla soddisfatti della situazione finanziaria della Città i commissari. Nel rapporto evidenziate diverse criticità. La politica di rilancio non va
Luganese
15 ore

Massagno, si è spento Paolo Grandi

Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
22.07.2019 - 06:00

In arrivo un asilo nido in Valle di Blenio

Una mozione interpartitica a Serravalle, Acquarossa e Blenio ha dato il via all’iter per un nuovo servizio finora non presente

di Samantha Ghisla
in-arrivo-un-asilo-nido-in-valle-di-blenio
Ti-Press

La richiesta c’è. Lo provano i dati raccolti in occasione di un sondaggio promosso nei tre Comuni della Valle di Blenio. E ora la nascita di un asilo nido si fa sempre più concreta. Come spiega da noi contattata Giuliana Colombini, coordinatrice della Commissione intercomunale nata a seguito di una mozione che chiede di andare in questa direzione, si stanno muovendo i passi necessari per riuscire a fornire questo nuovo servizio alla popolazione di tutta la valle. Attualmente in questa regione sono presenti le offerte di attività per famiglie delle associazioni L’Apis e Ul Süril alle quali la nuova proposta vuole essere complementare. Manca infatti un vero e proprio asilo nido che permetta a genitori che lavorano e che non dispongono di aiuti da parte di parenti o amici di lasciare i figli nei giorni settimanali sull’arco di tutto l’anno (fatta eccezione per due settimane a Natale e tre d’estate). Alla luce del sondaggio, all’unanimità la commissione ha approvato la proposta di introdurre questo servizio e toccherà ora ai Consigli comunali di Serravalle, Acquarossa e Blenio esprimersi a tal riguardo durante le sedute autunnali. La gestione ipotizzata è quella di un’associazione privata da fondare a tale scopo che, iter politico permettendo, potrebbe far partire l’asilo nido a settembre 2020. È stata nel frattempo individuata la possibile ubicazione, un’abitazione privata da prendere in affitto (e nella quale effettuare alcuni interventi) situata nei pressi della stazione delle Autolinee bleniesi ad Acquarossa, in una posizione centrale nella valle e vicina a numerosi servizi. La formula prevista – per rendere cauto l’avvio dell’operazione – sarà verosimilmente quella di un “micro nido”, che permetterà di iniziare con un piccolo gruppo di bambini di età mista e 2,5 o 3 unità lavorative. Al sondaggio, inviato su tutto il territorio della valle in 2’125 copie, ha partecipato circa un quinto degli interpellati, per la maggior parte donne (gli uomini sono stati il 42%). In media il 60,8% ritiene che si tratti di un servizio opportuno di cui usufruirebbe (il dato più elevato è quello di Blenio con il 67,7% di risposte positive). Dai dati raccolti vi sarebbero già sufficienti iscrizioni per aprire il nido tra un anno. Poco interesse per il servizio è invece stato espresso da parte di dipendenti che lavorano in valle ma non vi sono domiciliati.

Verso un servizio sociale bleniese itinerante

Accanto alla mozione per l’asilo nido, nei tre Comuni bleniesi ne era stata presentata una, anche lei interpartitica, per la creazione di un servizio sociale di valle che possa aiutare fin dai primi momenti di difficoltà giovani, famiglie, anziani, disoccupati, persone con problemi di salute ecc. Sul tema si sono chinate tre commissioni create ad hoc e poi unite in un’unica commissione intercomunale, la quale ha proposto l’introduzione di una figura di assistente sociale impiegata all’80% itinerante nei tre comuni della valle ed eventualmente disponibile anche a domicilio. Il rapporto commissionale di maggioranza è stato firmato da tutti i commissari tranne un’eccezione del Comune di Blenio, autore di un rapporto di minoranza. I rapporti, assieme al preavviso che i tre Municipi dovranno ora stilare, finiranno sui banchi del Consiglio comunale verosimilmente assieme al tema dell’asilo nido il prossimo autunno. «L’intento – sottolinea la coordinatrice della commissione intercomunale Giuliana Colombini – è anche quello di fare prevenzione, per esempio nei casi in cui grazie a un tempestivo aiuto sociale si riesce a evitare una segnalazione all’Autorità regionale di protezione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved